Version: 1.0.24.26 (2020-11-23 14:15)

Classificazione delle calzature

La presente guida ti aiuterà a classificare le calzature correttamente ai fini della tariffa.

Le calzature sono classificate nella Classificazione europea delle merci (Classificazione delle merci) secondo

  • il materiale che rappresenta la "tomaia" e la "suola esterna" a partire da (può trattarsi di qualsiasi materiale, con l'eccezione dell'amianto)
  • tipo e finalità
  • altre caratteristiche, ad esempio se la calzatura ricopre la caviglia, le dimensioni, l'altezza dello scalzo e se si tratta di scarpe da uomo o da donna

Definire le calzature

Tomaia

La tomaia è la parte di una calzatura, vano portabagagli, lo spostamento per pezzo o altra calzatura che si trova al di sopra della suola. La tomaia non comprende la lingua o un'imbottitura intorno al collo.

Se la tomaia è costituita da più materiali, occorre decidere quale materia coprire la maggior area esterna. Gli accessori e i rinforzi devono essere ignorati, come

  • cavigliere
  • rifinitura dei bordi
  • ornamenti
  • fibbie, linguette, occhielli ed accessori simili

Suola esterna

La suola esterna è la parte di una calzatura, vano portabagagli, lo spostamento d'aria o altro elemento di calzature che entrano in contatto con il suolo durante l'uso. La suola esterna non comprende i coni ombelicali separati.

Al fine di stabilire quale sia la suola esterna, occorre identificare il materiale che ha la maggiore superficie a contatto con il suolo. Si devono ignorare gli accessori e le maggiorazioni, ad esempio:

  • addizioni
  • bar
  • chiodi
  • dispositivi di protezione e analoghi dispositivi di fissaggio

I rinforzi sono parti quali cerotti in cuoio o in plastica che sono attaccati all'esterno della tomaia per darle maggiore forza. Esse possono essere o meno fissate alla suola. Per essere considerati come rinforzo, una parte allegata deve comprendere materiale che può essere utilizzato come rivestimento e non solo di rivestimento. Se una parte allegata copre solo una piccola parte della fodera, è trattata come parte della tomaia e non come rinforzo.

Per poter essere sicuri di una corretta classificazione delle calzature, potrebbe essere necessario tagliare il materiale esterno per vedere quello sottostante e scoprire quali sono i rinforzi e quali componenti costituiscono la vera e propria tomaia.

Altre definizioni utili

Quando si classifica le calzature è utile sapere quali sono le altre parti di un vano portabagagli. Alcuni esempi sono elencati di seguito

  • Collo — la superficie che costituisce il bordo della tomaia
  • Occhiello — rinforzo intorno al bordo di un foro del pizzo, di solito in metallo o plastica
  • Manda — la zona di una ganascia o di un vano sul quale sono ubicate le asole
  • Disxing — una striscia sottile, spesso di gomma, avvolgente il bordo di alcune scarpe e stivali
  • Piano di sbandamento — un pezzo di materiale fissato all'esterno dell'angolo di rinforzo o di rinforzo di una scarpa da parte di uno bassorilievo
  • Cono ombelicale — un cerotto di materiale collegato all'esterno dell'angolo del tallone della sagoma di uno stivale o di calzature sotto il collo del collo
  • Punta — un cerotto di materiale utilizzato per rinforzare l'esterno della punta dei bordi della parte superiore della punta
  • Linguetta, un lembo del materiale superiore cui è attaccata la parte esterna dell'utilizzatore — la lingua si trova di norma tra e sotto i due occhi.
  • La mascherina — parte della tomaia inferiore alla punta — la mascherina può comprendere la punta se la scarpa o il vano portabagagli non hanno un tetto

Tipi di calzature

Quando si classifica le calzature è importante individuare il tipo di calzature e il suo uso specifico.

Ai fini della classificazione, la tomaia è la parte della calzatura che copre i lati e la parte superiore del piede.

Di seguito sono elencati alcuni dei tipi più comuni di calzature contemplati nel capitolo 64.

  • Campane, di solito le tomaie, sono fabbricate in un unico pezzo e sono fissate alle suole mediante ribadini. Talvolta sono confezionati in un unico pezzo e non hanno o hanno bisogno di un'unica suola esterna applicata, nel qual caso sono classificate in base al materiale da essi fabbricato e non coperto in questo capitolo.
  • La "espadrilles", dette anche "scarpe da spiaggia", è dotata di suole in fibra di cotone, prive di spessore superiore ai 2.5 centimetri. Non c'è tacchi.
  • Ciabatte, denominati anche "thine flop". Le cinghie (o le cinghie) sono fisse per mezzo di tappi che bloccano i fori nella suola.
  • Calzature da escursione o da passamaneria, non classificate come calzature per lo sport
  • Sandali dell'India, con tomaie in cuoio naturale e tomaie di cuoio La tomaia è costituita da strisce che attraversano il passo di un piede e vanno intorno all'alluce.
  • I mocassini (tipo americano) — che utilizzano un unico pezzo di materiale — tradizionalmente tenero — per formare la suola e la tomaia (o parte superiore). Ciò rende difficile individuare il luogo in cui finisce l'estremità esterna e quello superiore.
  • Le calzature neoene — si utilizzano di norma nelle attività di immersione e negli sport acquatici. Se la tomaia non è ricoperta o laminata con i tessuti delle due parti, si considera fatta di materie tessili. Se la tomaia non ha un tessuto o è coperto solo su un lato, è classificato come fatto di gomma.
  • Calzature di sicurezza — calzature alle quali sono fissati i tappi di metallo
  • Sandali: la parte anteriore della tomaia (la mascherina) è formata da strisce o da materiale con uno o più intagli
  • Calzature — questo termine comprende le calzature, compresi i formatori, che non sono descritte altrove nella presente guida
  • Pantofole, tra cui muliline e altre calzature da uso, come le pantofole e le scarpe da ballo. Se la suola esterna è di plastica o di gomma (circa 1 cl) e poi coperta da uno strato molto sottile e non sostanziale di materia tessile, le pantofole sono classificate come suole esterne "plastica/gomma". In alcuni casi, interamente o in parte, la plastica esterna alla suola esterna è costituita da un tessuto di spessore maggiore e durevole, tratteggiato con il cloruro di polivinile (PVC). Ciò serve a prevenire lo scivolamento dell'utilizzatore. Tali ciabatte sono classificate in base al materiale che ha il maggior numero di contatti con il suolo. Se uno spostamento di alaggio in plastica o in gomma è ricoperto di un rivestimento tessile, lo scalo di alaggio può essere classificato nella voce 6405 solo se il tessuto si rivela durevole.

Materiali comuni per la fabbricazione di calzature

I prodotti contemplati nel presente capitolo possono essere fabbricati con qualsiasi materiale, escluso l'amianto, classificato nel codice 6812. Esempi di materiali comunemente utilizzati nelle calzature comprendono:

  • gomma
  • plastica
  • cuoio, ricostituito e pelle
  • prodotti tessili — feltri e stoffe non tessute
  • materiali da intreccio
  • legno
  • sughero

I tessuti di gomma e di materie plastiche comprendono i tessuti e altri tessili con uno strato esterno visibile di uno di questi materiali.

Fogli di materie plastiche

Si tratta di materiali di plastica di cui al capitolo 39. Può essere sagomato mediante incollaggio, mediante cucitura, saldatura o molatura (formatura sotto vuoto).

Fogli alveolari

Si tratta di un tipo di plastica con molte cellule di tutto il materiale. Le cellule possono essere aperte, chiuse o mescolate. È comunemente utilizzato nella fabbricazione di calzature classificate sotto il codice 6402. È spesso utilizzato come sostituto del cuoio e descritto come "similpelle", "cuoio sintetico", "cuoio di poliuretano", "cuoio in vinile" o "PVC (cloruro di polivinile)".

Materie tessili

Si tratta di materiali piatti in fibre tessili o in fibre tessili di maglia. Le fibre tessili comprendono le strisce di plastica di lunghezza inferiore a 5 millimetri.

Paglia artificiale ed altri materiali da intreccio

Questi materiali sono classificati come materiali tessili se sono di

  • materiali classificati nella voce 5308 — filati di altre fibre tessili vegetali, filati di carta
  • materiali classificati al codice 5404 — monofilamenti sintetici di 67 decitex o più, di cui la più grande dimensione della sezione trasversale non è superiore a 1 millimetri, lamelle e forme simili (per esempio: paglia artificiale) di materie tessili sintetiche, di larghezza apparente non superiore a 5 millimetri

Le calzature di materiali normalmente classificati nella voce 5404 sono classificate nella voce 6404. Tuttavia, se la larghezza delle fibre o dei nastri è superiore a 1 millimetri (per i monofilamenti sintetici) o superiore a 5 millimetri (per le lamelle e simili), il materiale è trattato come "altro materiale" e le calzature sono classificate nella voce 6405.

Il neoprene è un gomma alveolare con molte cellule di tutto il materiale. Le cellule possono essere aperte, chiuse o mescolate. Di norma è coperto da almeno un lato da stoffa a maglia. Le calzature per lo sport sono spesso fatte da neoprene.

Cuoio e pelli, naturali, ricostituiti e verniciati

Il cuoio è la pelle o la pelle di animali quali:

  • vacche e altre specie bovina
  • caprini
  • ovini e agnelli — senza lana
  • suini
  • rettili quali serpenti e coccodrilli

Gli animali utilizzati per la pelle devono essere inclusi nell'elenco delle specie a rischio di estinzione. Per un controllo, si prega di consultare il sito web della CITES.

Il pellame di brevetto è il cuoio rivestito di una vernice, una pellicola o una pellicola di plastica preformata. Presenta una superficie brillante, a specchio. La vernice o l'lacca usata può essere pigmentato o non pigmentata e può essere basata su

  • olio vegetale di norma utilizzato per essiccare e indurire — olio vegetale di lino
  • derivati della cellulosa, come la nitrocellulosa
  • prodotti sintetici (anche termoplastici) — plastiche poliuretaniche:

Se si utilizza un foglio di plastica preformato per rivestire il cuoio, è solitamente ottenuto da poliuretano o cloruro di polivinile (PVC).

La superficie del cuoio da brevetto non è necessariamente agevole. Esso potrebbe essere impresso, magari di imitazione della pelle di coccodrillo, o di frantumatori artificialmente. Ma deve ancora avere una finitura brillante, a specchio.

Per essere classificato come cuoio capellano, lo spessore del rivestimento non deve essere superiore a 0.15 millimetri.

Questo gruppo di materiali comprende anche cuoio rivestito di pittura pigmentata o lacca pigmentata per ottenere uno scadimento metallico. Si tratta di pitture e lacche a base di pigmenti come la mica, la silice e i fiocchi simili, in una sostanza vincolante come l'olio vegetale che è essiccato e indurisce o plastica. Il cuoio trattato come tale è noto come "imitazione di pelle metallizzata".

Il cuoio verniciato stratificato è un cuoio rivestito di una lastra di plastica preformata di spessore non superiore a 0.15 millimetri, ma inferiore alla metà dello spessore totale del materiale finito. Esso ha la stessa finitura al lordo di cuoi e pelli da brevetto ed è talvolta noto come "cuoio patinato da brevetto".

Questo gruppo di materiali comprende anche il cuoio rivestito di polvere o di foglie metalliche, ad esempio argento, oro o alluminio.

Se il cuoio è coperto da un foglio di plastica di spessore superiore a 0.15 millimetri, ma superiore alla metà dello spessore totale del materiale finito, esso rientra nel capitolo 39.

Parti e accessori di calzature

Le calzature sono classificate nella voce 6406. Essi possono essere costituiti da qualsiasi materiale, escluso l'amianto, classificato al codice 6812 del capitolo 68.

Le parti di calzature classificate alla voce 6406 comprendono:

  • Parti di tomaie a suola esterna (alluce), che non sono associate a una suola esterna. Essi possono essere cuciti, incollati o fissati in altro modo verso una suola interna o della suola interna, oppure suola interna.
  • Pelli tagliate approssimativamente della forma di una tomaia
  • Elementi di rinforzo sono pezzi di materiale duro come la plastica che vengono inseriti in una calzatura o uno stivale tra il tallone o la punta e il suo rinforzo o la sua fodera. Sono destinati a rafforzare la forza e la rigidità di queste aree.
  • Suole interne e medie, e suole esterne , senza altre parti per calzature ad essi associate. Se una suola esterna presenta un'altra calzatura, è considerata come un elemento completo di calzature e classificata in base al materiale di cui è composta la suola esterna e la calzatura.
  • alesatrici e suole interne
  • I talloni possono essere di qualsiasi natura. Esse potrebbero essere progettate per essere incollate, navigate o avvitate su. Sono compresi anche i coni ombelicali, come i pezzi di ricambio.
  • Chiodi, perni e altri articoli simili per le calzature sportive

Due o più calzature assemblate insieme sono classificate anche nella voce "codice 6406", a condizione che non formino una calzatura compilata. È questo il caso che si applica a una suola interna o no.

Anche gli accessori che possono essere indossati nelle calzature sono classificati come calzature della voce 6406. Tra questi rientrano:

  • suole interne amovibili
  • dispositivi di protezione dei tubi
  • cuscini con tallonetti interni amovibili

Oggetti come occhielli, cerniere, bottoni automatici e fibbie non classificate come parti di calzature, anche se destinate alla fabbricazione di calzature. Essi sono classificati altrove nelle loro rispettive voci, ad esempio quelli classificati nel capitolo 96, alla voce 9607.

Link diretti