Accordo commerciale UE-Colombia-Peru-Ecuador

L'accordo commerciale UE-Colombia-ecuadore-Perù comprende le liberalizzazioni tariffarie totali o parziali, i contingenti sostanziali esenti da dazi, l'eliminazione degli ostacoli normativi o tecnici non tariffari e l'introduzione di misure di agevolazione degli scambi, quali le procedure doganali. L'accordo commerciale liberalizza inoltre i movimenti di capitali, gli investimenti e i mercati degli appalti pubblici. Non da ultimo, l'accordo impegna le parti a rispettare i diritti umani, a garantire i diritti dei lavoratori e a garantire un livello adeguato di protezione dell'ambiente.

L'accordo in sintesi

L'accordo commerciale globale dell'UE con la Colombia e il Perù è applicato in via provvisoria con il Perù dal 1º marzo 2013 e con la Colombia dal 1º agosto 2013.

Il 1º gennaio 2017 anche l'Ecuador ha aderito all'accordo.

Testo integrale e allegati dell'accordo con la Colombia, il Perù e l'Ecuador.

Un elenco di tutte le modifiche e degli allegati dell'accordo è disponibile sul sito web della DG TRADE.

Di conseguenza, l'UE ha ora concluso un accordo commerciale preferenziale con tre paesi della comunità andina (la Bolivia è l'eccezione). Attualmente la Bolivia beneficia del sistema di preferenze generalizzate (SPG) dell'UE, anche attraverso il regime speciale di incentivazione per lo sviluppo sostenibile e la governance, noto come SPG +. Se lo desidera, la Bolivia potrebbe anche chiedere di negoziare l'adesione all'accordo commerciale.

Quali sono i vantaggi per la vostra impresa?

L'accordo commerciale tra l'UE, da una parte, e la Colombia, il Perù e l'Ecuador, dall'altra, ha aperto i mercati di entrambe le parti e prevede

  • un contesto imprenditoriale più stabile e prevedibile
  • migliori condizioni per gli scambi grazie a nuove norme in materia di ostacoli non tariffari, concorrenza, trasparenza e diritti di proprietà intellettuale
  • dazi doganali ridotti o nulli per quasi tutte le merci
  • migliore accesso agli appalti pubblici e ai mercati degli investimenti

Anche i pagamenti correnti e i movimenti di capitali sono liberalizzati. Ciò facilita la libera circolazione dei servizi, degli investimenti e degli stabilimenti.

 

Relazioni commerciali tra l'UE e la Colombia, l'Ecuador e il Perù

Le esportazioni più elevate dell'UE verso i tre paesi andini sono prodotti manifatturieri, in particolare macchinari e attrezzature di trasporto, nonché prodotti chimici.

A sua volta, le importazioni più elevate dalla Colombia, dal Perù e dall'Ecuador nell'UE sono costituite da prodotti agricoli, combustibili e prodotti minerari.

Tariffe

L'accordo commerciale UE-Colombia-Peru-Ecuador migliora l'accesso al mercato riducendo o eliminando i dazi su merci importanti per gli scambi bilaterali.

UE

Nel corso di un periodo transitorio, l'UE elimina i dazi su quasi tutte le esportazioni provenienti dalla Colombia, dal Perù e dall'Ecuador, ad eccezione di alcuni ortaggi e frutta.

Per specifici prodotti sensibili sono in vigore contingenti tariffari. Ciò significa che ogni anno solo un numero limitato di prodotti sensibili può essere commercializzato in esenzione da dazi. I prodotti soggetti a contingenti tariffari (CT) sono:

  • funghi
  • granturco dolce
  • caramelle
  • bovini
  • latte vaccino
  • rum
  • zucchero
  • yogurt
  • banane

Tali contingenti sono gestiti in base al principio "primo arrivato, primo servito". Il periodo di presentazione delle domande va dal 1º gennaio al 31 dicembre. Se le importazioni che arrivano nell'UE superano tali contingenti tariffari, si applica un dazio doganale NPF.

Trova le disposizioni specifiche relative alle tariffe per categoria di prodotti e ai contingenti tariffari applicabili nella

Colombia, Ecuador, Perù

La Colombia, il Perù e l'Ecuador concedono anche i vantaggi tariffari dell'Unione europea. Riconoscendo l'asimmetria dei livelli di sviluppo delle parti, la liberalizzazione è graduale e si estende su un periodo massimo di 17 anni. Una volta attuate tutte le riduzioni tariffarie

  • tutti i prodotti industriali e della pesca dell'UE saranno esportati in esenzione da dazi in Perù, Colombia ed Ecuador, a determinate condizioni
  • anche la maggior parte dei prodotti agricoli dell'UE sarà esportata in esenzione da dazi. Tuttavia, un elenco di prodotti sensibili è escluso dalla liberalizzazione, mentre altri sono soggetti a contingenti tariffari.

Trova le disposizioni specifiche relative alla soppressione dei dazi e ai contingenti applicabili nella

 

Prima di esportare

Norme di origine

 

Per poter beneficiare del trattamento preferenziale, il prodotto dovrà soddisfare le norme di origine previste dall'accordo. Consulta lostrumento interattivo di autovalutazione delle regole di origine (ROSA) nel mio assistente commerciale per valutare se il tuo prodotto rispetta le norme di origine e scoprire come preparare i documenti corretti.

Informazioni generali sullenorme di originee sulle procedure di origine sono disponibili in questa sezione.

L'origine è la "nazionalità economica" dei beni oggetto di scambio. Se sei nuovo all'argomento, trova un' introduzione ai concetti principali nella sezione "Merci".

Norme di origine

Dove posso trovare le norme di origine?

Le norme di origine figurano nell' allegato II relativo alla definizione della nozione di "prodotti originari" e ai metodi di cooperazione amministrativa. Il link si riferisce a una versione consolidata che tiene conto dell'adesione dell'Ecuador nel 2016 (GU L 356 del 24.12.2016, pag. 1093).

Il mio prodotto è "originario" ai sensi dell'accordo commerciale?

Per poter beneficiare della tariffa preferenziale inferiore o pari a zero prevista dall'accordo commerciale UE-Colombia, Ecuador e Perù, il prodotto deve essere originario dell'UE o di un paese andino firmatario. Un prodotto è considerato originario se è:

  • interamente ottenuti nell'UE o in un paese andino firmatario
  • fabbricati nell'UE o in un paese andino firmatario utilizzando materiali non originari e soddisfano le norme specifiche per prodotto di cui all'appendice 2. Cfr. appendice 1 "Note introduttive" per le regole di origine specifiche per prodotto. Cfr. anche l'appendice 2A per le regole specifiche per prodotto alternative per taluni prodotti.

 

Esempi dei principali tipi di norme specifiche per prodotto negli accordi commerciali dell'UE

  • regola del valore aggiunto — il valore di tutti i materiali non originari in un prodotto non può eccedere una determinata percentuale del suo prezzo franco fabbrica
  • la modifica della classificazione tariffaria — il processo di produzione comporta una modifica della classificazione tariffaria tra i materiali non originari e il prodotto finale — ad esempio la produzione di carta (capitolo 48 del sistema armonizzato) a partire da pasta non originaria (capitolo 47 del sistema armonizzato).
  • operazioni specifiche — è necessario un processo di produzione specifico, ad esempio la filatura di fibre in filati — tali norme sono utilizzate principalmente nei settori tessile dell'abbigliamento e dei prodotti chimici

Suggerimenti e suggerimenti per contribuire al rispetto delle norme specifiche per prodotto

È prevista una maggiore flessibilità per aiutarvi a rispettare le norme specifiche per prodotto, come le tolleranze o il cumulo.

Tolleranza

  • la regola di tolleranza consente al produttore di utilizzare materiali non originari normalmente vietati dalla regola specifica per prodotto fino al 10 % del prezzo franco fabbrica del prodotto
  • tale tolleranza non può essere utilizzata per superare una soglia di valore massimo dei materiali non originari elencati nelle norme specifiche per prodotto.
  • tolleranze specifiche si applicano ai tessili e all'abbigliamento classificati nei capitoli da 50 a 63 del SA, che sono inclusi nelle note da 5 a 6 dell' appendice 1 "Note introduttive" delle regole di origine specifiche per prodotto.

Cumulo

L'accordo commerciale UE-Colombia, Ecuador e Perù prevede diversi modi per cumulare l'origine

  • il cumulo bilaterale consente di considerare i materiali originari di un paese andino firmatario come originari dell'UE (e viceversa) nel valutare se il prodotto finale sia originario
  • cumulo diagonale tra l'UE, la Colombia, l'Ecuador e il Perù
  • il cumulo diagonale consente di considerare, a determinate condizioni, i materiali originari di Costa Rica, El Salvador, Guatemala, Honduras, Nicaragua, Panama e Venezuela come originari della Colombia, dell'Ecuador e del Perù se utilizzati nella produzione di un prodotto

 

Come funziona il cumulo diagonale?

Il cumulo diagonale avviene tra diversi paesi che condividono le stesse norme di origine e hanno tra loro accordi commerciali. Ciò avviene quando un produttore di beni in entrambi i paesi può importare materiali e utilizzarli come se fossero originari del proprio paese. Ad esempio, ai sensi della convenzione PEM, un commerciante moldovo che confeziona abiti destinati all'esportazione verso l'UE può utilizzare tessuti originari della Moldova, della Georgia e dell'Ucraina (e/o di qualsiasi altra parte della convenzione PEM) per fabbricare gli indumenti. Il requisito della doppia trasformazione (ossia fabbricato a partire da filati) è stato soddisfatto e viene considerato originario della Moldova quando è esportato nell'UE e beneficerà pertanto del libero accesso al mercato dell'UE.

Altri requisiti

Il prodotto deve inoltre soddisfare tutti gli altri requisiti applicabili specificati nel protocollo, come la regola del trasporto diretto.

Regola del trasporto diretto

I prodotti originari devono essere trasportati dall'UE in un paese andino firmatario (e viceversa) senza essere ulteriormente trasformati in un paese terzo.

Il trasbordo o il deposito temporaneo in un paese terzo sono consentiti se i prodotti rimangono sotto la sorveglianza delle autorità doganali e non subiscono operazioni diverse da quelle

  • scarico
  • nuovo carico
  • qualsiasi operazione destinata a conservarli in buone condizioni

I prodotti originari possono essere trasportati mediante condutture attraverso un territorio diverso da quello dell'UE o dei paesi andini firmatari.

La prova del rispetto di tali condizioni è fornita alle autorità doganali del paese d'importazione.

Restituzione dei dazi

Il rimborso dei dazi precedentemente pagati sui materiali non originari utilizzati per fabbricare un prodotto esportato nell'ambito di una tariffa preferenziale è consentito dall'accordo commerciale UE-Colombia, Ecuador e Perù.

Procedure di origine

La sezione 4 relativa alla prova dell'origine e la sezione 5 sugli accordi di cooperazione amministrativa stabiliscono le procedure di origine relative alla richiesta di una tariffa preferenziale e al controllo da parte delle autorità doganali.

Come chiedere una tariffa preferenziale

Per beneficiare di una tariffa preferenziale, gli importatori devono fornire la prova dell'origine che può essere:

Non è richiesta alcuna prova dell'origine se il valore totale dei prodotti non supera

  • 500 EUR per piccoli imballaggi
  • 1,200 EUR per i bagagli personali

Certificato di circolazione delle merci EUR.1

  • L'appendice 3 contiene un modello di certificato EUR.1 e istruzioni per la sua compilazione.
  • I certificati di circolazione EUR.1 sono rilasciati dalle autorità doganali del paese di esportazione
  • l'esportatore che richiede il certificato deve essere pronto a presentare documenti comprovanti il carattere originario dei prodotti in questione.

Dichiarazione di origine

Gli esportatori possono autodichiarare che il loro prodotto è originario dell'UE o della Colombia, del Perù o dell'Ecuador fornendo una dichiarazione di origine. La dichiarazione di origine può essere compilata da:

  • un esportatore autorizzato
  • qualsiasi esportatore, se il valore totale dei prodotti non supera 6,000 EUR
Esportatori autorizzati

Gli esportatori ai sensi del presente accordo possono chiedere alle loro autorità doganali l'autorizzazione a compilare dichiarazioni di origine per prodotti di qualsiasi valore.

Le autorità doganali possono revocare lo status di esportatore autorizzato in caso di abuso.

Come presentare una dichiarazione di origine
  • l'esportatore deve stampare, timbrare o stampare la seguente dichiarazione sulla fattura, sulla bolla di consegna o su altro documento commerciale che identifichi il prodotto (appendice 4)
    • "L'esportatore dei prodotti contemplati dal presente documento (autorizzazione doganale [o autorizzazione governativa competente] n....) dichiara che, salvo indicazione contraria, tali prodotti sono di... origine preferenziale."
  • il testo della dichiarazione di origine può essere redatto in una qualsiasi delle lingue ufficiali dell'UE
  • la dichiarazione di origine deve essere firmata a mano. Se sei un esportatore autorizzato, sei esonerato da questo requisito, a condizione che Lei consegni alle autorità doganali un impegno scritto che accetti la piena responsabilità di qualsiasi dichiarazione che ti identifichi.
  • quando compila una dichiarazione di origine, l'offerente deve essere pronto a presentare documenti comprovanti il carattere originario dei suoi prodotti
  • la dichiarazione di origine può essere compilata dall'esportatore al momento dell'esportazione dei prodotti cui si riferisce o successivamente, a condizione che sia presentata nel paese d'importazione entro due anni dall'importazione dei prodotti cui si riferisce.

 Verifica dell'origine

Le autorità doganali possono verificare se un prodotto importato è effettivamente originario o soddisfa altri requisiti in materia di origine. La verifica si basa su:

  • cooperazione amministrativa tra le autorità doganali delle parti importatrici e delle parti esportatrici
  • controlli effettuati dalle autorità doganali locali (non sono consentite visite della parte importatrice presso l'esportatore)

Una volta conclusa la verifica, le autorità del paese esportatore procedono alla determinazione definitiva dell'origine e ne informano le autorità del paese importatore.

Requisiti del prodotto 

Norme e requisiti tecnici

Le norme tecniche definiscono le caratteristiche specifiche che un prodotto dovrebbe possedere per quanto riguarda la progettazione, l'etichettatura, la marcatura, l'imballaggio, la funzionalità e le prestazioni, intese a proteggere la salute umana e la sicurezza, nonché le norme ambientali. Tuttavia, i costi che gli operatori devono sostenere per conformarsi a requisiti diversi in mercati diversi possono essere elevati.

Nel quadro dell'accordo commerciale, l'UE e i tre paesi andini cooperano in materia di vigilanza del mercato, regolamenti tecnici, norme e procedure di valutazione della conformità. Le parti si impegnano a garantire la trasparenza, rendendo pubblici tutti i regolamenti tecnici. Tale cooperazione facilita gli scambi in generale e in particolare di prodotti quali i prodotti farmaceutici, i dispositivi medici, gli strumenti ottici, il settore automobilistico e altri tipi di macchinari.

I partner vigilano sui risultati delle valutazioni di conformità rilasciati dalle autorità competenti, nonché sulla conclusione di accordi di riconoscimento con organismi di certificazione. Ciò contribuisce all'armonizzazione delle procedure di valutazione della conformità tra le due regioni.

Etichettatura

L'accordo prevede discipline innovative in materia di etichettatura e marcatura che limitano la quantità di informazioni richieste su un'etichetta permanente. Ciò evita etichette onerose e inutili che non sono di stretta rilevanza per i consumatori.

  • non è più necessaria un'autorizzazione preventiva per la registrazione delle etichette, a meno che le etichette non siano necessarie per proteggere la salute dell'uomo, degli animali o delle piante.
  • sono consentiti pittogrammi e nomenclatura internazionali per le etichette dei prodotti
  • per quanto riguarda i prodotti tessili e le calzature, le informazioni che i produttori devono fornire sulle etichette permanenti sono limitate, il che significa che le etichette non permanenti sono utilizzate solo per visualizzare informazioni supplementari, se necessario.

Colombia — contatti per i requisiti tecnici

Ecuador — contatti per i requisiti tecnici

Perù — contatti per i requisiti tecnici

Requisiti in materia di salute e sicurezza (SPS)

L'accordo commerciale UE-Colombia-Peru-Ecuador garantisce un equilibrio tra gli scambi che facilitano l'armonizzazione delle norme SPS e la protezione delle norme sanitarie nazionali esistenti, garantendo in tal modo che le norme non siano compromesse.

L'accordo prevede l'armonizzazione delle misure SPS, comprese norme e procedure specifiche per le ispezioni delle istituzioni nazionali, la verifica delle informazioni, la trasparenza e lo scambio di informazioni.

L'accordo prevede inoltre l'istituzione di un sottocomitato per le misure sanitarie e fitosanitarie per risolvere i problemi che potrebbero sorgere in questo settore, nonché per monitorare e monitorare le azioni SPS svolte da tutte le parti dell'accordo. Ad esempio, il sottocomitato ha compiuto notevoli progressi per quanto riguarda l'accesso effettivo dei prodotti agricoli e della trasformazione alimentare dall'UE al mercato colombiano.

Colombia — contatti per i requisiti sanitari/fitosanitari (SPS)

Ecuador — contatti per i requisiti sanitari/fitosanitari (SPS)

Perù — contatti per i requisiti sanitari/fitosanitari (SPS)

Ostacoli tecnici al commercio

Sebbene le norme tecniche siano importanti, talvolta possono costituire ostacoli al commercio internazionale e possono quindi rappresentare un onere considerevole per voi in quanto esportatori.

 

  • se ritieni di dover affrontare un ostacolo commerciale che rallenta la tua attività o ti impedisce di esportare, puoi dirci
  • per sapere cosa sta fermando le esportazioni verso la Colombia, l'Ecuador o il Perù utilizzando il modulo online, l'UE analizzerà la tua situazione e adotterà le misure appropriate.

Contattaci

Documenti e procedure di sdoganamento

L'accordo garantisce procedure doganali più trasparenti e semplificate per agevolare gli scambi e ridurre i costi per le imprese.

Leguide per tappe descrivono i diversi tipi di documenti da preparare per lo sdoganamento dei prodotti.

A seconda del prodotto, le autorità doganali possono richiedere tutti o alcuni degli elementi riportati di seguito.

  • fattura commerciale (trova i requisiti specifici relativi alla forma e al contenuto in My Trade Assistant)
  • bolla di accompagnamento del carico
  • licenze d'importazione per talune merci
  • certificati attestanti la conformità del prodotto ai regolamenti obbligatori sui prodotti, quali i requisiti in materia di salute e sicurezza, l'etichettatura e l'imballaggio
  • prova dell'origine — dichiarazione di origine

Si precisa che è possibile richiedere preventivamente le informazioni tariffarie vincolanti e/o le informazioni vincolanti in materia di origine.

Per informazioni dettagliate sui documenti da presentare per lo sdoganamento del prodotto, consultare il mio assistente commerciale.

Procedure per la prova e la verifica dell'origine

Per le descrizioni di come dimostrare l'origine dei prodotti per chiedere tariffe preferenziali e delle norme relative al controllo dell'origine da parte delle autorità doganali, si rimanda alla sezione relativa alle norme di origine.

Per informazioni sulle procedure doganali per l'importazione e l'esportazione in generale, consultare il sito web della DG Fiscalità e unione doganale.

Proprietà intellettuale e indicazioni geografiche

L'accordo commerciale garantisce una maggiore tutela dei diritti di proprietà intellettuale per le Sue importazioni/esportazioni da e verso la Colombia, l'Ecuador o il Perù.

Iltitolo VII dell'accordo commerciale UE-Colombia-Peru-Ecuador ribadisce gli impegni delle parti nei confronti dell'accordo TRIPS e della convenzione sulla biodiversità (CBD) e le accorda sia al trattamento nazionale che al trattamento della nazione più favorita. Ciò significa che la vostra proprietà intellettuale in Colombia, Ecuador o Perù sarà trattata allo stesso modo dei cittadini di tali paesi.

La Colombia, l'Ecuador e il Perù hanno inoltre modificato e adottato una nuova legislazione per incorporare le specialità regionali e le indicazioni geografiche (IG) in modo analogo all'UE.

Scambi di servizi

L'accordo commerciale apre reciprocamente i mercati dei servizi in entrambe le regioni e garantisce la certezza del diritto e la prevedibilità di cui hai bisogno in qualità di prestatore di servizi. Essa va oltre gli impegni assunti nel quadro dell'accordo generale dell'OMC sugli scambi di servizi, consolidando l'accesso a settori importanti quali le telecomunicazioni, i servizi finanziari e alle imprese, i servizi ambientali, i servizi di distribuzione e i settori diversi dai servizi, pur riservando alle parti il diritto di modificare aspetti di particolare importanza (ad esempio, restrizioni alla percentuale minima della forza lavoro che deve essere locale, servizi informatici utilizzati nell'attività transfrontaliera e servizi ausiliari utilizzati nel trasporto aereo).

L'accordo commerciale garantisce inoltre di non essere discriminato come prestatore di servizi nei settori che vi sono aperti.

Cfr. titolo IV Scambi di servizi, stabilimento e commercio elettronico.

Prestazione e stabilimento transfrontalieri di servizi

L'accordo consente un accesso quasi completo al mercato dei servizi transfrontalieri e dello stabilimento in un'ampia gamma di settori, tra cui i servizi finanziari, i servizi professionali, i trasporti marittimi e i servizi di telecomunicazione.

Alla prestazione transfrontaliera di servizi bancari e ferroviari si applicano diverse limitazioni, come quelle relative alla tutela delle minoranze.

Cfr. allegato VIII (Elenco degli impegni relativi alla prestazione transfrontaliera di servizi)

Limitazioni non discriminatorie si applicano anche allo stabilimento nei settori della distribuzione e dell'ambiente.

Allegato VII (Elenco degli impegni relativi allo stabilimento)

Circolazione delle persone

I visitatori di breve durata dell'UE per motivi professionali possono soggiornare temporaneamente in Colombia, Ecuador e Perù e viceversa. Sono compresi i prestatori di servizi che sono stati incaricati di fornire un servizio nell'Unione europea a un consumatore finale (architettura, ingegneria, servizi medici, ricerca e progettazione, ricerche di mercato, fiere commerciali, turismo).

Cfr. allegato IX (Riserve relative alla presenza temporanea di persone fisiche per motivi professionali).

Appalti pubblici

L'accordo commerciale UE-Colombia-Ecuador/Perù consente alle imprese dell'UE di presentare offerte e di competere per gare d'appalto pubbliche nei paesi partner a parità di condizioni con le imprese nazionali.

L'allegato XII dell'accordo stabilisce le norme applicabili agli appalti pubblici. Indica quali soggetti sono contemplati dall'accordo, nonché i beni e i servizi che possono essere oggetto di appalti pubblici. Elenca inoltre aree escluse, quali l'acquisto o la locazione di terreni, le agenzie fiscali o di deposito e i servizi pubblici per l'impiego.

Infine, l'accordo stabilisce i principi generali in materia di appalti pubblici, tra cui le procedure di gara, l'uso dei mezzi di comunicazione elettronici, le norme di origine e la compensazione.

Colombia — contatti per gli appalti pubblici

Ecuador — contatti per gli appalti pubblici

Perù — contatti per gli appalti pubblici

Link, contatti e documenti

Colombia

Istituzioni nazionali — Colombia

Banca della Repubblica di Colombia

Carrera 7, n. 14-78, Cundinamarca, Bogotá, D.C., COLOMBIA

Tel.: + 57 1 343 1111

Fax: + 57 1 2861686

Direzione nazionale delle imposte e delle dogane (DIAN)

Dirección de Impuestos y Aduanas Nacionales de Colombia (DIAN)

NIVEL Central, Carrera 8, n. 6-64, Edificio San Agustín, Bogotá, D.C., COLOMBIA

Tel.: + 57 1 6079999

Fax: + 57 1 3337841

Rappresentanze, camere di commercio e associazioni imprenditoriali — Colombia

Delegazione dell'Unione europea in Colombia

Calle 116 número 7-15, interno 2, piso 12, Edificio Cusezar, Barrio Santa Bárbara, Bogotá D.C., COLOMBIA

Tel.: + 57 1 7477700

Fax: + 57 1 7470074

E-mail: delegation-colombia@eeas.europa.eu

Ambasciata colombiana in Belgio

96a Avenue Franklin Roosevelt, Ixelles, 1050 Bruxelles, BELGIO

Tel.: + 32 2 649 56 79

Fax: + 32 2 646 54 91

E-mail: ebruselas@cancilleria.gov.co

Web: belgica.embajada.gov.co

Ministero del commercio, dell 'industria e del turismo

Ministerio de Comercio, Industria y Turismo (MINCIT)

Calle 28, n. 13 A-15, Bogotá, D.C., COLOMBIA

Tel.: + 57 1 4199450

Fax: + 57 1 6967521

PROCOLOMBIA

Calle 28, n. 13 A-15, Piso 35-36, Bogotá, D.C., COLOMBIA

Tel.: + 57 1 5600100, + 57 1 3275450

Fax: + 57 1 5600104

Web: http://www.procolombia.co/

Sportello unico per il commercio estero (VUCE)

Ventanilla Única de Comercio Exterior (VUCE)

Calle 28 n. 13 A — 15, Bogotá, D.C., COLOMBIA

Tel.: + 57 1 6067676

Web: http://vuce.gov.co/

EU4Business

De Kleetlaan 2, B-1831 Diegem, BELGIUM

Tel.: + 32 2749 1851

E-mail: secretariat@eu4business.eu

Contatti per i requisiti tecnici — Colombia

Sovrintendenza per l'industria e il commercio (SIC) presso il ministero del Commercio, dell'industria e del turismo (MINCIT)

Carrera 13 # 27-00, Floors: 1º e, 110311 Bogotá D.C., COLOMBIA

Tel.: + 57 1 5920400, + 57 1 5870000

Fax: + 57 1 5870284

Web: https://www.sic.gov.co/en/international-community-home

Istituto colombiano per le norme tecniche e la certificazione (ICONTEC)

Instituto Colombiano de Normas Técnicas y Certificación

Carrera 37 52-95, Edificio ICONTEC, P.O. Box 14237, Bogotá, D.C., COLOMBIA

Tel.: + 57 1 6078888

Fax: + 57 1 2221435

E-mail: direccion@icontec.org

Web: https://www.icontec.org/

Organismo nazionale di accreditamento della Colombia (ONAC)

Organismo Nacional de Acreditación de Colombia

Calle 26 #57 -83 Torre 8 — Oficina 1001, Bogotá, D.C., COLOMBIA

Tel.: + 57 1 742 7592, estratto 103

Fax: + 57 1 321 2938, estratto 117

Web: http://www.onac.org.co

Ministero delle miniere e dell'energia

Ministerio de Minas y Energia (MINMINAS)

Calle 43, n. 57-31, Bogotá, D.C., COLOMBIA

Tel.: + 57 1 2200300

Fax: + 57 1 3245202, + 57 1 3245207

Autorità nazionale per le licenze ambientali (ANLA)

Autoridad Nacional de Licencias Ambientales (ANLA) del Ministerio de Ambiente y Desarrollo Sostenible (MINAMBIENTE)

Calle 37, n. 8-40, Bogotá, D.C., COLOMBIA

Tel.: + 57 1 3323434, + 57 1 3323400

Fax: + 57 1 3406212

Contatti per i requisiti sanitari/fitosanitari (SPS) — Colombia

Sottodirezione per la protezione e la regolamentazione della salute animale dell'Istituto agrario colombiano

Subgerencia de Protección y Regulación de la Sanidad Animal del Instituto Colombiano Agropecuario (ICA)

Carrera 41, n. 17-81, Bogotá, D.C., COLOMBIA

Tel.: + 57 1 3323700, + 57 1 2884800

Fax: + 57 1 3323700, + 57 1 2322031

Centro di eccellenza fitosanitaria dell'Istituto agrario colombiano

Centro de Excelencia Fitosanitaria (CEF) dell'Instituto Colombiano Agropecuario (ICA)

Carrera 13 n. 37, Piso 6, Edificio Cavipetrol, Bogotá, D.C., COLOMBIA

Tel.: + 57 1 2328218, + 57 1 2328219

Fax: + 57 1 2328218, + 57 1 2328219

Sottodirezione della protezione e della regolamentazione agricola dell'Istituto agrario colombiano

Subgerencia de Protección y Regulación Agrícola del Instituto Colombiano Agropecuario (ICA)

Carrera 41, n. 17-81, Bogotá, D.C., COLOMBIA

Tel.: + 57 1 3323700, + 57 1 2884800

Fax: + 57 1 3323700, + 57 1 2322031

Comitato tecnico nazionale per la biosicurezza dell'Istituto agrario colombiano

Comitato Técnico Nacional de Bioseguridad (CTNBio) dell'Instituto Colombiano Agropecuario (ICA)

Carrera 41, n. 17-81, Bogotá, D.C., COLOMBIA

Tel.: + 57 1 3323700, + 57 1 2884800

Fax: + 57 1 3323700, + 57 1 2322031

Ministero dell'Agricoltura e dello sviluppo rurale (MINAGRICULTURA)

Ministerio de Agricultura y Desarrollo Rural (MINAGRICULTURA)

Edificio Bancol, Carrera 8 Nr. 12B — 31 Piso 5, Bogotá D. C., COLOMBIA

Tel.: + 57 1 2543300

Web: https://www.minagricultura.gov.co/English/Paginas/default.aspx

Ministero delle relazioni estere

Ministerio de Relaciones Exteriores

Calle 10, n. 5-51, Bogotá, D.C., COLOMBIA

Tel.: + 57 1 3814000

Fax: + 57 1 3814747

Autorità nazionale per l'acquacoltura e la pesca (AUNAP)

Autoridad Nacional de Acuicultura y Pesca (AUNAP)

Edificio UGI, Calle 40A n. 13-09 Piso 6,14,15, Bogotá, D.C., COLOMBIA

Tel.: + 57 1 3770500

E-mail: atencionalciudadano@aunap.gov.co

Web: https://www.aunap.gov.co/

Sistema di informazione sanitaria per l'importazione e l'esportazione di prodotti agricoli e zootecnici (SISPAP)

Web: https://www.ica.gov.co/

 

Divisione Affari multilaterali del Ministero degli Affari Esteri

Vice ministerio de Asuntos multilaterales del Ministerio de Relaciones Exteriores

Calle 10, n. 5-51, Bogotá, D.C., COLOMBIA

Tel.: + 57 1 3814000, + 57 1 3811128, + 57 1 3814014

Fax: + 57 1 3814747

Istituto di ricerca per le risorse biologiche Alexander von Humboldt

Instituto de Investigación de Recursos Biológicos Alexander von Humboldt

Calle 28 A, n. 15-09, Bogotá, D.C., COLOMBIA

Tel.: + 57 1 3202767

Contatti per gli appalti pubblici — Colombia

Colombia Buys efficiente

Colombia Compra eficiente

N. 7 Race 26-20 Floor 17,10 e 8, Edificio Tequendama, 110311, Bogota, D.C., COLOMBIA

Tel.: + 57 1 7456788, + 57 1 7956600

Web: https://colombiacompra.gov.co/

Sistema elettronico per gli appalti pubblici della Colombia (Secop)

 

Web:

SECOP I: https://colombiacompra.gov.co/secop/secop-i

SECOP II: https://colombiacompra.gov.co/secop-ii

Piazzale virtuale dello Stato colombiano: https://colombiacompra.gov.co/tienda-virtual-del-estado-colombiano

Ecuador

Istituzioni nazionali — Ecuador

Banca centrale dell'Ecuador

Banco Central del Ecuador

Avenida 10 de Agosto n. 11-409 y Briceño, EC-170409 Quito, ECUADOR

Tel.: + 593 2 2570013, + 593 2 2572522

Comitato per il commercio estero (COMEX)

Comitato di Comercio Exterior (COMEX)

Eloy Alfaro y Amionas, CE-Quito, ECUADOR

Tel.: + 593 2 2239258

Fax: + 593 2 2543897

Servizio doganale nazionale dell'Ecuador (SENAE)

Aduana del Ecuador (SENAE)

Dirección General, Av. Malecón Simón Bolívar entre 9 de Octubre y P. Icaza, CE-Guayaquil, ECUADOR

Tel.: + 593 2 3731030

Web: https://www.aduana.gob.ec/

Consiglio nazionale delle zone di libero scambio (CONAZOFRA)

Consejo Nacional de Zonas Francas (CONAZOFRA)

Avenida Orellana E9-195 y Avenida 6 de diciembre, Edificio Alisal de Orellana, Oficina 601, CE-Quito, ECUADOR

Tel.: + 593 2 2223612, + 593 2 2225494, + 593 2 2559634

Sottosegretario per le industrie intermedie e finali del viceministero della produzione e dell'industria assegnato al ministero della produzione, del commercio estero, degli investimenti e della pesca

Sottosegretaria de Industrias Intermedias y Finales, Viceministerio de Producción e Industrias, Ministerio de Producción, Comercio Exterior, Inversiones y Pesca (MPCEIP)

Calle Yánez Pinzón N26-12, Entre Avenida Colón y La Niña, Edificio Rigel, EC-170516 Quito, ECUADOR

Tel.: + 593 2 3948760

Ministero dell'Ambiente

Ministero dell'Ambiente (MAE)

Calle Madrid 1159 y Andalucía, CE-Quito, ECUADOR

Tel.: + 593 2 3987600

Rappresentanze, camere di commercio e associazioni imprenditoriali — Ecuador

Delegazione dell'Unione europea in Ecuador

Orellana E11-160 y Whymper, Edificio Schuman, Quito, ECUADOR

Tel.: + 593 2 2523912, + 593 2 2523161, + 593 2 2902103

E-mail: delegation-ecuador@eeas.europa.eu

Ambasciata ecuadoriana in Belgio

AV. Louise 363-9º piano, 1050 Bruxelles, BELGIO

Tel.: + 32 2644 3258

E-mail: consulado.ecuador@skynet.be / cecubruselas@cancilleria.gob.ec

Web: http://bruselas.consulado.gob.ec/

Associazione nazionale per il commercio agricolo

Federacion Nacional de camaras de Agricultura

AV. 1429 Y Colon Edificio Espana, Piso 1, Postal 17-21-322, CE-Quito, ECUADOR

Tel.: + 593 2 2230185

Associazione nazionale per il commercio dell'industria dell'Ecuador

Federacion Nacional de camaras de Industrias del Ecuador

AV. Amionas Y Republica, Edificio Las camaras, Piso 10, P.O.BOX 17012438, CE-Quito, ECUADOR

Tel.: + 593 2 2230185

Fax: + 593 2 2448118

E-mail: camara@camindustriales.org.ec

PRO ECUADOR

Malecón Simón Bolivar 100 y 9 de Octubre, Edificio La Previsora piso 18, Guayaquil, ECUADOR

Tel.: + 593 2 2597980

E-mail: contacto@proecuador.gob.ec

Web: https://www.proecuador.gob.ec/

EU4Business

De Kleetlaan 2, B-1831 Diegem, BELGIUM

Tel.: + 32 2749 1851

E-mail: secretariat@eu4business.eu

Contatti per i requisiti tecnici — Ecuador

Servizio ecuadoriano di normalizzazione (INEN)

Servicio ecuatoriano de Normalización

E8-29 Calles Baquerizo Moreno y Diego de Almagro, Edificio: INEN PO Box 17-01-3999, Quito, DM EC170517, Pichincha, ECUADOR

Tel.: + 593 2 3825960, + 593 2 3825961

E-mail: direccionejecutiva.inen@gmail.com

Web: https://www.normalizacion.gob.ec/

Direzione per la convalida e la certificazione presso l'Istituto ecuadoriano per le norme

Dirección y Certificación del Instituto ecuatoriano de Normalización (INEN)

Baquerizo Moreno E8-29 y Diego de Almagro, CE-Quito, ECUADOR

Tel.: + 593 2 2501885, + 593 2 2501886, + 593 2 2501887

Fax: + 593 2 2567815

Servizio di accreditamento ecuadoriano

Servicio de Acreditación ecuatoriano (SAE)

AV. Aiconas N38-42 y Juan José Villalengua, Quito, ECUADOR

Tel.: + 593 2 2454393

Web: http://www.acreditacion.gob.ec

Contatti per i requisiti sanitari/fitosanitari (SPS) — Ecuador

Agenzia ecuadoriana per la garanzia della qualità dei prodotti agricoli assegnata al ministero dell'Agricoltura e dell'allevamento (AGROCALIDAD)

Agencia de Regulación y Control Fito y Zoosanitario (AGROCALIDAD)

Agenzia per la regolamentazione e il controllo dei fitofarmaci e zoosanitari

Teléfono: (+ 593) 3828 860 

AV. Eloy Alfaro N30-350 y Av. Aiconas. Ed. Mag, piso 9. Quito — Ecuador

Web: https://www.agrocalidad.gob.ec

Sottosegretario di Stato all'acquacoltura presso il ministero della produzione, del commercio estero, degli investimenti e della pesca (MPCEIP)

Vice ministerio de Acuacultura y Pesca, Ministerio de Producción, Comercio Exterior, Inversiones y Pesca

San Salvador E6-49 y Eloy Alfaro, CE-Quito, ECUADOR

Tel.: + 593 2 3827089

Web: http://www.produccion.gob.ec/viceministerio-de-acuacultura-y-pesca/

Direzione dell'agrodiversità del Sottosegretario dell'agricoltura del ministero dell'Agricoltura e dell'allevamento

Dirección de Agrodiversidad de la Subsecretaría de Agricultura del Ministerio de Agricultura y Ganadería (MAG)

Avenida Coreonas y Avenida Eloy Alfaro, EC-170516 Quito, ECUADOR

Tel.: + 593 2 3960100, + 593 2 3960200, + 593 2 3961049, + 593 2 3961051, + 593 2 3961150

Istituto ecuadoriano per la proprietà intellettuale, Direzione nazionale per la privativa per ritrovati vegetali

Instituto ecuatoriano de la Propiedad Intelectual, Dirección Nacional de Obtenciones Vegetales

Avenida República 396 y Diego de Almagro, Edificio Forum 300, CE-Quito, ECUADOR

Tel.: + 593 2 3940000

Ministero della Sanità pubblica (PSM)

Ministerio de Salud Pública (MSP)

República del Salvador 36-64, Entre Suecia y Naciones Unidas, EC-170515 Quito, ECUADOR

Tel.: + 593 2 3814400

Ministero della produzione, del commercio estero, degli investimenti e della pesca (MPCEIP)

Ministerio de Producción, Comercio Exterior, Inversiones y Pesca (MPCEIP)

San Salvador E6-49 y Eloy Alfaro, CE-Quito, ECUADOR

Tel.: + 593 2 3827089

Web: http://www.produccion.gob.ec/

Direzione nazionale per la biodiversità presso il ministero dell'Ambiente

Dirección Nacional de Biodiversidad del Ministerio del Ambiente (MAE)

Calle Madrid 1159 y Andalucía, EC-170517 Quito, ECUADOR

Tel.: + 593 2 3987600, + 593 2 3981422, + 593 2 3981610

Fax: + 593 2 3987600, + 593 2 3981422, + 593 2 3981610

Direzione dell'ambiente e dello sviluppo sostenibile presso il ministero degli Affari esteri e della migrazione

Dirección de Ambiente y Desarrollo Sostenible del Ministerio de Relaciones Exteriores y Movilidad Humana

Jerónimo Carrión y Avenida 10 de Agosto, EC-170517 Quito, ECUADOR

Tel.: + 593 2 2993200 estratto + 593 2 2912101

Contatti per gli appalti pubblici — Ecuador

Servizio nazionale per gli appalti pubblici (SERCOP)

Servicio Nacional de Contratación Pública (SERCOP)

Avenida de Los Shyris 38-28 y el Telégrafo, CE-Quito, ECUADOR

Tel.: + 593 2 2440050

Compras Públicas

Web: www.compraspublicas.gob.ec

 

Perù 

Istituzioni nazionali — Perù

Banca centrale del Perù

Banco Central de Reserva del Perú

441-445, via Santa Rosa, Lima-1, PERU

Tel.: + 51 1 6132000

Web: http://www.bcrp.gob.pe

Sovrintendenza doganale nazionale del Perù (SUNAT)

Superintendencia Nacional de Aduanas y de Administración Tributaria (SUNAT)

AV. Garcilaso de la Vega 1472, Lima 1, PERU

Tel.: + 51 1 3150730

Web: http://www.sunat.gob.pe/

Ministero dell'Economia e delle Finanze (MEF)

Ministerio de Economía y Finanzas

Jirón Junín 319, Cercado de Lima 15001, PE-Lima 1, PERU

Tel.: + 51 1 3115930

Ministero del Commercio estero e del turismo (MINCETUR)

Ministerio de Comercio Exterior y Turismo (MINCETUR)

Calle Uno Oeste N 050 Urb. Corpac, San Isidro, Lima, PERU

Tel.: + 51 1 5136100

E-mail: webmaster@mincetur.gob.pe

Web: https://www.gob.pe/mincetur

Sportello unico per il commercio estero (VUCE)

Ventanilla Única de Comercio Exterior (VUCE)

Calle Uno Oeste N 050 Urb. Córpac, San Isidro, Lima, PERU

Tel.: + 51 1 5136100, + 51 1 5131160

E-mail: vuce@mincetur.gob.pe

Web: https://www.vuce.gob.pe/

Direzione generale della salute ambientale (DIGESA)

Dirección General de Salud Ambiental (DIGESA)

LAS Amitas # 350 Urb. San Eugenio, Lince (Lima 14), Lima, PERU

Tel.: + 51 1 6314430

E-mail: consultas@digesa.minsa.gob.pe

Web: http://www.digesa.minsa.gob.pe

Rappresentanze, camere di commercio e associazioni imprenditoriali — Perù

Delegazione dell'Unione europea in Perù

Víctor Andrés Belaúnde 332, 5-piso (Edificio Cromo), San Isidro, PERU

Tel.: + 51 1 4150800

Fax: + 51 1 4214563

E-mail: delegation-peru@eeas.europa.eu

Missione del Perù presso l'Unione europea

Ambasciata del Perù, 212 Tervuren Avenue, 1150 Bruxelles, BELGIO

Tel.: + 32 2 733 33 19

E-mail: info@embaperu.be

Web: https://www.embajadaperu.be/

Camera di commercio di Belgo Perú — Bruxelles

Rue Hobbema 75, 1000 Bruxelles, Belgio

Tel: + 32 475 920 974 e-mail:

 sito

web info@belgoperu.com: www.belgoperu.com 

Camera di commercio di Belgo Perú — Anversa

Luitenant Lippenslaan 44, 2140 Anversa, Belgio

Tel: + 32 475 920 974 e-mail:

 sito

web info@belgoperu.com: www.belgoperu.com

EU4Business

De Kleetlaan 2, B-1831 Diegem, BELGIUM

Tel.: + 32 2749 1851

E-mail: secretariat@eu4business.eu

Contatti per i requisiti tecnici — Perù

Istituto nazionale di qualità (INACAL)

Instituto Nacional de Calidad (INACAL), Ministerio de Producción

Calle Las Camelias 815, San Isidro, Lima 27, PERU

Tel.: + 51 1 6408820

E-mail: inacal@inacal.gob.pe

Web: https://www.inacal.gob.pe/

Istituto nazionale per la difesa della concorrenza e la tutela della proprietà intellettuale (INDECOPI)

Instituto Nacional de la Defensa de la Competencia y Protección de la Propiedad Intelectual (INDECOPI)

Calle La Prosa 104, San Borja, PE-Lima, PERU

Tel.: + 51 1 2247777, + 51 1 2247800

Fax: + 51 1 2241715

Ministero dei Trasporti e delle comunicazioni, viceministero dei Trasporti

Ministerio de Transportes y Comunicaciones (MTC), vice ministerio de Transportes

Jiron Zorritos 1203, PE-Lima, PERU

Tel.: + 51 1 6157800

Contatti per i requisiti sanitari/fitosanitari (SPS) — Perù

Servizio nazionale per la salute agricola (SENASA), Ministero dell'agricoltura e dell'irrigazione

Servicio Nacional de Sanidad Agraria (SENASA) del Ministerio de Agricultura y Riego (MINAGRI)

Avenida La Molina n. 1915, Lima 12 — La Molina, PE-Lima, PERU

Tel.: + 51 1 3133300

E-mail: senasacontigo@senasa.gob.pe

Organizzazione nazionale di sanità della pesca (SANIPES)

Organismo Nacional de Sanidad Pesquera (SANIPES)

Domingo Orué n. 165, pisos 6 y 7, Surquillo, Lima, PERU

Tel.: + 51 1 2138570

Web: https://www.sanipes.gob.pe/web/index.php/es/

Ministero delle Produzioni (PRODUCE)

Ministerio de la Producción (PRODUCE)

Calle Uno Oeste 060 — Urbanización Córpac, Lima 15036, PERU

Tel.: + 51 1 6162222

E-mail: consultas@produce.gob.pe

Direzione generale della Quarantina animale, Direzione generale della sanità animale, Servizio nazionale per la salute agricola, Ministero dell'agricoltura e dell'irrigazione

Subdirección de cuarentena Animal, Dirección General de Sanidad Animal, Servicio Nacional de Sanidad Agraria (SENASA) del Ministerio de Agricultura y Riego (MINAGRI)

Avenida La Molina n. 1915, Lima 12 — La Molina, PE-Lima, PERU

Tel.: + 51 1 3133300, + 51 1 3133324

Fax: + 51 1 3401486

E-mail: senasacontigo@senasa.gob.pe

Direzione Invenzioni e nuove tecnologie (DIN), Istituto nazionale per la difesa della concorrenza e la tutela della proprietà intellettuale (INDECOPI)

Instituto Nacional de la Defensa de la Competencia y Protección de la Propiedad Intelectual (INDECOPI)

Calle La Prosa 104, San Borja, PE-Lima, PERU

Tel.: + 51 1 2247777, + 51 1 2247800

Fax: + 51 1 2241715

Sottodirezione Quarantina dei vegetali, Direzione generale per la sanità delle piante, Servizio nazionale per la salute agricola, Ministero dell'Agricoltura e dell'Irrigazione

Subdirección de cuarentena Vegetal, Dirección General de Sanidad Vegetal, Servicio Nacional de Sanidad Agraria (SENASA) del Ministerio de Agricultura y Riego (MINAGRI)

Avenida La Molina n. 1915, Lima 12 — La Molina, PE-Lima, PERU

Tel.: + 51 1 3133300, + 51 1 3133309, + 51 1 3133321

Fax: + 51 1 3401486

Direzione generale per la diversità biologica, Ministero dell'ambiente

Dirección General de Diversidad Biológica, Ministerio del Ambiente (MINAM)

Avenida Javier Prado Oeste 1440, San Isidro, PE-Lima 27, PERU

Tel.: + 51 1 6116000, proroga 1349

Fax: + 51 1 6116000, proroga 1349

Istituto nazionale di innovazione agraria

Instituto Nacional de Innovación Agraria (INIA)

Avenida La Molina 1981, Lima 12 — La Molina, Apartado Postal 2791, PE-Lima, PERU

Tel.: + 51 1 3492600, proroga 295

Fax: + 51 1 3495646

Comitato peruviano per i cosmetici e l'igiene presso la Camera di Commercio

Comitato peruano de Cosmética e Igiene (COPECOH) de Cámara de Comercio

Avenida Giuseppe Garibaldi (ex Gregorio Escobedo) 396, Jesús María, PE-Lima 11, PERU

Tel.: + 51 1 4633434

Direzione generale dei farmaci, delle forniture e delle droghe (DIGEMID)

Dirección General de Medicamentos, Insumos y Drogas (DIGEMID)

AV. Parque de las Leyendas 240 Torre B, San Miguel, PERU

Tel.: + 51 1 6314300 

Web: http://www.digemid.minsa.gob.pe/

Consiglio nazionale per la proibizione delle armi chimiche presso il ministero degli Affari esteri

Consejo Nacional para la Prohibicíon de las Armas Químicas (CONAPAC) bajo el Ministerio de Relaciones Exteriores (MRE)

Jirón Lampa 535, PE-Lima 1, PERU

Tel.: + 51 1 2042400, + 51 1 2042505

Fax: + 51 1 2042498

Contatti per gli appalti pubblici — Perù

Agenzia per gli appalti pubblici (OSCE)

Organismo supervisore de las Contrataciones del Estado (OSCE)

AV. Gregorio Escobedo CDRA. 7 S/n Jesús María, Lima 11, PERU

Tel.: + 51 1 6143636

Web: https://portal.osce.gob.pe/osce/,

http://www.osce.gob.pe/english.asp

Registro nazionale dei fornitori (RNP)

Registro Nacional de Proveedores (RNP)

AV. Gregorio Escobedo CDRA. 7 S/n Jesús María, Lima 11, PERU

Tel.: + 51 1 6135555, + 51 1 6135000

E-mail: rnpatiende@osce.gob.pe

Web: https://portal.osce.gob.pe/rnp/

Ulteriori link

Fonti

http://ec.europa.eu/trade/policy/countries-and-regions/regions/andean-community/

https://www.eumonitor.eu/

http://trade.ec.europa.eu/doclib/cfm/doclib_search.cfm?langId=EN

https://ec.europa.eu/easme/en/enterprise-europe-network

https://eeas.europa.eu/delegations/colombia_en/15808/Colombia%20and%20the%20EU

https://eeas.europa.eu/diplomatic-network/andean-community/2049/andean-community_en

https://eeas.europa.eu/diplomatic-network/andean-community_en

http://www.europarl.europa.eu/RegData/etudes/STUD/2018/621834/EPRS_STU (2018) 621834_EN.pdf

http://trade.ec.europa.eu/doclib/press/index.cfm?id=993

 

 

Condividi questa pagina:

Link diretti