Zona di libero scambio globale e approfondita UE-Georgia

L'UE e la Georgia hanno firmato un accordo di associazione nel giugno 2014 ed è entrato in vigore nel luglio 2016. La zona di libero scambio globale e approfondito (DCFTA) è parte integrante dell'accordo. Riduce le tariffe che le imprese europee devono affrontare quando esportano in Georgia. Aumenta l'efficienza delle procedure doganali. Facilita inoltre ulteriormente gli scambi commerciali mediante il graduale ravvicinamento della legislazione, delle norme e delle procedure georgiane, comprese le norme, a quelle dell'UE.

L'accordo in sintesi

L'accordo di associazione UE-Georgia è entrato in vigore il 1º luglio 2016.

Testo integrale e allegati dell'accordo.

Quali sono i vantaggi per la vostra impresa?

L'accordo rende più facile per la vostra impresa esportare e importare dalla Georgia in quanto

  • elimina la maggior parte delle tariffe
  • prevede procedure doganali più efficienti

Chi può esportare dall'UE in Georgia nel quadro dell'accordo di associazione UE-Georgia?

Per esportare dall'UE in Georgia la vostra società deve essere registrata in uno degli Stati membri dell'UE e aver ottenuto una dichiarazione doganale valida e, se necessario, una licenza di esportazione.

Chi può esportare nell'UE dalla Georgia nel quadro dell'accordo di associazione UE-Georgia?

Per esportare nell'UE nel quadro dell'accordo UE-Georgia, la vostra società dovrà essere registrata nella Repubblica di Georgia.

 

Le principali esportazioni di beni della Georgia sono:

  • prodotti minerali
  • macchine ed apparecchi
  • prodotti chimici
  • attrezzature di trasporto

L'UE è uno dei principali partner commerciali della Georgia. Il paese si sta pertanto adoperando per razionalizzare la sua legislazione e le sue pratiche commerciali con quelle dell'UE, il che avvantaggia in particolare le PMI che operano nel commercio.

Tariffe

L'accordo elimina la maggior parte dei dazi doganali sulle merci. 

Beni industriali

L'accordo di associazione UE-Georgia sopprime il 100 % dei dazi doganali sui prodotti industriali.

Prodotti agricoli

L'accordo di associazione UE-Georgia vieta l'uso di contingenti tariffari sia per le importazioni che per le esportazioni.

Tuttavia, per le importazioni nell'UE vi sono alcune eccezioni per taluni prodotti agricoli sensibili ai quali si applicano contingenti tariffari:

Contingente tariffario per l'aglio

Un contingente tariffario annuale è applicato all'importazione di aglio nell'UE. In base all'accordo, l'UE accetta importazioni dalla Georgia per un totale di 220 tonnellate di aglio all'anno. Le importazioni incluse nel totale sono determinate secondo il principio "primo arrivato, primo servito". Una volta superato il totale, si applicherà il dazio doganale NPF dell'UE. Prima di esportare, controllare il saldo di ciascuna quota applicabile.

Prezzo di entrata di alcuni ortofrutticoli

Se si importano nell'UE alcuni prodotti ortofrutticoli, ad esempio pomodori, zucchine o pesche, le merci saranno soggette a un sistema di "prezzo d'entrata". In base all'accordo, ciò significa che il dazio doganale sarà calcolato come un dazio specifico. Se le merci che stai importando nell'UE soddisfano i requisiti previsti dalle norme di origine e sono valutate a un prezzo di fattura inferiore all'importo indicato nel dazio specifico, in qualità di importatore dovrete sostenere la differenza tra l'importo del dazio specifico fisso e l'importo della fattura.

Tuttavia, Lei non sarà tenuto a pagare alcuna tassa se il valore in dogana della merce che importa dalla Georgia è pari o superiore al prezzo di entrata indicato dall'ufficio doganale.

Cfr. l' elenco delle merci soggette a un prezzo d'entrata.

Se importa merci dalla Georgia, deve pagare il prezzo di entrata sui prodotti ortofrutticoli?

In pratica, la maggior parte delle merci importate dalla Georgia ha un valore in dogana superiore al prezzo d'entrata, per cui nella maggior parte dei casi non dovrai pagare un prezzo di entrata.

Antielusione

La maggior parte dei prodotti agricoli (trasformati) è soggetta a un meccanismo antielusione, ossia a una soglia per il volume totale delle importazioni all'anno. L'allegato II-C dell'accordo di associazione UE-Georgia contiene un elenco di prodotti agricoli ai quali si applica un meccanismo antielusione.

Ciò significa che se le importazioni dalla Georgia superano un determinato livello, l'UE è autorizzata a sospendere i dazi più bassi per questi prodotti. La soglia può essere superata solo se il governo georgiano può fornire all'UE una valida giustificazione del fatto che i produttori georgiani hanno la capacità di produrre tali merci e/o la capacità di esportare volumi superiori alla soglia. Se la giustificazione è soddisfacente, si rinuncia ai dazi doganali.

Ciò al fine di garantire che i paesi terzi non traggano vantaggio dall'accordo UE-Georgia e esportino fraudolentemente verso l'UE attraverso la Georgia.

 

Trova l'aliquota tariffaria applicabile al tuo prodotto nel mio assistente al commercio

Norme di origine

 

Per poter beneficiare del trattamento preferenziale, il prodotto dovrà soddisfare le norme di origine previste dall'accordo. Consulta lostrumento interattivo di autovalutazione delle regole di origine (ROSA) nel mio assistente commerciale per valutare se il tuo prodotto rispetta le norme di origine e scoprire come preparare i documenti corretti.

Informazioni generali sullenorme di originee sulle procedure di origine sono disponibili in questa sezione.

L'origine è la "nazionalità economica" dei beni oggetto di scambio. Se sei nuovo all'argomento, puoi trovare un' introduzione ai concetti principali nella sezione "Merci".

Norme di origine

Dove posso trovare le norme di origine?

Le norme di origine applicabili nell'ambito dell'accordo di associazione con la Georgia sono definite nell' appendice I della convenzione regionale sulle norme di origine preferenziali paneuromediterranee ("convenzione PEM"). Tali norme sono in fase di revisione e una nuova serie di norme di origine alternative dovrebbe essere applicabile entro la metà del 2021, comprese le disposizioni sul cumulo, la restituzione del dazio, la tolleranza e la regola di non modifica (cfr. infra) che saranno rese meno rigorose.

La convenzione PEM sulle norme di origine mira a stabilire norme comuni di origine e cumulo tra 25 parti contraenti (UE, EFTA, paesi balcanici e partner ALS nella regione del vicinato meridionale e orientale dell'UE) e l'UE per agevolare gli scambi e integrare le catene di approvvigionamento all'interno della zona.

L'elenco delle parti contraenti della PEM

Informazioni dettagliate sul sistema paneuromediterraneo sono disponibili nel manuale per gli utenti.

Il mio prodotto è originario dell'UE o della Georgia secondo la convenzione PEM?

Per beneficiare della tariffa preferenziale inferiore o pari a zero ai sensi della convenzione PEM, il prodotto deve essere originario dell'UE o della Georgia.

Un prodotto "originario" se è:

Il prodotto deve inoltre soddisfare tutti gli altri requisiti applicabili specificati nel capitolo, quali lavorazioni o trasformazioni insufficienti o la regola del trasporto diretto. Vi sono anche alcune flessibilità aggiuntive per aiutarvi a rispettare le norme specifiche per prodotto, ad esempio la tolleranza o il cumulo.

 

Esempi dei principali tipi di norme specifiche per prodotto negli accordi commerciali dell'UE

  • regola del valore aggiunto — il valore di tutti i materiali non originari utilizzati in un prodotto non può eccedere una determinata percentuale del suo prezzo franco fabbrica
  • la modifica della regola di classificazione tariffaria — il processo di produzione comporta una modifica della classificazione tariffaria tra i materiali non originari e il prodotto finale — ad esempio, la produzione di carta (capitolo 48 del sistema armonizzato) a partire da pasta non originaria (sistema armonizzato, capitolo 47).
  • operazionispecifiche — è necessario un processo di produzione specifico, ad esempio la filatura di fibre in filati. Tali norme sono utilizzate principalmente nei settori tessile, dell'abbigliamento e chimico.

Consigli per aiutarti a rispettare le norme specifiche per prodotto

L'accordo offre ulteriore flessibilità per aiutarvi a rispettare le norme specifiche per prodotto, come la tolleranza o il cumulo.

Tolleranza
Cumulo

La convenzione PEM prevede due modalità di cumulo dell'origine

  • cumulo bilaterale — i materiali originari della Georgia possono essere considerati originari dell'UE (e viceversa) se utilizzati nella produzione del prodotto nell'UE
  • cumulo diagonale — i materiali originari di una parte contraente della convenzione PEM possono essere considerati originari di un'altra parte contraente nel valutare se il prodotto finale sia originario di un accesso preferenziale quando è esportato verso una parte terza contraente all'interno della zona paneuromediterranea.

    Tuttavia, il cumulo diagonale si applica solo se è in vigore un accordo commerciale tra tutte le parti contraenti interessate e tali paesi applicano le stesse norme di origine. Si prega di controllare la "matrice" (tabella contenente tutti gli accordi in vigore utilizzando la convenzione PEM) che specifica le parti contraenti con cui la Georgia può applicare il cumulo diagonale. Nell'aprile 2020 i partner comuni dell'UE e della Georgia ammissibili al cumulo diagonale erano l'Islanda, la Svizzera (compreso il Liechtenstein) e la Norvegia.

 

Come funziona il cumulo diagonale?

Il cumulo diagonale è consentito tra diversi paesi che condividono le stesse norme di origine e hanno tra loro accordi commerciali. Ciò avviene quando un produttore di beni in entrambi i paesi può importare materiali e utilizzarli come se fossero originari del proprio paese. Ad esempio, ai sensi della convenzione PEM, un commerciante georgiano che produce capi di abbigliamento destinati all'esportazione verso la Svizzera può utilizzare filati originari dell'UE e considerarli originari della Georgia. L'obbligo di doppia trasformazione, vale a dire la fabbricazione dei tessuti a partire da filati (non originari) e la produzione degli indumenti, è stato soddisfatto e gli indumenti sono considerati originari della Georgia quando sono esportati in Svizzera e beneficeranno pertanto del libero accesso al mercato svizzero.

Ulteriori spiegazioni sul cumulo nell'ambito della PEM sono disponibili qui

Altri requisiti

Il prodotto deve inoltre soddisfare tutti gli altri requisiti applicabili specificati nella convenzione, quali lavorazioni o trasformazioni insufficienti o la regola del trasporto diretto.

Trasporto attraverso un paese terzo: regola del trasporto diretto

I prodotti originari devono essere trasportati dall'UE in Georgia (e viceversa) o attraverso i territori delle parti contraenti con cui si applica il cumulo senza essere ulteriormente trasformati in un paese terzo.

Alcune operazioni possono essere effettuate in un paese terzo se i prodotti rimangono sotto controllo doganale, ad esempio:

  • scarico
  • nuovo carico
  • qualsiasi altra operazione destinata a preservare i prodotti in buono stato

La prova del rispetto di tali condizioni deve essere fornita alle autorità doganali del paese d'importazione presentando:

  • un documento di trasporto unico (ad esempio una polizza di carico) che copre il passaggio dal paese esportatore al paese terzo attraverso il quale le merci sono transitate
  • un certificato rilasciato dalle autorità doganali del paese terzo attraverso il quale si trasportano le merci
  • in mancanza dei suddetti documenti, qualsiasi documento probatorio.

Restituzione dei dazi

Ai sensi della convenzione PEM negli scambi tra l'UE e la Georgia, non è possibile ottenere una restituzione dei dazi precedentemente pagati sui materiali non originari utilizzati per fabbricare un prodotto esportato nell'ambito di una tariffa preferenziale.

Procedure di origine

Gli esportatori e gli importatori devono seguire le procedure di origine. Le procedure sono definite nel titolo V sulla prova dell'origine e nel titolo VI sulle modalità di cooperazione amministrativa. Esse chiariscono, ad esempio, come dichiarare l'origine di un prodotto, come chiedere preferenze o in che modo le autorità doganali possono verificare l'origine di un prodotto.

Come chiedere una tariffa preferenziale

Per beneficiare di una tariffa preferenziale, gli importatori devono fornire la prova dell'origine.

La prova dell'origine può essere:

La prova dell'origine è valida per un periodo di 4 mesi a decorrere dalla data del rilascio.

Certificati di circolazione delle merci EUR.1 o EUR-MED

  • i certificati di circolazione delle merci EUR.1 o EUR-MED sono rilasciati dalle autorità doganali del paese di esportazione
  • L'allegato III bis e l' allegato III ter contengono i modelli dei certificati EUR.1 e EUR-MED e forniscono istruzioni per la loro compilazione.
  • l'esportatore che richiede il certificato deve essere pronto a presentare documenti comprovanti il carattere originario dei prodotti in questione.

Ulteriori spiegazioni su quando utilizzare il certificato EUR.1 o EUR-MED sono fornite a pagina 72 del manuale.

Dichiarazione di origine o dichiarazione di origine EUR-MED

Gli esportatori possono autodichiarare che il loro prodotto è originario dell'UE o della parte contraente della convenzione PEM presentando una dichiarazione di origine. La dichiarazione di origine può essere presentata da:

  • un esportatore autorizzato
  • qualsiasi esportatore, se il valore totale della spedizione non supera 6,000 EUR
Come presentare una dichiarazione di origine

L'esportatore deve stampare, timbrare o stampare la seguente dichiarazione sulla fattura, sulla bolletta di consegna o su altro documento commerciale che identifichi il prodotto (allegato IV a):

"L'esportatore dei prodotti contemplati dal presente documento (autorizzazione doganale n.... ) dichiara che, salvo indicazione contraria, tali prodotti sono di... origine preferenziale."

Come presentare una dichiarazione di origine EUR-MED

In tal caso, la dichiarazione è la seguente (allegato IV b)

"L'esportatore dei prodotti contemplati dal presente documento (autorizzazione doganale n....) dichiara che, salvo indicazione contraria, tali prodotti sono di... origine preferenziale.

— Cumulo applicato con... (nome del paese/dei paesi).

- non si applica il cumulo"

La dichiarazione di origine può essere redatta in qualsiasi lingua ufficiale dell'UE o nelle lingue ufficiali della zona PEM di cui all'allegato IV, lettere a) e b) (la dichiarazione relativa al cumulo dovrebbe sempre essere in inglese).

La dichiarazione di origine deve essere firmata a mano. Se sei un esportatore autorizzato, sei esonerato da questo requisito purché consegni alle autorità doganali un impegno scritto che accetti la piena responsabilità di qualsiasi dichiarazione che ti identifichi.

Verifica dell'origine

Le autorità doganali possono verificare se un prodotto importato è effettivamente originario o soddisfa altri requisiti in materia di origine. La verifica si basa su:

  • cooperazione amministrativa tra le autorità doganali delle parti importatrici ed esportatrici
  • controlli effettuati dalle autorità doganali locali (le visite della parte importatrice all'esportatore non sono consentite)

Le autorità della parte esportatrice procedono alla determinazione definitiva dell'origine e ne informano le autorità della parte importatrice.

Requisiti del prodotto

Norme e requisiti tecnici

Nel quadro dell'accordo, la Georgia ha ravvicinato le proprie norme e regolamentazioni tecniche per allinearle a quelle dell'UE. Ciò significa che la maggior parte delle norme tecniche in Georgia saranno le stesse dell'UE.

La Georgia ha ravvicinato i regolamenti, tra cui:

  • l'accreditamento e la commercializzazione dei prodotti, che stabilisce i moduli delle procedure di valutazione della conformità
  • sicurezza generale del prodotto, che stabilisce i criteri su ciò che deve essere preso in considerazione per determinare la sicurezza di un prodotto e quando vietare un prodotto perché presenta un grave rischio per la salute e la sicurezza

Per un elenco di tali regolamenti e di altre normative attuate dalla Georgia, si veda l' allegato III-B dell'accordo di associazione UE-Georgia.

La Georgia ha inoltre convenuto di ravvicinare 21 regolamenti che contemplano i requisiti in materia di salute e sicurezza di un'ampia gamma di prodotti, tra cui macchine, ascensori, giocattoli, dispositivi medici e recipienti semplici a pressione. Esse sono elencate nell' allegato III-A dell'accordo di associazione UE-Georgia.

In termini di norme, la Georgia ha adottato norme internazionali ed europee secondo le migliori pratiche. Di tutte le norme georgiane registrate, il 98 % è internazionale ed europeo, mentre il 2 % è specifico della Georgia.

I seguenti tipi di norme possono essere utilizzati in Georgia, anche se su base volontaria

  • norme internazionali e regionali in materia di CSI
  • norme di qualsiasi Stato membro dell'UE o dell'OCSE
  • Norme georgiane
  • Norme societarie georgiane

 

Se desideri importare merci da un fabbricante georgiano che ha scelto di utilizzare le proprie specifiche, devi ottenere una dichiarazione di conformità UE firmata da tale fabbricante.

La dichiarazione UE di conformità certifica e dichiara che i prodotti in questione soddisfano i requisiti e le norme pertinenti. Dopo averlo fatto, il fabbricante può quindi apporre sulla propria merce l'etichetta " Conformité Européenne " (CE), che indica che ha rispettato le norme dell'UE.

Se il fabbricante sceglie di dimostrare la conformità mediante una dichiarazione di conformità UE, può costare più in termini di denaro e di tempo che lavorare alle norme armonizzate dell'UE che garantiscono l'equivalenza.

Visualizzare le norme armonizzate raggruppate dalle vigenti direttive settoriali sui prodotti.

Come saprei che le merci che importa sono conformi ai regolamenti e alle norme dell'UE?

  • una volta espletate le procedure di valutazione della conformità, i documenti pertinenti che accompagnano le Sue esportazioni dall'UE verso la Georgia saranno rilasciati in inglese o in lingua georgiana notarile.
  • la valutazione della conformità deve essere effettuata da un organismo notificato (solitamente un'organizzazione specifica come un laboratorio o un organismo di ispezione o di certificazione).
  • se si esportano le merci in Georgia, la valutazione della conformità può essere effettuata dall'organismo di valutazione della conformità accreditato in Georgia
  • per le merci importate nell'UE dalla Georgia, consultare l' elenco degli organismi di valutazione della conformità accreditati

La Georgia è membro della convenzione di Rotterdam sulla procedura di previo assenso informato per taluni prodotti chimici e pesticidi pericolosi nel commercio internazionale, nonché della convenzione di Stoccolma sugli inquinanti organici persistenti. Di conseguenza, le importazioni di sostanze chimiche possono essere soggette a divieti o restrizioni. Il ministero della Tutela ambientale e dell'agricoltura è il punto di contatto ufficiale (OCP) per quanto riguarda tali sostanze chimiche.

L'UE e la Georgia stanno attualmente lavorando a un tipo di accordo sul reciproco riconoscimento che consentirà di immettere sul mercato determinati prodotti industriali che soddisfano i requisiti di conformità senza ulteriori prove o procedure di conformità.

Contatti per i requisiti tecnici

Requisiti in materia di salute e sicurezza — SPS

Sicurezza alimentare, salute degli animali e delle piante

L'accordo UE-Georgia elimina e vieta sia all'UE che alla Georgia di adottare qualsiasi regolamentazione ingiustificata. Ciò è particolarmente vantaggioso se sei un piccolo agricoltore che esporta prodotti agricoli in Georgia.

Ciò non significa che il livello di protezione di ciascuno dei paesi sia compromesso. Dato che le norme dell'UE in materia di sicurezza alimentare sono molto rigorose e rigorose, il governo della Georgia adotta alcune delle misure legislative dell'UE in materia di misure sanitarie e fitosanitarie.

L'accordo UE-Georgia garantisce inoltre che le norme in materia di benessere degli animali e salute delle piante rispecchino le norme dell'UE e gli sviluppi dell'Organizzazione mondiale per la salute animale (OIE).

 

Se la Georgia sta ancora ravvicinando le norme dell'UE, come esporta/importa?

Chi importa vegetali e/o prodotti di origine animale nell'UE dovrà ottenere una certificazione dall'autorità competente della Georgia. Tale certificazione dovrebbe garantire che il prodotto soddisfi i pertinenti requisiti SPS.

Ai sensi dell'accordo di associazione UE-Georgia, il governo della Georgia è tenuto a notificare all'UE il momento in cui ha raggiunto il ravvicinamento delle norme relative al benessere degli animali e alla salute e sicurezza delle piante. Il processo di consultazione per stabilire se sia stato raggiunto il ravvicinamento dei regolamenti può richiedere fino a 360 giorni.

Elenco delle autorità competenti
  • l'Agenzia nazionale per l'alimentazione (NFA), che fa capo al ministero della Protezione ambientale e dell'agricoltura, è responsabile della supervisione, del monitoraggio, dello svolgimento di ispezioni pianificate e/o non pianificate, dell'esecuzione di controlli documentali, del campionamento per le prove e della sorveglianza su questioni relative alla sicurezza alimentare. Ciò significa anche che, in ogni fase della produzione, della trasformazione e della distribuzione, l'AFN eserciterà un controllo statale sulla conformità degli alimenti/mangimi.
    • l'AFN dispone inoltre di un dipartimento veterinario incaricato dei controlli veterinari sugli animali vivi e sui prodotti di origine animale in Georgia.
    • il dipartimento fitosanitario dell'AFN è responsabile della regolamentazione delle analisi del rischio fitosanitario in Georgia
  • il ministero del Lavoro, della salute e degli affari sociali è responsabile dei prodotti e delle misure sanitarie — contribuisce alla gestione delle crisi in materia di sicurezza alimentare e partecipa agli sforzi volti a garantire l'introduzione di norme e parametri in materia di sicurezza alimentare.

Al fine di tutelare la salute umana, possono essere applicate procedure specifiche di importazione per i cosmetici e i prodotti correlati, tra cui una procedura di certificazione igienica e una procedura di registrazione specifica per l'accesso al mercato in Georgia. È possibile contattare il ministero del Lavoro, della sanità e degli affari sociali per ottenere informazioni sui documenti richiesti.

  • il servizio delle entrate è un dipartimento del ministero delle Finanze responsabile del rispetto delle norme SPS alle frontiere esterne della Georgia.
  • i laboratori sono una parte essenziale del sistema istituzionale SPS. Il centro di accreditamento georgiano accredita tutti i laboratori che operano conformemente alle norme internazionali riconosciute

Ostacoli tecnici al commercio

Sebbene le norme tecniche siano importanti, talvolta possono costituire ostacoli al commercio internazionale e possono quindi rappresentare un onere considerevole per voi in quanto esportatori.

  • se ritieni di dover affrontare un ostacolo commerciale che rallenta la tua attività o ti impedisce di esportare, puoi dirci
  • indicare cosa sta bloccando le esportazioni verso la Georgia utilizzando il modulo online. L'UE analizzerà la tua situazione e adotterà le misure appropriate

Contattaci

Contatti per i requisiti sanitari/fitosanitari (SPS)

Documenti e procedure di sdoganamento

L'accordo garantisce procedure doganali più trasparenti e semplificate per agevolare gli scambi e ridurre i costi per le imprese.

Documenti

Le guide per tappe descrivono i diversi tipi di documenti da preparare per lo sdoganamento dei prodotti.

A seconda del prodotto, le autorità doganali possono richiedere tutti o alcuni degli elementi riportati di seguito.

  • fattura commerciale (trova i requisiti specifici relativi alla forma e al contenuto in My Trade Assistant)
  • bolla di accompagnamento del carico
  • licenze d'importazione per talune merci
  • certificati attestanti la conformità del prodotto ai regolamenti obbligatori sui prodotti, quali i requisiti in materia di salute e sicurezza, l'etichettatura e l'imballaggio
  • prova dell'origine — dichiarazione di origine

Si precisa che è possibile richiedere preventivamente le informazioni tariffarie vincolanti e/ o le informazioni vincolanti in materia di origine.

Per informazioni dettagliate sui documenti da presentare per lo sdoganamento del prodotto, consultare il mio assistente commerciale.

Procedure per la prova e la verifica dell'origine

Per le descrizioni di come dimostrare l'origine dei prodotti per chiedere tariffe preferenziali e delle norme relative al controllo dell'origine da parte delle autorità doganali, si rimanda alla sezione relativa alle norme di origine.

Per informazioni sulle procedure doganali per l'importazione e l'esportazione in generale, consultare il sito web della DG Fiscalità e unione doganale.

Proprietà intellettuale e indicazioni geografiche

L'accordo tutela i tuoi diritti di proprietà intellettuale quando importa e/o esporta le merci in Georgia.

Marchi e diritti d'autore

L'accordo di associazione UE-Georgia è conforme a diversi accordi internazionali che disciplinano la gestione dei marchi e dei diritti d'autore. Se la domanda è respinta dall'amministrazione dei marchi, la decisione deve esserLe comunicata per iscritto, indicando i motivi del rifiuto.

Disegni e brevetti

I disegni e modelli creati autonomamente che hanno carattere individuale sono protetti mediante la loro registrazione per un periodo massimo di 25 anni. Ciò ti conferirà il diritto esclusivo di utilizzare il disegno o modello e impedirà ai terzi che non hanno il tuo consenso di utilizzare, ricreare, vendere, importare e/o esportare il disegno o modello.

Indicatori geografici 

Un comitato specifico sugli indicatori geografici istituito nel quadro dell'accordo UE-Georgia monitorerà l'attuazione dell'accordo in questo settore e riferirà al comitato per il commercio. Per maggiori informazioni sulle indicazioni geografiche dei prodotti agricoli e sulle indicazioni geografiche sui prodotti alimentari, i tipi di vini e le bevande spiritose, cfr. l' allegato XVII-C dell'accordo di associazione UE-Georgia.

Come ottenere protezione?

Si tratta dell'entità giuridica indipendente georgiana responsabile della protezione di tutta la proprietà intellettuale nel paese e della definizione della politica in materia di diritti di proprietà intellettuale.

Puoi chiedere direttamente la registrazione di un'indicazione geografica. La domanda dovrebbe essere presentata in formato cartaceo o elettronico in lingua georgiana e fare riferimento a una sola denominazione di origine o indicazione geografica.

La domanda dovrebbe comprendere:

  • una richiesta di registrazione di una denominazione di origine o di un'indicazione geografica
  • nome completo (titolo) e indirizzo del richiedente
  • la denominazione di origine o l'indicazione geografica
  • il nome dei prodotti per i quali è richiesta la registrazione della denominazione di origine o dell'indicazione geografica

Unitamente alla domanda di indicazione geografica, occorre includere anche un documento che fornisca:

  • una descrizione delle merci e delle materie prime, con l'indicazione delle loro caratteristiche chimiche, fisiche, microbiologiche e/o organolettiche e di altre caratteristiche;
  • una descrizione dell'ubicazione della zona geografica di origine delle merci, con l'indicazione dei suoi confini esatti;
  • una descrizione della tecnologia di produzione dei beni e delle condizioni e dei metodi di produzione specifici della zona geografica interessata, qualora esistano;
  • i dati che confermano che la qualità e le caratteristiche specifiche dei prodotti di denominazione di origine sono dovute essenzialmente o esclusivamente al particolare ambiente geografico e ai fattori umani;
  • i dati che confermano che la qualità specifica, la reputazione o altre caratteristiche del prodotto sono legate a tale zona geografica;
    • il documento che conferma la provenienza geografica delle merci
    • una procura che confermi l'autorizzazione di un rappresentante

Scambi di servizi

Sia il governo georgiano che l'UE hanno formulato tutte le loro limitazioni o riserve alla prestazione di servizi, con un elevato livello di trasparenza. Ciò ti conferisce una preziosa certezza giuridica in quanto prestatore di servizi dell'UE. Per un elenco di riserve specifiche per la Georgia, cfr. gli allegati XIV-E, XIV-F e XIV-G dell'accordo di associazione UE-Georgia.

Come navigate negli allegati?

L'accordo UE-Georgia contiene i seguenti 4 allegati con riserve da parte della Georgia che potrebbero avere un impatto su Lei e la Sua impresa. 

  • se siete interessati a creare un'impresa in Georgia, siete pregati di consultare l' allegato XIV-E, che ha un elenco negativo di tutti i settori di servizi ai quali non ha accesso. Ciò significa che è possibile sfruttare le opportunità in tutti gli altri settori che non figurano nell'elenco.
  • se siete interessati al commercio transfrontaliero dei vostri servizi, siete pregati di consultare l' allegato XIV-F, che contiene un elenco positivo dei settori dei servizi ai quali è possibile accedere.
  • per i laureati in tirocinio o per il personale chiave, cfr. l' allegato XIV-G che elenca i settori o sottosettori in cui si applicano limitazioni.
  • se siete professionisti indipendenti o prestatori di servizi contrattuali, si veda l' allegato XIV-H che elenca le riserve applicate.

Chi può avviare un'impresa in Georgia?

Se sei

  • un'impresa, l'accordo UE-Georgia ti consente di stabilire o acquisire succursali della vostra impresa o uffici di rappresentanza in Georgia
  • una persona fisica, l'accordo UE-Georgia ti offre la possibilità di creare e avviare un'impresa attraverso un'attività autonoma o imprese che sono sotto il vostro controllo

I prestatori di servizi dell'UE riceveranno lo stesso trattamento riservato ai cittadini georgiani. Cfr. allegato XIV-E per un elenco dei settori in cui sono imposte limitazioni allo stabilimento.

Prestazione transfrontaliera di servizi

L'accordo UE-Georgia consente ai prestatori di servizi dell'UE di accedere al mercato georgiano alle stesse condizioni dei cittadini georgiani. Le eccezioni sono elencate anche negli allegati XIV-E, XIV-F e XIV-G dell'accordo di associazione UE-Georgia.

Cosa succede se vuoi trasferirti temporaneamente in Georgia per motivi di lavoro?

L'accordo UE-Georgia ti consente di trasferirti temporaneamente in Georgia (o nell'UE) per lavorare come laureati in tirocinio, come venditore commerciale o come uno dei principali membri del personale di un'impresa in tale paese.

I periodi di soggiorno temporaneo sono i seguenti:

  • lavoratore trasferito all'interno della società (personale chiave di una società in Georgia (o nell'UE) o laureati in tirocinio) — fino a 3 anni
  • visitatore per motivi professionali (ad es. viaggio per stabilirsi in Georgia (o nell'UE) o venditore d'affari) — fino a 90 giorni su un periodo di 12 mesi
  • laureato in tirocinio che non è trasferito all'interno della società — fino a 1 anno

L'accordo UE-Georgia crea inoltre opportunità per i prestatori di servizi contrattuali in settori specifici in entrambi i paesi. A questo proposito, tuttavia, devi:

  • prestare il servizio in questione su base temporanea come dipendente di un'entità che ha ottenuto un contratto di servizi non superiore a 1 anno;
  • possedere almeno 3 anni di esperienza professionale nel settore in cui si offrono servizi contrattuali
  • essere in possesso di un diploma universitario o di una qualifica che dimostri conoscenze di livello equivalente e qualifiche professionali pertinenti;

Per maggiori informazioni sulle limitazioni imposte al personale, ai laureati in tirocinio, ai venditori alle imprese e ai prestatori di servizi contrattuali, cfr. l' allegato G dell'accordo di associazione UE-Georgia.

L'Agenzia nazionale per gli investimenti della Georgia promuove i contatti commerciali tra la Georgia e l'UE. Se cerchi un partner georgiano, contatta l'ambasciata della Georgia in uno qualsiasi degli Stati membri dell'UE.

Appalti pubblici

L'UE e la Georgia prevedono l'accesso reciproco ai mercati degli appalti pubblici in ciascun paese a livello nazionale, regionale e locale. Tale accesso sarà ottenuto in fasi successive per la Georgia. Ciò riguarda sia gli appalti pubblici e le concessioni nei settori tradizionali, sia nel settore dei servizi di pubblica utilità.

L'accordo UE-Georgia garantisce inoltre che l'esame delle domande di partecipazione alle gare d'appalto in entrambi i paesi avvenga in modo equo, con lo stesso trattamento riservato ai richiedenti locali e stranieri.

L'accordo obbliga sia l'UE che la Georgia a garantire che

  • tutti gli appalti previsti sono resi pubblici, in modo da aprire il mercato alla concorrenza e dare accesso alle informazioni relative all'appalto previsto prima dell'aggiudicazione del contratto.
  • esiste una descrizione non discriminatoria dell'oggetto dell'appalto, con l'indicazione di termini adeguati, accessibili a tutti gli operatori economici
  • non vi è discriminazione nei confronti dell'operatore economico che potrebbe impedirti di partecipare all'offerta
  • la procedura di aggiudicazione dell'appalto è trasparente fino all'annuncio dell'offerta vincente.
  • la decisione finale sarà comunicata a tutti i richiedenti — su richiesta, i richiedenti non selezionati riceveranno una spiegazione che ti consentirà di analizzare la decisione.

Come vengono aggiudicati gli appalti?

L' Agenzia statale per gli appalti (SPA) della Georgia svolge un ruolo guida nel coordinamento, nell'attuazione e nel monitoraggio degli appalti pubblici. Vi sono cinque metodi utilizzati per aggiudicare una gara d'appalto

  • offerta elettronica - utilizzata per l'acquisto di oggetti omogenei di valore pari o superiore a 75,182 EUR
  • offerta elettronica semplificata - utilizzata per l'acquisto di oggetti omogenei di valore fino a 75,182 EUR
  • appalti semplificati - utilizzati per acquisti di valore inferiore a 1,880 EUR (con soglie diverse per le missioni diplomatiche e gli appalti relativi alla difesa, alla sicurezza e alla manutenzione dell'ordine pubblico)
  • concorsi di progettazione — utilizzati per l'appalto di progetti e servizi connessi alla progettazione, sulla base di una decisione di un'amministrazione aggiudicatrice
  • gara d'appalto consolidata — una procedura di appalto statale unificata e centralizzata condotta dall'SPA per l'acquisto di oggetti omogenei oggetto di appalto per diversi enti appaltanti

Sul sito web dell'SPAè inoltre tenuto un registro della lista bianca e nera. Il registro contiene due serie di elenchi.

  • candidati inseriti nella lista nera che non forniscono una garanzia per l'esecuzione di un contratto e/o rifiutano di firmare il contratto con l'agenzia appaltante e/o che non adempiono agli obblighi previsti dal contratto — tali candidati sono impossibilitati a partecipare a qualsiasi offerta o a ricevere un'altra offerta entro un anno dalla loro iscrizione nella lista nera.
  • i richiedenti in lista bianca che hanno soddisfatto i criteri di candidatura, non sono oggetto di una procedura di insolvenza, non hanno alcun debito nei confronti del bilancio dello Stato e il cui bilancio relativo agli 3 anni precedenti non evidenzia un fatturato inferiore a 375,940 EUR

Cosa succede in caso di reclamo?

L'SPA dispone inoltre di un comitato per la risoluzione delle controversie (DRB) composto da 6 membri. Tre dei membri del consiglio sono nominati dalla società civile, garantendo la trasparenza e l'indipendenza della DRB.

In caso di reclami relativi al sistema di appalti, è possibile rivolgerli al DRB. La presentazione e l'audizione dei reclami non saranno soggette ad alcuna tassa.

Come presentare la denuncia?

È possibile presentare il reclamo per via elettronica compilando un modulo sulla pagina dell'offerta. Una volta confermata la legittimità del reclamo, la DRB può, entro un termine massimo di dieci giorni, informare l'amministrazione aggiudicatrice in merito all'errore e richiedere una correzione. In alternativa, la DRB può anche richiedere una revisione totale o l'annullamento della decisione della commissione di gara o riferire il caso agli organismi preposti all'applicazione della legge in caso di violazione grave. Se siete insoddisfatti della decisione della DRB, potete impugnare la decisione dinanzi a un tribunale.

Appalti elettronici

Puoi anche utilizzare il sistema elettronico unificato, che è il portale georgiano per gli appalti elettronici. Ciò consente un facile accesso alle informazioni sugli appalti, tra cui l'annuncio delle attività di appalto previste, la disponibilità di documenti di gara elettronici, il bollettino automatizzato sugli appalti pubblici e la generazione di un modello elettronico di offerta per gli operatori elettronici.

Contatti per gli appalti pubblici

Link, contatti e documenti

Istituzioni nazionali

Rappresentanze, camere di commercio e associazioni di categoria

Contatti per i requisiti tecnici

Contatti per i requisiti sanitari/fitosanitari (SPS)

Contatti per gli appalti pubblici

Ulteriori link

Istituzioni nazionali

Ministero degli Affari esteri

La Georgia controlla l'importazione di sostanze che possono essere utilizzate per produrre armi chimiche. Le importazioni di talune sostanze chimiche possono richiedere una particolare autorizzazione e il ministero degli Affari esteri è l'autorità nazionale designata.

 

Chitadze Street 4, GE-0118 Tbilisi, Georgia

Tel.: + 995 32 2945000 (proroga: 1207)

Fax: + 995 32 2945001

Ministero dell'Economia e dello sviluppo sostenibile della Georgia

Sanapiro Street 2, GE-0114 Tbilisi, Georgia

Tel.: + 995 32 2991111/+ 995 32 2991105

Fax: + 995 32 2921534

E-mail: ministry@moesd.gov.ge

Banca nazionale della Georgia

GE-0114 Tbilisi, Georgia

Tel.: + 995 32 2406120

Centro nazionale per la proprietà intellettuale della Georgia

Η patenti

Nino Ramishvili Street 4/31, GE-0179 Tbilisi, Georgia

Tel.: + 995 32 2252533

E-mail: info@sakpatenti.org.ge

Ufficio nazionale di statistica della Georgia

GEOSTAT

Tsotne Dadiani Street 30, GE-0180 Tbilisi, Georgia

Tel.: + 995 32 2367210

E-mail: info@geostat.ge

Impresa Georgia

Marjanishvli Street 5/6 (Uznadze Street 18), GE-0102 Tbilisi, Georgia

Tel.: + 995 32 2960010

E-mail: info@enterprise.gov.ge

Rappresentanze, camere di commercio e associazioni di categoria

Delegazione dell'Unione europea in Georgia

Nino Chkheidze Street 38, GE-0102 Tbilisi, Georgia

Tel.: + 995 32 2943763

E-mail: delegation-georgia@eeas.europa.eu

Missione della Georgia presso l'Unione europea

Rue Père Eudore Devroye/Pater Eudore Devroyestraat 245, 1150 Bruxelles/Brussel, Belgio

Tel.: + 995 32 27611190

Fax: + 995 32 27611199

E-mail: geomission.eu@mfa.gov.ge

Web: http://www.belgium.mfa.gov.ge

 

Dipartimento per le relazioni internazionali, Camera di commercio e industria georgiana

Berdzeni Street 25, GE-0101 Tbilisi, Georgia

Tel.: + 995 32 2694747

Associazione europea delle imprese Georgia

Rapiel Eristavi Street 3, IV Floor, GE-0179 Tbilisi, Georgia

Tel.: + 995 599 25 66 55

E-mail: info@eba.ge

EU4Business

De Kleetlaan 2, B-1831 Diegem, Belgio

Tel.: + 32 27491851

E-mail: secretariat@eu4business.eu

Contatti per i requisiti tecnici

Agenzia nazionale georgiana per le norme e la metrologia

Chargali Street 67, GE-0178 Tbilisi, Georgia

Tel.: + 995 32 2612530

Fax: + 995 32 2613500

E-mail: geostm@geostm.ge

Organismo nazionale unificato di accreditamento

Al. Kazbegi Avenue 42a, GE-0186 Tbilisi, Georgia

Tel.: + 995 32 2192233/+ 995 32 2181824

E-mail: gac@gac.gov.ge

Contatti per i requisiti sanitari/fitosanitari (SPS)

Agenzia nazionale per l'alimentazione (NFA)

Marshal Gelovani Avenue 6, GE-0159 Tbilisi, Georgia

Tel.: + 995 32 2919167

Fax: + 995 32 2919165

Dipartimento fitosanitario assegnato all'Agenzia nazionale per l'alimentazione

Marshal Gelovani Avenue 6, GE-0159 Tbilisi, Georgia

Tel.: + 995 32 2919167 (estensioni: 120, 133)

Fax: + 995 32 2919165

Dipartimento veterinario assegnato all'Agenzia nazionale per l'alimentazione

Marshal Gelovani Avenue 6, GE-0159 Tbilisi, Georgia

Tel.: + 995 32 2919167 (estensioni: 120, 106)

Fax: + 995 32 2919165

Ministero della tutela ambientale e dell'agricoltura

Gulua Street 6, GE-0114 Tbilisi, Georgia

Tel.: + 995 32 727231/+ 995 32 727232

Fax: + 995 32 727231

Divisione biodiversità del ministero della Tutela ambientale e dell'agricoltura

Gulua Street 6, GE-0114 Tbilisi, Georgia

Tel.: + 995 32 727231/+ 995 32 727232

Fax: + 995 32 727231

Ministero del Lavoro, della sanità e degli affari sociali

AK. Tsereteli Avenue 144, GE-0119 Tbilisi, Georgia

Tel.: + 995 32 272538

Ufficio entrate, Ufficio centrale

V.Gorgasali Street 16, GE-0114 Tbilisi, Georgia

Centro d'informazione:

Tel.: + 995 32 2299299

E-mail: info@rs.ge

Laboratorio del ministero dell'Agricoltura

Godziashvilis Street 49, GE-0159 Tbilisi, Georgia

Tel.: + 995 32 2530968

Fax: + 995 32 2541016

E-mail: contact@lma.gov.ge

Contatti per gli appalti pubblici

Agenzia statale per gli appalti

Richard Holbrooke Street 8, GE-0113 Tbilisi, Georgia

Tel.: + 995 32 22484822

Piattaforma dell'Agenzia statale per gli appalti

 

Web: http://procurement.gov.ge/Home.aspx?lang=en-US

Sistema elettronico unificato:

https://tenders.procurement.gov.ge/login.php?lang=en

  • maggiori informazioni sull'accordo di associazione e sulle relazioni commerciali UE-Georgia sono disponibili sul sito web della DG Commercio. Puoi anche cercare altre informazioni sulle relazioni commerciali UE-Georgia qui
  • se siete interessati a informazioni sull'attuazione della DCFTA in Georgia, l'EU Monitor fornisce informazioni sui lavori in corso in seno al comitato di associazione riunito nella formazione "Commercio".
  • anche il Servizio europeo per l'azione esterna (SEAE) fornisce informazioni dettagliate sulle relazioni UE-Georgia. Per una panoramica è possibile consultare anche una scheda informativa.
Condividi questa pagina:

Link diretti