Accordo di partenariato economico UE-Giappone

L'accordo di partenariato economico tra l'UE e il Giappone è entrato in vigore il 1º febbraio 2019. Le imprese dell'UE esportano già in Giappone beni per oltre 28 miliardi di euro e servizi per 58 miliardi di euro. L'accordo di partenariato economico UE-Giappone riduce gli ostacoli commerciali che le imprese europee devono affrontare quando esportano in Giappone e le aiuta a competere meglio su questo mercato.

L'accordo in sintesi

L'accordo di partenariato economico UE-Giappone è entrato in vigore il 1º febbraio 2019.

Quali sono i vantaggi per la vostra impresa?

L'accordo commerciale con il Giappone

  • elimina i dazi e le altre barriere commerciali e facilita l'importazione e l'esportazione per le imprese di entrambe le parti
  • garantisce l'apertura dei mercati dei servizi, in particolare dei servizi finanziari, delle telecomunicazioni e dei trasporti
  • garantisce un trattamento non discriminatorio delle imprese dell'UE che operano sui mercati degli appalti pubblici
  • migliora la tutela dei diritti di proprietà intellettuale in Giappone e la protezione dei prodotti agricoli europei di alta qualità, le cosiddette indicazioni geografiche (IG)
  • consente alle imprese di entrambe le parti di risparmiare ingenti quantità di denaro e di tempo per lo scambio bilaterale di beni
  • prevede un maggiore sostegno alle imprese più piccole che sono colpite in modo sproporzionato dagli ostacoli agli scambi commerciali;

 

IlGiappone è già il quarto maggiore mercato dell'UE per le esportazioni agricole. L'accesso al mercato sarà migliorato per molti prodotti europei, in particolare

Leggi il testo integrale dell'accordo commerciale con il Giappone.

Tariffe

L'accordo elimina la grande maggioranza dei dazi pagati dalle società europee e giapponesi.

All'entrata in vigore, l'accordo ha eliminato il 99 % delle linee tariffarie dell'UE e il 97 % delle linee tariffarie del Giappone. Per quanto riguarda le tariffe non ancora eliminate, sono stati concordati contingenti tariffari o riduzioni tariffarie.

Per verificare le tariffe per il tuo prodotto, occorre conoscere il codice del prodotto, basato sul codice HS2017 del sistema armonizzato (SA), sia per i codici europei che per quelli giapponesi.


È possibile trovare il codice del prodotto utilizzando il mio assistente commerciale

È inoltre possibile controllare il codice statistico giapponese per le importazioni.

L'accordo apre il mercato giapponese alle esportazioni agricole dell'UE, ad esempio 

  • i dazi su molti formaggi come Gouda e Cheddar saranno eliminati nel corso del tempo
  • è istituito un contingente esente da dazi per i formaggi freschi (come Mozzarella e Feta)
  • i dazi sulle esportazioni di vino sono scomparsi al momento dell'entrata in vigore
  • per quanto riguarda le carni bovine, gli esportatori dell'UE beneficeranno di una tariffa ridotta
  • per quanto riguarda le carni suine rimangono dazi bassi per le esportazioni di carni fresche verso il Giappone e l'accordo ha eliminato completamente i dazi sulle carni trasformate.

Calendario di smantellamento tariffario

Le tariffe per la maggior parte dei prodotti sono immediatamente eliminate al momento dell'entrata in vigore dell'accordo o gradualmente seguendo un calendario di smantellamento tariffario.

Il punto di partenza per l'eliminazione o la riduzione dei dazi doganali è un' "aliquota di base" e le riduzioni si verificano su tale aliquota di base. Con il codice tariffario doganale del prodotto sarà possibile trovare la riduzione che si applica all'aliquota di base del prodotto.

  • note generali per aiutarvi a leggere i programmi di smantellamento tariffario sia dell'UE che del Giappone
Importazione dal Giappone
Esportazione in Giappone

Contingenti tariffari

I contingenti tariffari si applicano anche a determinati prodotti. Si tratta di volumi specifici di merci che avranno diritto al trattamento tariffario preferenziale in un determinato periodo di tempo.

  • vi sono venticinque prodotti agroalimentari giapponesi con contingenti tariffari
  • contingenti tariffari del Giappone
  • Il ministero giapponese dell'Agricoltura, delle foreste e della pesca (MAFF) fornisce informazioni sulla domanda e sull'assegnazione dei contingenti tariffari per ciascuna linea tariffaria, quali zucchero, prodotti a base di frumento, prodotti lattiero-caseari e altri prodotti alimentari (compresi i dolciumi e alcuni cioccolatini) nell'ambito dell'APE UE-Giappone (giapponese).

Per i prodotti lattiero-caseari, l'assegnazione dei contingenti tariffari e la riscossione dei prelievi sono effettuate dalla cooperazione tra le industrie agricole e zootecniche (ALIC).

L'importazione di prodotti lattiero-caseari designati (ad esempio burro e siero di latte) nell'ambito del contingente tariffario è soggetta a un sistema commerciale statale.

Schede informative del Centro per la cooperazione industriale UE-Giappone (imprese dell'UE in Giappone)

Alcuni prodotti marini sono soggetti a contingenti di importazione e gli importatori sono tenuti a presentare domanda.

Maggiori informazioni sull'applicazione e l'assegnazione del contingente tariffario in Giappone.

Sistema di banca datidella traduzione della legge giapponese messo a disposizione dal ministero della Giustizia, Giappone.

Misure di salvaguardia

L'accordo commerciale UE-Giappone prevede anche misure di salvaguardia bilaterali. L'obiettivo di un'azione di "salvaguardia" (ossia limitare temporaneamente le importazioni di un prodotto) è quello di proteggere una specifica industria nazionale da un aumento delle importazioni di qualsiasi prodotto che arrechi, o minacci di arrecare, un grave pregiudizio all'industria. In tale accordo, le misure di salvaguardia agricole sono utilizzate per proteggere prodotti specifici da tali picchi di importazioni.

I prodotti dell'UE oggetto di queste misure sono:

  • carni bovine e suine (comprese le carni suine trasformate)
  • concentrato di proteine di siero di latte (WPC), siero di latte in polvere
  • arance fresche
  • cavalli da corsa

Consultare l' elenco delle misure di salvaguardia agricole.

Informazioni supplementari sulle misure di salvaguardia relative ai cavalli da corsa.

 

Ilmio assistente commerciale Le fornisce informazioni dettagliate sulle tariffe, le misure applicabili al vostro prodotto e al vostro mercato e presenta i calendari di smantellamento tariffario per le linee tariffarie pertinenti.

 

Norme di origine

Per poter beneficiare del trattamento preferenziale, il prodotto dovrà soddisfare le norme di origine previste dall'accordo. Consulta lostrumento interattivo di autovalutazione delle regole di origine (ROSA) in My Trade Assistant per valutare se il prodotto rispetta le norme di origine e come preparare i documenti corretti.

Informazioni generali sulle norme di origine e sulle procedure di origine sono disponibili in questa sezione.

L'origine è la "nazionalità economica" delle merci commercializzate. Se sei nuovo all'argomento, puoi trovare un'introduzione ai concetti principali nella sezione relativa alle merci.

Norme di origine

Dove posso trovare le norme di origine?

Le norme di origine sono stabilite nel capitolo 3 relativo alle norme di origine dell'accordo di partenariato economico UE-Giappone (GU L 330 del 27.12.2018, pag. 21).

Il mio prodotto è originario dell'UE o del Giappone?

Per poter beneficiare della tariffa preferenziale inferiore o pari a zero nell'ambito dell'accordo di partenariato economico UE-Giappone, il prodotto deve essere originario dell'UE o del Giappone.

Un prodotto "originario" dell'UE o del Giappone, se è

Il prodotto deve inoltre soddisfare tutti gli altri requisiti applicabili specificati nel capitolo (ad esempio lavorazione o trasformazione insufficienti, regola di non modificazione). Vi sono inoltre ulteriori flessibilità per aiutarti a rispettare le norme specifiche per prodotto (ad esempio tolleranza o cumulo).

 

Esempi dei principali tipi di norme specifiche per prodotto negli accordi commerciali dell'UE

  • la regola del valore aggiunto — il valore di tutti i materiali non originari di un prodotto non può superare una determinata percentuale del suo prezzo franco fabbrica
  • modifica della classificazione tariffaria — Il processo di produzione comporta una modifica della classificazione tariffaria tra i materiali non originari e il prodotto finale, ad esempio la fabbricazione di carta (capitolo 48 del sistema armonizzato) a partire da pasta non originaria (capitolo 47 del sistema armonizzato)
  • operazioni specifiche — è necessario un processo di produzione specifico, ad esempio la filatura di fibre in filati — tali norme sono utilizzate principalmente nei settori dell'abbigliamento tessile e dei prodotti chimici.

Consigli per aiutarti a rispettare le norme specifiche per prodotto

L'accordo prevede una maggiore flessibilità per aiutarti a rispettare le norme specifiche per prodotto, quali la tolleranza o il cumulo.

Tolleranza
  • la regola di tolleranza consente al produttore di utilizzare materiali non originari normalmente vietati dalla norma specifica per prodotto, purché il loro valore non rappresenti più del 10 % del prezzo franco fabbrica o del prezzo libero a bordo del prodotto
  • tale tolleranza non può essere utilizzata per superare la soglia massima dei materiali non originari elencati nelle norme specifiche per prodotto.
  • tuttavia, e trattandosi di una particolarità dell'accordo UE-Giappone, tale tolleranza può essere utilizzata nei casi in cui il peso dei materiali non originari superi la soglia di peso prevista dalle norme specifiche per prodotto, a condizione che il valore di tali materiali non superi il 10 % del prezzo franco fabbrica del prodotto finale — oltre tale 10 % in valore, tali materiali devono essere originari dell'UE o del Giappone.
  • tolleranze specifiche si applicano ai tessili e agli indumenti classificati nei capitoli da 50 a 63 del sistema armonizzato, che sono inclusi nelle note da 6 a 8 dell'allegato 3-A Note introduttive delle norme di origine specifiche per prodotto.
Cumulo

L'accordo di partenariato economico UE-Giappone prevede due modi per cumulare l'origine

  • cumulo bilaterale — I materiali originari del Giappone possono essere considerati originari dell'UE (e viceversa) se utilizzati nella produzione di un prodotto nell'UE
  • cumulo integrale — la lavorazione o trasformazione effettuata su materiali non originari nell'UE o in Giappone può essere considerata originaria per contribuire a rispettare la norma specifica per prodotto (in altre parole, la trasformazione effettuata in Giappone può essere conteggiata come operazioni ammissibili nell'UE, indipendentemente dal fatto che la trasformazione sia sufficiente a conferire il carattere originario ai materiali stessi (e viceversa)

Altre prescrizioni

Il prodotto deve inoltre soddisfare tutti gli altri requisiti applicabili specificati nel capitolo sulle norme di origine, quali lavorazioni o trasformazioni insufficienti o la norma di non modificazione.

Regola di non modificazione

I prodotti originari devono essere trasportati dall'UE in Giappone (e viceversa) senza essere ulteriormente trasformati in un paese terzo.

Alcune operazioni possono essere effettuate in un paese terzo se i prodotti restano sotto vigilanza doganale, ad esempio:

  • aggiunta o apposizione di marchi, etichette, sigilli o qualsiasi documentazione atta a garantire la conformità ai requisiti nazionali specifici del paese importatore
  • conservare i prodotti in buone condizioni
  • stoccaggio
  • frazionamento delle partite

Le autorità doganali possono chiedere prove del rispetto della norma, ad esempio:

  • documenti contrattuali di trasporto quali polizze di carico
  • elementi di prova fattuali o concreti basati sulla marcatura o sulla numerazione dei colli
  • qualsiasi prova relativa alle merci stesse

Restituzione dei dazi

Nel quadro dell'APE UE-Giappone è possibile ottenere un rimborso dei dazi pagati in precedenza sui materiali non originari utilizzati per fabbricare un prodotto esportato nell'ambito di una tariffa preferenziale.

Procedure di origine

Gli esportatori e gli importatori devono seguire le procedure di origine. Le procedure sono definite nella sezione B del capitolo 3 relativo alle regole di origine dell'accordo. Chiariscono, ad esempio, come dichiarare l'origine di un prodotto, come chiedere preferenze o come le autorità doganali possono verificare l'origine di un prodotto.

Come richiedere una tariffa preferenziale 

Gli importatori possono chiedere un trattamento tariffario preferenziale basato sui seguenti elementi:

  • un'attestazione di origine fornita dall'esportatore o
  • un'attestazione di origine basata sulle conoscenze dell'importatore

Per maggiori informazioni consultare

Attestazione di origine

Autodichiarazione dell'esportatore

Gli esportatori possono autodichiarare che il loro prodotto è originario dell'UE o del Giappone fornendo un'attestazione di origine.

Nell'UE può essere realizzato da:

  • un esportatore registrato nel sistema degli esportatori registrati (REX) e lo stesso numero REX possono essere utilizzati anche per altri accordi commerciali preferenziali dell'UE (ad esempio l'accordo commerciale dell'UE con il Canada).
  • qualsiasi esportatore, a condizione che il valore totale della spedizione non superi i 6,000 EUR.

In Giappone può essere realizzato da:

  • un esportatore con un numero d'impresa giapponese assegnato

Che cosa dovrebbe contenere l'attestazione di origine?

  • l'attestazione di origine dovrebbe figurare su una fattura o su qualsiasi documento commerciale che identifichi il prodotto
  • il testo della dichiarazione di origine può essere redatto in una qualsiasi delle lingue ufficiali dell'UE e del Giappone e figura nell' allegato 3-D; il paese importatore può non esigere che l'importatore presenti una traduzione dell'attestazione di origine.
  • gli esportatori devono indicare i criteri di origine utilizzati nella loro attestazione di origine con un codice (cfr. allegato 3-D).

Presentazione e validità

  • l'attestazione di origine rimane valida per 12 mesi dalla data in cui è stata rilasciata
  • di norma l'attestazione di origine riguarda una spedizione, ma può anche riguardare più partite di prodotti identici per un periodo non superiore a 12 mesi. 

Gliorientamenti dell'APE UE-Giappone sull'attestazione di origine per spedizioni multiple di prodotti identici forniscono ulteriori spiegazioni.

Conoscenza dell'importatore
  • gli importatori possono chiedere tariffe preferenziali in base alla loro conoscenza dell'origine dei prodotti importati, che possono basarsi su documenti giustificativi o registri forniti dall'esportatore o dal fabbricante del prodotto, che sono in possesso dell'importatore. Gliorientamenti dell'APE UE-Giappone sulle conoscenze dell'importatore forniscono ulteriori spiegazioni
  • poiché un importatore presenta una richiesta utilizzando le proprie conoscenze, non è utilizzata alcuna attestazione di origine e nessun esportatore o produttore deve essere identificato o intraprendere azioni relative all'origine preferenziale delle merci nella parte esportatrice.
  • l'importatore che utilizza le conoscenze dell'importatore non deve essere registrato nella banca dati REX.

Verifica dell'origine

Le autorità doganali possono verificare se un prodotto importato è effettivamente originario o soddisfa altri requisiti in materia di origine. La verifica si basa su

  • cooperazione amministrativa tra le autorità doganali delle parti importatrici e delle parti esportatrici
  • controlli effettuati dalle dogane locali — le visite della parte importatrice presso l'esportatore non sono consentite
  • le autorità della parte importatrice determinano l'origine e informano le autorità della parte importatrice dei risultati

Requisiti del prodotto 

Le norme tecniche comprendono i regolamenti tecnici, le norme e le procedure di valutazione della conformità. Tali norme definiscono le caratteristiche tecniche specifiche che il prodotto dovrebbe possedere, quali la progettazione, l'etichettatura, l'imballaggio, la funzionalità o le prestazioni, e sono importanti perché garantiscono il conseguimento di importanti obiettivi di politica pubblica, quali la protezione della salute umana o la sicurezza dell'ambiente.

Tali requisiti possono essere collegati a questioni quali:

  • Regole e requisiti tecnici
  • Norme e requisiti in materia di salute e sicurezza, SPS
  • Regolamenti ambientali che si applicano alle merci importate.

È necessario seguire queste norme in modo che i vostri prodotti possano essere valutati per verificare se sono conformi alle norme tecniche necessarie.

 

Per saperne di più sulle norme e i requisiti applicabili al tuo prodotto, andare a My Trade Assistant e inserire il nome o il codice del prodotto.

È possibile consultare le categorie di prodotti riportate di seguito per ottenere informazioni più specifiche sul requisito del prodotto e link pertinenti.

Le misure sanitarie e fitosanitarie (SPS) (ad esempio leggi, regolamenti, norme) sono misure volte a proteggere gli esseri umani, gli animali e le piante da malattie, organismi nocivi o contaminanti.

Esse garantiscono che i prodotti alimentari immessi sul mercato, comprese le importazioni provenienti da paesi esterni all'UE, siano sicuri per i consumatori.

Maggiori informazioni sulle misure SPS tra l'UE e il Giappone sono disponibili qui.

Le norme di sicurezza alimentare giapponesi, come quelle europee, sono tra le più esigenti al mondo. Ad esempio, il Giappone non consente l'uso di ormoni della crescita nella produzione di carni bovine e la legislazione che disciplina gli OGM è molto importante per i consumatori giapponesi.

Tutti i prodotti importati dal Giappone devono essere conformi alle norme dell'UE. Tra cui il divieto dell'UE di carni bovine trattate con ormoni e le sue norme sull'uso di antibiotici. 

Inoltre, tutte le importazioni di prodotti di origine animale provenienti dal Giappone verso l'UE devono essere accompagnate da un certificato veterinario. 

Solo un'autorità competente in Giappone, alla quale la Commissione ha ufficialmente riconosciuto la facoltà di certificare la conformità agli obblighi di importazione dell'UE, può rilasciare tale certificato. 

L'accordo commerciale contribuisce a garantire che i vostri prodotti non siano ostacolati dall'ingresso nel mercato giapponese da barriere commerciali SPS ingiustificate e contribuisce a semplificare e accelerare le procedure di approvazione delle esportazioni alimentari in Giappone.

Se importate dal Giappone nell'UE, scopri di più sui requisiti SPS qui.

 

Trova le norme e i requisiti specifici per il tuo prodotto in My Trade Assistant.

Ostacoli tecnici agli scambi

Sebbene le norme tecniche siano importanti, esse possono talvolta costituire un ostacolo al commercio internazionale e possono quindi rappresentare un onere considerevole per voi in quanto esportatrici.

  • se pensate di dover affrontare una barriera commerciale che rallenta la tua attività o ti impedisce di esportare, puoi dirci
  • indicare cosa sta bloccando le esportazioni verso il Giappone utilizzando il modulo online e l'UE analizzerà la tua situazione e adotterà le misure appropriate

Contattaci

Documenti e procedure di sdoganamento

Lo sdoganamento comprende in genere controlli su

  • i dazi da pagare
  • la corretta descrizione delle merci, la loro origine e il loro valore
  • misure di sicurezza (contrabbando, droga, sigarette, armi, prodotti contraffatti, lotta al terrorismo)
  • conformità a normative specifiche quali la legislazione ambientale, i requisiti sanitari, i regolamenti veterinari, fitosanitari e di qualità

L'accordo UE-Giappone garantisce procedure doganali più efficienti per agevolare gli scambi e ridurre i costi per le imprese.

Documenti

È possibile consultare guide dettagliate passo dopo passo che descrivono i diversi tipi di documenti da preparare per lo sdoganamento dei vostri prodotti.

A seconda del prodotto, le autorità doganali possono richiedere tutti o alcuni degli elementi indicati di seguito.

  • fattura commerciale (trova i requisiti specifici relativi alla sua forma e al suo contenuto in My Trade Assistant)
  • Polizza di carico o polizza di trasporto aereo
  • bolla di accompagnamento del carico, contabilità di trasporto e certificati di assicurazione (in alcuni casi necessari)
  • licenze d'importazione per talune merci
  • certificati attestanti che il prodotto è conforme alle norme obbligatorie in materia di prodotti, quali i requisiti in materia di salute e sicurezza, l'etichettatura e l'imballaggio
  • prova dell'origine — Dichiarazione di origine

Per maggiore certezza, è possibile richiedere informazioni tariffarie vincolanti e /o informazioni vincolanti sull'origine in anticipo.

 

Per informazioni dettagliate sui documenti da presentare per lo sdoganamento del prodotto, andare a My Trade Assistant.

Le dogane giapponesi forniscono informazioni sulle procedure doganali giapponesi, compresi i documenti richiesti

Il Giappone ospita anche nove giurisdizioni doganali diverse e potrebbe essere utile contattare quelle che ti interessano per rendere più agevole il processo doganale per il tuo prodotto.

Delle procedure.

Per una descrizione di come dimostrare l'origine dei vostri prodotti per chiedere una tariffa preferenziale e delle norme relative al controllo dell'origine da parte delle autorità doganali, si rimanda alla sezione sulle norme di origine di cui sopra.

Per informazioni generali sulle procedure doganali di importazione ed esportazione, consultare il sito web della DG Fiscalità e unione doganale.

Proprietà intellettuale e indicazioni geografiche

L'APE UE-Giappone prevede una maggiore tutela dei diritti di proprietà intellettuale per le imprese europee che esportano in Giappone prodotti innovativi, artistici, distinti e di alta qualità. Gli impegni sono rafforzati e comprendono disposizioni sulla protezione dei segreti commerciali, sui marchi, sulla protezione dei diritti d'autore, sui brevetti, su norme minime comuni per la protezione regolamentare dei dati di prova per i prodotti farmaceutici e disposizioni di applicazione in ambito civile.

L'accordo riconosce lo status speciale e offre una protezione sul mercato giapponese di oltre 200 prodotti agricoli europei provenienti da una specifica origine geografica europea, note come indicazioni geografiche (IG). I proprietari di indicazioni geografiche concordate bilateralmente nei settori agricolo, alimentare e delle bevande beneficiano di una protezione contro la contraffazione. Un elenco delle indicazioni geografiche protette nell'UE e in Giappone figura nell' allegato 14-B dell'APE.

Brevetti

L'APE UE-Giappone afferma che le due parti collaboreranno per mantenere una maggiore tutela brevettuale.

Ai sensi dell'accordo, sia l'UE che il Giappone si sono impegnati a concedere una proroga della durata della protezione brevettuale dei prodotti farmaceutici e dei prodotti chimici agricoli. Per saperne di più sui brevetti in Giappone, compresi i processi di deposito e di esame, consultare l'Ufficio brevetti giapponese.

Altre questioni relative alla proprietà intellettuale

L'Ufficio giapponese dei brevetti fornisce rassegne su modelli di utilità, disegni, marchi e diritti d'autore.

Anche il ministero dell'Economia spiega ulteriormente il rispetto dei Suoi diritti di proprietà intellettuale.

Servizi

L'accordo rende più facile per le imprese dell'UE e del Giappone fornire servizi e offre maggiore mobilità ai dipendenti delle imprese per svolgere il loro lavoro in loco.

Circolazione temporanea del personale dell'impresa 

Allegato 8-C: Intesa sulla circolazione delle persone fisiche per motivi professionali

L'accordo prevede alcuni impegni in materia di ingresso e soggiorno temporaneo delle persone fisiche nella sezione D del capo 8.

L'elenco dell'Unione europea e quello del Giappone di cui all'allegato III dell'allegato 8-B prevedono alcune riserve e ulteriori disposizioni in materia di visitatori per motivi professionali a fini di stabilimento, personale trasferito all'interno di una società, investitori e visitatori di breve durata per motivi professionali. L'allegato III dell'allegato 8-B è disponibile ai seguenti link:

Alcune riserve, limitazioni e ulteriori disposizioni relative ai prestatori di servizi contrattuali e ai professionisti indipendenti sono stabilite nell'elenco dell'Unione europea e quello del Giappone nell'allegato IV dell'allegato 8-B. L'allegato IV dell'allegato 8-B è disponibile ai seguenti link

L'APE contiene una serie di disposizioni che si applicano orizzontalmente a tutti gli scambi di servizi, come una disposizione che ribadisce il diritto delle parti di regolamentare i servizi. L'APE sancisce il diritto delle autorità di mantenere pubblici i servizi pubblici e non costringerà i governi a privatizzare o deregolamentare i servizi pubblici, ad esempio nei settori della sanità, dell'istruzione e dell'acqua.

Sono stati concordati impegni specifici in settori quali:

  • servizi postali e di corriere
  • telecomunicazione
  • servizi di trasporto marittimo
  • servizi finanziari.

Per quanto riguarda gli impegni per gli scambi transfrontalieri di servizi, si veda la sezione C del capo 8 dell'accordo.

Movimento di personale qualificato

Informazioni generali sui visti
Limitazioni dell'attività commerciale dei prestatori di servizi contrattuali e dei professionisti indipendenti in Giappone

Per quanto riguarda alcuni servizi, la portata delle attività commerciali è limitata come prescritto nell' appendice IV "Limitazioni delle attività commerciali dei prestatori di servizi contrattuali e dei professionisti indipendenti in Giappone" dell'allegato 8-B "Scheduli per il capitolo 8" dell'accordo.

Gestione delle risorse umane

In Giappone esistono molte leggi sul lavoro relative alla protezione dei lavoratori.  Tali leggi del lavoro si applicano, in linea di principio, a tutti i posti di lavoro in Giappone, indipendentemente dal fatto che il datore di lavoro sia giapponese o straniero o che la società sia straniera o registrata in Giappone.  Il regolamento relativo a tali leggi si applica anche ai lavoratori stranieri in Giappone, a condizione che i lavoratori stranieri soddisfino la definizione legale di lavoratori ai sensi di tali leggi. 

Informazioni generali sul sistema generale del diritto del lavoro in Giappone per quanto riguarda la gestione delle risorse umane possono essere ottenute dai siti web menzionati nelle seguenti rubriche.

Informazioni generali sulla gestione delle risorse umane
Norme da prendere in considerazione in caso di lavoro all'estero
Informazioni sulle principali normative in materia di lavoro

Servizi di telecomunicazione e informazione informatica

In Giappone

  • la legge sulle imprese ditelecomunicazione definisce in senso ampio le telecomunicazioni come "la trasmissione, la ritrasmissione o la ricezione di codici, suoni o immagini via cavo, radio o qualsiasi altra forma elettromagnetica".
  • ilservizio di telecomunicazione è definito come "intermediazione di comunicazioni altrui utilizzando un'infrastruttura di telecomunicazioni o offrendo in altro modo un'infrastruttura di telecomunicazione per le comunicazioni di terzi", e
  • l' attività di telecomunicazioni è quindi definita come "un'impresa in cui il fornitore di servizi fornisce un servizio di telecomunicazione per soddisfare le esigenze di altri, fatta eccezione per la fornitura di un impianto di radiodiffusione ai sensi della legge sulla radiodiffusione".

Il manuale per l'ingresso nel mercato giapponese delle telecomunicazioni, disponibile solo in Giappone, rientra generalmente nella definizione di "impresa di telecomunicazioni" e richiede pertanto la notifica o la registrazione.

Ingresso nel mercato giapponese
  • Ministero degli Affari interni e della comunicazione: Manuale per l'ingresso nel mercato giapponese delle telecomunicazioni, giugno 2016 (in inglese). Si prega di considerare che la versione inglese potrebbe non essere aggiornata. Inoltre, materiali supplementari (tra cui, tra l'altro, casi che indicano se l'obbligo di notifica è applicabile a determinate imprese) sono disponibili solo nella versione giapponese, datata maggio 2019, nonché nel supplemento dell'ottobre 2019.
  • I seguenti manuali e linee guida sono disponibili al seguente indirizzo:
    • Manuale per l'ingresso nel mercato delle attività generali di radiodiffusione via cavo (inglese);
    • Manuale per la costruzione di reti da parte dei vettori di telecomunicazioni (inglese); e
    • Guidelines for Use of Poles, Ducts, Conduits and Similar Facilities Owwned by Public Utilities (linee guida per l'uso di moli, anelli, conduti e strutture analoghe) (in inglese).
Inasprimento della normativa applicabile agli investimenti esteri nel settore informatico

Aggiunta di imprese tenute a presentare una notifica preventiva relativa a Inward Direct Investmen t (METI, inglese) — le imprese connesse alle tecnologie dell'informazione sono state aggiunte ai settori soggetti all'obbligo di notifica preventiva per quanto riguarda gli investimenti diretti in entrata.

Appalti pubblici

Ogni anno i governi nazionali, regionali e comunali del Giappone e dell'UE acquistano — o acquistano — beni e servizi per un valore di miliardi di euro da imprese private. A tal fine pubblicano avvisi e bandi per contratti o appalti per i quali le imprese presentano offerte. 

L'APE estende l'accesso agli appalti pubblici e apre nuovi mercati per le imprese di entrambe le parti.

L'UE e il Giappone hanno concordato norme che

  • vietare la discriminazione sleale da parte di un lato nei confronti degli offerenti dell'altra parte
  • massimizzare la trasparenza nelle gare d'appalto pubbliche per garantire che le imprese siano consapevoli delle opportunità offerte da entrambe le parti
  • massimizzare le opportunità per le imprese dell'UE di partecipare a gare d'appalto pubbliche in Giappone a tutti i livelli di governo — nazionale, regionale e comunale

Il maggiore accesso delle imprese dell'UE agli appalti banditi in Giappone riguarda settori quali:

  • ferrovie
  • ospedali
  • istituti accademici
  • distribuzione di energia elettrica

Più informazioni

Investimenti

L'accordo promuove gli investimenti tra l'UE e il Giappone e ribadisce il diritto di ciascuna parte di regolamentare i legittimi obiettivi politici concordati in un elenco non esaustivo. Sono in corso negoziati bilaterali per la conclusione di un potenziale accordo sulla protezione degli investimenti.

Per quanto riguarda gli scambi transfrontalieri di servizi e la liberalizzazione degli investimenti, l'APE UE-Giappone ha adottato un sistema di elenchi negativi che elenca le misure non conformi esistenti e future da riservare, liberalizzando nel contempo, in linea di principio, tutti gli scambi transfrontalieri di servizi e di investimenti.

Per quanto riguarda gli impegni per la liberalizzazione degli investimenti, si veda la sezione B del capitolo 8 dell'accordo

Per quanto riguarda le riserve sulle misure esistenti dell'Unione europea e del Giappone, si rimanda all'elenco dell'Unione europea e a quello del Giappone di cui all'allegato I dell'allegato 8-B dell'accordo, disponibili ai seguenti link:

Per quanto riguarda le riserve sulle future misure dell'Unione europea e del Giappone, si rimanda all'elenco dell'Unione europea e a quello del Giappone di cui all'allegato II dell'allegato 8-B, disponibili ai seguenti link:

Per quanto riguarda la circolazione degli investitori a fini commerciali, si rimanda alla sezione Servizi di cui sopra.

Come avviare un'attività in Giappone

Panoramica della creazione di imprese in Giappone
Moduli richiesti

Restrizioni agli investimenti esteri diretti in Giappone

Panoramica delle procedure previste dalla legge sulla valuta estera e sul commercio estero

Panoramica della legge sulla valuta estera e sul commercio estero e del sistema di notifica (giapponese)

Legge sulla valuta estera e sul commercio estero (inglese e giapponese). Si prega tuttavia di considerare che la traduzione in inglese non è sempre aggiornata. Per informazioni aggiornate consultare la versione giapponese

 

Spiegazione del campo di applicazione della legge sui cambi e sul commercio estero

Aisensi dell'articolo 26, paragrafo 1, della legge sui cambi e sul commercio estero ("FEFTA"), per "investitore estero" si intende una delle seguenti persone che effettuano investimenti diretti in entrata, ecc. elencati nelle voci dell'articolo 26, paragrafo 2, della FEFTA, o una determinata acquisizione ai sensi dell'articolo 26, paragrafo 3, della FEFTA:
i) una persona fisica non residente in Giappone;
II) un soggetto stabilito a norma di una legge straniera o avente la sede principale in un paese straniero;
III) una società giapponese in cui la somma dei diritti di voto detenuti, direttamente o indirettamente tramite una società prestabilita, dalle persone di cui ai punti i) e/o ii) è pari o superiore al 50 % del totale dei diritti di voto; o
iv) un'entità giapponese in cui le persone di cui al punto i) costituiscono la maggioranza di tutti i funzionari della società o la maggioranza dei funzionari aventi poteri rappresentativi.

Industrie in cui sono richieste notifiche preventive
Moduli di notifica

La forma corretta da utilizzare dipenderà dai mezzi di investimento.

Incentivi governativi per promuovere gli investimenti esteri diretti in Giappone

Istituzioni per le indagini e la consultazione

Ufficio di Invest Giappone

Ciascuno dei ministeri e delle agenzie competenti dispone di un " Invest Japan Office" (in inglese), che risponde alle seguenti azioni dei potenziali investitori.

  • richieste di informazioni sugli investimenti e sulla domanda di opportunità di investimento; e
  • reclami riguardanti il trattamento del sistema di notifica avanzata, il cosiddetto "sistema di lettera senza azione", e gli investimenti.
  • JETRO fornisce moduli di richiesta in inglese per contattare l'Office of Invest Japan in ogni ministero/agenzia competente: Investire negli uffici JAPAN: Informazioni di contatto (inglese)
  • JETRO fornisce uno sportello unico per gli investitori stranieri che intendono creare o espandere la propria base di attività in Giappone: Centro di sostegno alle imprese del Giappone (IBSC) (inglese)
Investment Japan Hotline
  • Centro di sostegno di JETRO per le società straniere e le società affiliate estere che intendono investire in Giappone. I servizi sono disponibili in lingue diverse dal giapponese: Investment Japan Hotline (in inglese)
Altri link utili

PMI

L'accordo UE-Giappone contiene un capitolo dedicato alle piccole e medie imprese (PMI) in cui si specifica che le parti forniscono informazioni sull'accesso ai rispettivi mercati.

Sito web dell'UE a sostegno delle PMI dell'UE che esportano in Giappone

Sito web giapponese a sostegno delle PMI dell'UE che esportano in Giappone

Questo sito web dedicato alle PMI europee contiene link alle autorità su questioni commerciali specifiche e una banca dati consultabile per codice tariffario doganale per ottenere informazioni sull'accesso al mercato per il mercato giapponese.

Canale di distribuzione;

La creazione di un canale di distribuzione pratico è fondamentale per portare il prodotto negli scaffali e nei dettaglianti giapponesi. È necessario garantire la sicurezza dei distributori nazionali e locali giapponesi, in particolare per superare gli ostacoli linguistici, tecnici e logistici agli scambi.

L' Organizzazione per le importazioni manifatturiere e la promozione interna (Mipro), il Centro UE-Giappone per la cooperazione industriale, sono buoni punti di contatto per tutti i produttori dell'UE.

Anche l'Organizzazione giapponese per il commercio estero (JETRO) dispone di una piattaforma per abbinare le attività internazionali, in cui i venditori e gli acquirenti giapponesi ed esteri possono effettuare avvisi.

Spiegazione dell'importanza del ruolo delle imprese di negoziazione

Le imprese commerciali svolgono un ruolo importante nelle vendite di beni importati in Giappone, fungendo da collegamento tra produttori esteri e acquirenti giapponesi, e viceversa.

Il ruolo delle imprese di negoziazione comprende, tra l'altro:

  • individuazione della domanda
  • assistenza nelle trattative tra produttori e acquirenti
  • completamento delle procedure di importazione/esportazione. 

Le imprese commerciali possono fornire assistenza per individuare la domanda e/o i partner locali in Giappone e possono essere

  • società commerciali in generale, che si occupano di quasi tutto
  • imprese commerciali specializzate, che si occupano solo di prodotti specifici (ad esempio prodotti siderurgici, prodotti alimentari, ecc.).

Collegamenti e contatti

Sito web della DG Commercio

Centro UE-Giappone per la cooperazione industriale

Delegazione dell'Unione europea in Giappone

Testo integrale dell'accordo

Condividi questa pagina:

Link diretti