Testimonianza aziendale:

Gli accordi commerciali mettono i piccoli paesi sulla mappa

Gli accordi commerciali mettono i piccoli paesi sulla mappa

ABCON può essere una piccola impresa in un piccolo paese, ma gli accordi commerciali ci offrono una portata internazionale.
Barry Smith
Direttore, ABCON

La società situata in Irlanda rurale produce dal 2005 prodotti abrasivi specializzati in zone difficilmente accessibili o per ottenere particolari finiture su superfici metalliche. I loro prodotti sono utilizzati, tra l'altro, nell'ingegneria di precisione, nell'industria aerospaziale e nel settore automobilistico. Grazie agli accordi commerciali, ora hanno clienti in Corea del Sud, Cile, Singapore e Canada, per citarne solo alcuni.

Sfruttare i vantaggi della riduzione delle formalità burocratiche

"Produciamo un prodotto di nicchia che può essere imballato e spedito a un prezzo che il mercato può accettare, insieme a un servizio e a un supporto tecnico eccellenti", afferma Smith.

Nel caso dei prodotti specializzati di ABCON, gli accordi commerciali non fanno una differenza importante per la fissazione dei prezzi, in quanto la tariffa OMC su tali prodotti è già bassa, pari al 2-3 %. In cui ABCON ritiene davvero che i vantaggi degli accordi commerciali siano la riduzione delle formalità amministrative e la rapidità attraverso le dogane.

"Prima dell'accordo commerciale UE-Canada (CETA), il passaggio dei nostri prodotti alle dogane potrebbe richiedere 12-15 giorni, ma grazie al CETA le spedizioni arrivano ora alle dogane in un giorno. Anche la documentazione richiesta è diminuita, il che attenua la pressione sul nostro team logistico ", afferma Smith.

Quando ABCON ha iniziato a operare, essi avevano nove dipendenti. Oggi dispongono di 140 dipendenti a tempo pieno, che fanno dell'impresa un importante datore di lavoro nella regione. Oltre a quelli direttamente impiegati, essi lavorano con fornitori e subappaltatori locali per vari servizi. In tal modo, gli accordi commerciali hanno effetti positivi sulle imprese dell'UE che potrebbero non essere nemmeno orientate all'esportazione.

Notizia in Giappone

L'ABCON sta entrando nel mercato giapponese ed è una conseguenza diretta dell'accordo commerciale UE-Giappone. Il sig. Smith afferma: "prima dell'accordo non vi era quasi alcuna possibilità di commerciarvi ABCON in quanto il Giappone è un mercato molto difficile e non abbiamo alcuna forza nel paese". Per la prima volta, essi ricevono richieste da potenziali clienti giapponesi. Recentemente, il membro della EEN Enterprise Ireland ha portato in Irlanda un contingente di imprenditori giapponesi e ha visitato il sito ABCON. I visitatori giapponesi avevano poca conoscenza dell'Irlanda e l'accordo commerciale UE-Giappone ha rappresentato un'attrazione fondamentale.

"I potenziali clienti sono spesso a conoscenza dell'Irlanda per il suo turismo o forse della sua industria farmaceutica, ma non necessariamente come fornitore industriale e gli accordi commerciali sono uno strumento potente per modificare tali percezioni. Oggi più che mai, gli accordi commerciali dell'UE stanno creando grandi opportunità per le piccole imprese ", afferma Smith.

Condividi questa pagina:

Link diretti