Testimonianza aziendale:

Rimuovere gli ostacoli: La tannery spagnola riacquista l'accesso al mercato indiano del cuoio

Rimuovere gli ostacoli: La tannery spagnola riacquista l'accesso al mercato indiano del cuoio

Il dirigente:Pablo Rios Navarro, direttore generale DERCOSA

La società

DERCOSA è un produttore spagnolo di cuoio per l'industria delle calzature, delle cinture e dei prodotti in cuoio. Fondata nel 1972, la società è stata creata con l'intento di generare valore con i sottoprodotti dell'industria della carne e del cuoio. Attualmente, la DERCOSA è diventata uno specialista di suede separate di bovini consolidato e significativo, con una clientela internazionale rispettosa e un'ampia gamma di prodotti.

Questione dell'accesso almercato in India: Certificati veterinari obbligatori per le importazioni di cuoio

Nell'estate del 2 018 l'India ha introdotto un nuovo requisito, in base al quale tutte le importazioni di prodotti in cuoio sono soggette a un certificato sanitario, compreso il suede di bovini.Ciò è molto insolito in questo settore, in quanto l'UE e vari altri partner solitamente richiedono un certificato sanitario solo per le pelli gregge. Per i prodotti in cuoio ulteriormente trasformati, il certificato veterinario non è di norma richiesto in quanto tali prodotti sono stati sottoposti a un processo irreversibile che ha trasformato le pelli grezze in prodotti conciati. Pertanto, la prescrizione indiana di richiedere un certificato veterinario per tali prodotti in cuoio era ingiustificata, in quanto nessun veterinario avrebbe rilasciato tale certificato.

Questa misura ha indubbiamente rappresentato un grave problema per tutta la nostra società, tenendo conto del fatto che l'India è una delle nostre più importanti destinazioni di esportazione. Abbiamo bisogno di una soluzione rapida.

Il partenariato dell'UE per l'accesso ai mercati ottiene esclusioni

Basandosi sul partenariato rafforzato dell'UE per l'accesso ai mercati, non abbiamo esitato a segnalare l'ostacolo appena emerso, consentendo all'UE di avviare immediatamente la sua strategia di rimozione degli ostacoli. La delegazione dell'UE e l'ambasciata spagnola a Nuova Delhi non hanno fatto nulla per trasmettere le nostre preoccupazioni alle autorità indiane in tutte le occasioni pertinenti, insistendo sul fatto che la barriera dovrebbe essere rimossa senza indugio. Queste azioni risolute hanno infine contribuito alla decisione dell'India di escludere da questo oneroso requisito di certificazione non meno di tredici categorie di prodotti in cuoio.Ciò ha versato dividendi immediati alla nostra società in quanto le nostre merci, precedentemente bloccate alla frontiera, sono state infine svincolate. Ciò significa che potremmo continuare ad esportare i nostri prodotti in India e aumentare la nostra presenza sul mercato. Si tratta di un primo passo positivo che il partenariato per l'accesso ai mercati dell'UE ha già realizzato, mentre la Commissione europea ha continuato a insistere affinché sia attuata una soluzione analoga per tutti i restanti prodotti in cuoio.

 

Il punto di vista dell'industria

Secondo COTANCE, confederazione europea dell'industria conciaria, il settore è costituito principalmente da micro, piccole e medie imprese, concentrate in zone rurali in cui l'industria conciaria costituisce spesso l'unica attività economica. Questo importante settore dà lavoro a 50,000 persone in oltre 3,000 imprese in tutta l'UE, con un fatturato di quasi 8 miliardi di EUR. L'associazione ha formulato le seguenti osservazioni sulla storia:

"Quando il nostro membro della nostra associazione DERCOSA ci ha informato di questo ostacolo all'accesso al mercato, ci siamo immediatamente rivolti al partenariato per l'accesso ai mercati per ottenere aiuto, segnalando la questione alla Commissione e alle autorità spagnole. Grazie al suo fermo sostegno, la DERCOSA è oggi una delle numerose imprese del nostro settore che beneficiano dell'eliminazione di questo ostacolo, consentendo la ripresa delle esportazioni dell'UE per una serie di prodotti in cuoio. Sulla scia del continuo aumento del protezionismo, continueremo a sfruttare appieno il partenariato dell'UE per l'accesso ai mercati qualora emergano altri ostacoli per la nostra industria."

Condividi questa pagina:

Link diretti