Sistema di preferenze generalizzate Plus (SPG +)

La vostra impresa importa prodotti da paesi in via di sviluppo o meno sviluppati? Questa sezione aiuta a comprendere l'SPG + dell'UE

In sintesi

Il sistema di preferenze generalizzate Plus (SPG +) dell'UE offre ai paesi in via di sviluppo un particolare incentivo a perseguire lo sviluppo sostenibile e il buon governo. 

I paesi ammissibili devono attuare 27 convenzioni internazionali in materia di

  • diritti umani
  • diritti dei lavoratori
  • ambiente
  • buona governance

In cambio, l'UE riduce a zero i dazi all'importazione su oltre due terzi delle linee tariffarie delle loro esportazioni.

Paesi beneficiari

  • Bolivia
  • Cabo Verde
  • Kirghizistan
  • Mongolia
  • Pakistan
  • Filippine
  • Sri Lanka

Scadenza: L'attuale SPG + è valido fino al 2023.

Tariffe

Elenco completo dei prodotti interessati.

 

Utilizzare l'opzione di ricerca My Trade Assistant per trovare le informazioni esatte sui dazi e sulle tariffe per il tuo prodotto specifico, tenendo conto del suo paese di origine e di destinazione.

In caso di dubbio, contatta le autorità doganali.

Norme di origine

 

Per poter beneficiare del trattamento preferenziale, il prodotto dovrà soddisfare le norme di origine previste dall'accordo. Consulta lostrumento di autovalutazione delle norme di origine (ROSA) in My Trade Assistant per valutare se il prodotto rispetta le norme di origine e come preparare i documenti corretti.

Tolleranza

La tolleranza è espressa

  • prezzo dei prodotti finali della pesca e dei prodotti industriali
  • in peso dei prodotti finali per i prodotti agricoli

Le tolleranze incluse nell'SPG sono più favorevoli di quelle normali. Essi ammontano al 15 % del prezzo franco fabbrica del prodotto finale anziché al 10 %.

Le tolleranze specifiche si applicano anche ai tessili e agli indumenti e sono descritte nelle note introduttive dell' allegato 22-03.

V. anche la regola generale della tolleranza o de minimis.

Cumulo

I seguenti tipi di cumulo operano negli scambi nell'ambito dell'SPG dell'UE

  • bilaterale
  • regionali
  • esteso
  • cumulo con la Norvegia, la Svizzera e il Türkiye
Cumulo bilaterale

I materiali originari dell'UE possono essere integrati nei prodotti fabbricati in un paese SPG e successivamente considerati originari di tale paese SPG, a condizione che la trasformazione effettuata nel paese SPG superi i livelli minimi.

Cumulo regionale

Gruppo I

Gruppo II

Gruppo III

Gruppo IV

Brunei-Darussalam

Bolivia *

Bangladesh

Argentina

Cambogia

Colombia

Bhutan

Brasile

Indonesia

Costa Rica

India

Paraguay

Laos

EL Salvador

Nepal

Uruguay

Malaysia

Guatemala

Pakistan *

 

Myanmar

Honduras

Sri Lanka *

 

Filippine *

Nicaragua

 

 

Vietnam

Panama

 

 

 

Perù

 

 

 

Venezuela

 

 

* Paesi che sono attualmente beneficiari dell'SPG +

  • è consentito l'uso di componenti tra paesi dello stesso gruppo (ad esempio, l'India può utilizzare ingredienti provenienti dal Pakistan perché entrambi fanno parte del III gruppo), anche se occorre ricordare alcune norme importanti:
  • il cumulo regionale tra paesi appartenenti allo stesso gruppo si applica solo se i paesi che partecipano al cumulo sono, al momento dell'esportazione del prodotto nell'Unione europea, paesi beneficiari e non semplicemente paesi ammissibili.
  • se le merci originarie di un paese beneficiario sono ulteriormente trasformate in un altro paese membro del gruppo, le merci possono essere considerate originarie di quest'ultimo paese (purché la trasformazione vada oltre le operazioni minime).
  • per determinare l'origine del fattore produttivo (quando il fattore di produzione di un membro del gruppo è inviato a un altro membro del gruppo), la regola di origine corretta è quella che si applicherebbe alle esportazioni dirette dal paese fornitore verso l'UE.
  • il cumulo è possibile anche tra singoli paesi beneficiari del cumulo dei gruppi I e III. Ciò avviene solo su richiesta e a determinate condizioni.

Si noti che alcuni prodotti sono esclusi dal cumulo quando vi sono differenze tra lo status dei paesi SPG dello stesso gruppo (SPG/SPG +/EBA). L'elenco dei prodotti in questione figura nell' allegato 13 ter.

Cumulo ampliato 

I paesi SPG possono, a determinate condizioni, chiedere all'UE l'autorizzazione a cumulare con i paesi con i quali l'UE ha concluso un accordo commerciale.

  • questa possibilità è prevista solo per i prodotti industriali e i prodotti agricoli trasformati.
  • quando il contributo di un paese terzo con il quale l'UE ha concluso un ALS è inviato a un paese SPG, la norma di origine corretta è quella che si applicherebbe alle esportazioni dirette dal paese fornitore verso l'UE.
Cumulo con merci originarie della Norvegia, della Svizzera e del Türkiye

I paesi beneficiari possono cumulare l'origine con le merci di cui ai capitoli da 25 a 97 del sistema armonizzato originarie della Norvegia, della Svizzera e del Türkiye.

  • i materiali originari della Norvegia, della Svizzera o del Türkiye sottoposti a un'operazione più che minima in un paese beneficiario sono considerati originari di tale paese beneficiario e possono essere esportati nell'UE, in Norvegia, in Svizzera o in Türkiye.
  • la norma di cui sopra non si applica ai prodotti agricoli o ai prodotti che beneficiano di una deroga.
  • ai fini dell'applicazione di questo tipo di cumulo, l'UE, la Norvegia, la Svizzera e il Türkiye devono concedere lo stesso trattamento preferenziale ai prodotti originari dei paesi SPG.

Non manipolazione

La disposizione relativa al trasporto diretto contenuta nelle norme di origine dell'SPG è stata sostituita da una clausola di non manipolazione (articolo 74 del regolamento n. 1063/2010 dellaCommissione).

  • la differenza principale rispetto alla disposizione relativa al trasporto diretto è che gli importatori dell'UE non saranno tenuti a fornire la prova della loro conformità alle condizioni.
  • tuttavia, l'amministrazione doganale di uno Stato membro dell'UE potrebbe richiedere tale prova se ha motivo di ritenere che le condizioni non siano soddisfatte.

Restituzione dei dazi

È autorizzata la restituzione dei dazi.

Condizioni delle navi

Affinché un peschereccio sia considerato originario di un paese beneficiario — il che implicherebbe che il pesce catturato da tale peschereccio al di fuori delle acque territoriali sia originario — i criteri applicabili si riferiscono al paese di immatricolazione e di bandiera del peschereccio, ma anche alla sua proprietà. Si noti che, ai sensi delle norme di origine SPG, non vi è alcun requisito specifico sulla nazionalità dell'equipaggio o degli ufficiali.

Operazioni minime

Esistono due serie di operazioni cosiddette "minime" che non sono mai sufficienti per conferire l'origine

  • quelle di cui all'articolo 76
  • e quelli, applicabili unicamente ai prodotti tessili e unicamente ai fini del cumulo regionale, inclusi nell'allegato 16.

Norme specifiche per prodotto

L'elenco delle trasformazioni da effettuare sui materiali per ottenere il carattere di prodotto originario figura nell' allegato 13 bis dello stesso regolamento. L'elenco comprende due colonne

  • uno applicabile ai paesi beneficiari dell'SPG meno sviluppati
  • uno applicabile a tutti gli altri paesi beneficiari dell'SPG

Graduazione

Alcuni paesi in via di sviluppo esportano prodotti altamente competitivi, che non necessitano di preferenze per accedere con successo ai mercati mondiali. In questo caso, l'SPG viene ritirato da questi settori di prodotti mediante un meccanismo di graduazione.

  • quando il valore medio delle importazioni da un paese beneficiario dell'SPG (diviso per il valore totale di tutte le importazioni SPG per tale sezione) nell'arco di 3 anni supera la soglia generale del 57 %
  • per i prodotti vegetali, gli oli, i grassi e le cere animali o vegetali e i prodotti minerali si applica la graduazione quando la percentuale di cui sopra supera il 17,5 %
  • per i tessili la graduazione si applica quando la percentuale di cui sopra supera il 47,2 %

L'UE riesamina l'elenco dei prodotti graduati ogni tre anni mediante un regolamento di esecuzione e sulla base di criteri oggettivi.

È possibile trovare qui l'elenco attuale dei prodotti graduati.

Deroghe

Può essere concessa una deroga specifica, a determinate condizioni, per consentire norme di origine più flessibili applicabili a determinati prodotti originari di determinati paesi. Tale deroga è stata concessa a Capo Verde. Si veda la deroga Cabo Verde e le norme di origine applicabili.

Si prega di consultare anche l'avviso agli importatori emesso dall'UE, che informa gli operatori in merito a elementi specifici riguardanti il Bangladesh.

Norme di origine per prodotti specifici

Requisiti del prodotto

Norme e requisiti tecnici

  • informazioni sui requisiti tecnici, le norme e le procedure che le merci devono soddisfare per essere importate nell'Unione europea al punto 2.6. requisiti dei prodotti
  • cerca le norme e i regolamenti specifici applicabili al tuo prodotto e al suo paese di origine nel My Trade Assistant. Per visualizzare i requisiti del tuo prodotto devi anzitutto identificarne il codice doganale. Se non lo conosci, puoi ottenerlo inserendo il nome del prodotto nel motore di ricerca integrato.

Requisiti sanitari e di sicurezza SPS

  • scopri le norme sanitarie, fitosanitarie e di sicurezza che le merci devono rispettare per essere importate nell'Unione europea al punto 2.6. Requisiti dei prodotti
  • cerca le norme in materia di salute, sicurezza e SPS applicabili al tuo prodotto e al suo paese di origine nel My Trade Assistant. Per visualizzare i requisiti per il tuo prodotto, dovrai innanzitutto identificare il suo codice doganale. Se non lo conosci, puoi ottenerlo inserendo il nome del prodotto nel motore di ricerca integrato.

Documenti e procedure di sdoganamento

Prove dell'origine

Per poter beneficiare di aliquote di dazio preferenziali, i prodotti originari dei paesi beneficiari dell'SPG dell'UE devono essere accompagnati da una prova dell'origine. Le prove dell'origine restano valide per 10 mesi dopo il rilascio. La prova dell'origine può essere una delle seguenti:

  • Certificato di origine, modulo A, rilasciato dalle autorità competenti del paese beneficiario. L'esportatore che richiede il certificato deve essere pronto a presentare documenti comprovanti il carattere originario dei prodotti in questione. Il certificato deve essere messo a disposizione dell'esportatore non appena l'esportazione ha avuto luogo (o è garantita). Tuttavia, in via eccezionale, un certificato può essere rilasciato dopo l'esportazione a determinate condizioni.
  • dichiarazione su fattura redatta dall'esportatore * — per spedizioni di valore pari o inferiore a 6,000 EUR. Quando compila una dichiarazione su fattura, devi essere pronto a presentare documenti comprovanti il carattere originario dei tuoi prodotti.

* Per effettuare una dichiarazione su fattura occorre digitare, timbrare o stampare la seguente dichiarazione (in inglese o francese) sulla fattura, sulla bolla di consegna o su altro documento commerciale: "L'esportatore dei prodotti contemplati dal presente documento (autorizzazione doganale n.... dichiara che, salvo diversa indicazione chiara, tali prodotti sono di origine preferenziale conformemente alle norme di origine del sistema di preferenze generalizzate della Comunità europea". La dichiarazione su fattura deve essere firmata a mano.

Altri documenti

Scopri altri documenti e procedure di sdoganamento necessari per importare nell'Unione europea.

Proprietà intellettuale e indicazioni geografiche

Scambi di servizi

L'SPG + riguarda solo le merci.

Appalti pubblici

Investimenti

Altro (concorrenza, DSG)

Paesi ammissibili

Per poter beneficiare dell'SPG +, il paese deve:

  • presentare una domanda
  • soddisfare tutte le condizioni standard dell'SPG
  • soddisfano i due criteri aggiuntivi seguenti:
  • criteri di vulnerabilità
    • la quota delle importazioni è la quota media triennale delle importazioni coperte dall'SPG del paese beneficiario specifico rispetto alle importazioni coperte dall'SPG di tutti i paesi SPG.  Tale media deve essere inferiore al 6,5 % per poter beneficiare dell'SPG +.
    • le sette sezioni principali delle importazioni coperte dall'SPG rappresentano il 75 % del totale delle importazioni SPG di tale paese nell'arco di tre anni.
  • criteri di sviluppo sostenibile
    • il paese deve aver ratificato le 27 convenzioni internazionali SPG +
      • diritti umani
      • diritti dei lavoratori
      • ambiente
      • buon governo.
    • il paese non deve avere formulato riserve vietate da tali convenzioni.
    • gli organi di controllo delle convenzioni non devono aver riferito che il paese non è riuscito ad attuarle in modo efficace.

Il monitoraggio

Una volta che l'UE ha concesso a un paese l'SPG +, lo controlla per assicurarsi che il paese

  • continua a essere parte delle convenzioni internazionali contemplate dall'SPG +
  • attua le convenzioni in modo efficace
  • è conforme agli obblighi di comunicazione
  • accetta un controllo regolare in conformità delle convenzioni
  • collabora con la Commissione europea e fornisce tutte le informazioni necessarie

L'UE intrattiene un dialogo continuo sul rispetto dell'SPG + con le autorità dei paesi beneficiari.

  • il dialogo si basa su un elenco di questioni ("scheda di valutazione") stilato per ciascun beneficiario dell'SPG +. Si basa sulle informazioni ricevute da
    • i paesi beneficiari
    • organismi internazionali di controllo
    • società civile
    • sindacati
    • le imprese
    • il Parlamento europeo
    • il Consiglio dell'Unione europea
  • l'UE organizza visite periodiche di monitoraggio SPG + in ciascun paese beneficiario per incontrare le parti interessate. Il paese beneficiario deve dimostrare di compiere seri sforzi per affrontare le questioni indicate nelle schede di valutazione.

Il dialogo SPG + confluisce nella relazione pubblica sull'SPG, che la Commissione deve presentare ogni due anni al Parlamento europeo e al Consiglio dell'Unione europea. La relazione contiene una valutazione dettagliata del grado di attuazione delle 27 convenzioni da parte di ciascun paese beneficiario.

Sostegno allo sviluppo delle capacità

Al di là di un attento monitoraggio, la Commissione ha avviato diversi progetti di sviluppo delle capacità per aiutare i paesi beneficiari.

L'UE sostiene i partner commerciali pertinenti e diversi beneficiari dell'SPG + attraverso sovvenzioni all'Organizzazione internazionale del lavoro. Detti progetti

  • aiutare i paesi ad applicare le convenzioni fondamentali dell'Organizzazione internazionale del lavoro
  • sviluppare la capacità di rispettare gli obblighi di comunicazione

Lo strumento europeo per la democrazia e i diritti umani prevede un sostegno specifico di 4.5 milioni di EUR per consentire alle organizzazioni della società civile di contribuire al monitoraggio e all'attuazione efficace delle 27 convenzioni pertinenti ratificate dai paesi beneficiari dell'SPG +.

Link e documenti utili

Condividi questa pagina:

Link diretti