Version: 1.0.24.26 (2020-11-23 14:15)

Accordi commerciali

Attualmente l'UE dispone della più grande rete commerciale al mondo, con oltre 40 accordi individuali con paesi e regioni. Tali accordi agevolano gli scambi di prodotti e servizi tra l'UE e i suoi partner esterni.

Nuovi accordi sono ancora in fase di aggiunta all'elenco e gli accordi precedenti sono in fase di revisione e di aggiornamento con i paesi partner.

Soppressione dei dazi

Alcuni degli accordi si concentrano principalmente sull'eliminazione delle tariffe.

  • Accordi di associazione con otto paesi mediterranei (Algeria, Egitto, Israele, Giordania, Libano, Marocco, Territori occupati palestinesi e Tunisia)
  • Accordi con il Messico e il Cile
  • Accordi di zona economica con Islanda, Liechtenstein e Norvegia
  • Unioni doganali con Turchia, Andorra e San Marino
  • Accordi di stabilizzazione e di associazione con sei paesi dei Balcani occidentali (Albania, Bosnia-Erzegovina, Kosovo, Montenegro, Macedonia del Nord e Serbia) contenenti disposizioni aggiuntive per prepararsi alla loro progressiva integrazione nel mercato dell'UE
  • Accordi con la Svizzera e le Isole Fær Øer

Un accesso più ampio al mercato

Altri includono impegni molto più ampi sull'apertura degli scambi di beni e servizi, nonché su investimenti, appalti pubblici, concorrenza, sovvenzioni e questioni normative.

Tali accordi mirano a sviluppare regimi commerciali più forti, basati su regole e valori, con i paesi partner commerciali interessati e includono disposizioni specifiche in materia di commercio e sviluppo sostenibile.

Le più recenti contengono anche disposizioni specifiche per affrontare le sfide cui devono far fronte le economie e le società moderne, come l'accordo di partenariato economico con il Giappone, che comprende un capitolo sulle piccole e medie imprese, nonché disposizioni specifiche sui servizi di informazione e telecomunicazione e sul commercio elettronico.

Ravvicinamento delle legislazioni

Un tipo specifico di accordi si concentra sul rafforzamento dei legami economici tra l'UE e i suoi vicini, avvicinando i loro quadri normativi al diritto dell'UE, in particolare nei settori legati al commercio. Ciò vale, ad esempio, per gli accordi con

Sviluppo

Un altro tipo particolare di accordi ha un esplicito obiettivo di sviluppo. Si tratta di accordi commerciali asimmetrici: la parte ACP liberalizza circa l' 80 % degli scambi nell'arco di 15-20 anni, mentre l'UE concede immediatamente l'accesso esente da dazi e contingenti.

Per il momento, la maggior parte di tali accordi riguarda gli scambi di merci e la cooperazione allo sviluppo. L'accordo di partenariato economico (APE) con i Caraibi contiene anche disposizioni sui servizi, gli investimenti e altre questioni connesse al commercio.

Nell'ambito di tali accordi, l'UE fornisce una notevole assistenza in materia commerciale per sostenere i paesi partner nell'attuazione degli accordi, rafforzare la competitività delle esportazioni e costruire infrastrutture economiche. I paesi interessati appartengono alle regioni dell'Africa, dei Caraibi e del Pacifico

Link diretti