Balcani occidentali

Dall'avvio del processo di stabilizzazione e di associazione, l'UE ha progressivamente concluso accordi bilaterali di libero scambio (ASA) con ciascuno dei partner dei Balcani occidentali.

  • Albania (2009)
  • Macedonia del Nord (2004)
  • Montenegro (2010)
  • Serbia (2013)
  • Bosnia-Erzegovina (2015)
  • Kosovo * (2016)

* Tale designazione non pregiudica le posizioni riguardo allo status e in linea con la risoluzione 1244 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e con il parere della CIG sulla dichiarazione di indipendenza del Kosovo.)

 

Gli ASA sono strumenti che consentono lo sviluppo economico e la stabilizzazione politica dei paesi della regione, nonché la creazione di una stretta associazione a lungo termine tra l'UE e i Balcani occidentali. In effetti, gli ASA costituiscono lo strumento giuridico per l'allineamento all'acquis dell'UE e la progressiva integrazione nel mercato dell'UE.

Gli ASA hanno istituito una zona di libero scambio nel corso di un periodo transitorio che si è concluso per tutti tranne il Kosovo (2026). 

Gli accordi prevedono l'eliminazione dei dazi e delle restrizioni non tariffarie sugli scambi bilaterali e riguardano merci in tutti i capitoli del sistema armonizzato. Solo poche eccezioni, relative ad alcuni prodotti agricoli e della pesca, non sono completamente liberalizzate e sono soggette a dazi ridotti e/o a concessioni quantitative preferenziali.

 

Per poter beneficiare del trattamento preferenziale, il prodotto dovrà soddisfare le norme di origine previste dall'accordo. Consulta lostrumento interattivo di autovalutazione delle regole di origine (ROSA) nel mio assistente commerciale per valutare se il tuo prodotto rispetta le norme di origine e scoprire come preparare i documenti corretti.

 

Le norme di origine sono disciplinate dalla convenzione paneuromediterranea.

Gli accordi comprendono inoltre disposizioni in materia di concorrenza, un elevato livello di protezione dei diritti di proprietà intellettuale e una cooperazione rafforzata in materia doganale. Esse comprendono inoltre ulteriori disposizioni riguardanti, in particolare, gli appalti pubblici, il ravvicinamento legislativo in molti settori, compresa la normalizzazione, nonché disposizioni relative ai servizi e allo stabilimento.

Per saperne di più

Condividi questa pagina:

Link diretti