Version: 1.0.24.26 (2020-11-23 14:15)

Assicurazioni di merci

La presente sezione fornisce informazioni dettagliate sulle assicurazioni per i diversi tipi di trasporto.

Quando negoziano beni a livello internazionale, l'assicurazione è un aspetto importante del trasporto delle merci. I beni sono esposti a rischi comuni e anormali. I rischi comuni riguardano la movimentazione, il deposito, il carico o il trasporto del carico, mentre i rischi rari possono comprendere sommosse, scioperi, atti di terrorismo, ecc.

Dovete prendere in considerazione la possibilità di sottoscrivere un'assicurazione per le vostre merci, solitamente offerte dalle banche nazionali di esportazione delle esportazioni. La documentazione assicurativa è importante per lo sdoganamento delle merci scambiate. La sezione seguente fornisce maggiori dettagli su diversi tipi di documentazione assicurativa a seconda del tipo di trasporto utilizzato per la negoziazione.

 

L'assicurazione del trasporto merci è un accordo con il quale le merci assicurate sono sottoscritte (protette) in caso di danni causati da un rischio coperto dalla polizza. Per lo sdoganamento è richiesta una fattura assicurativa solo se i relativi dati non figurano nella fattura commerciale.

Esiste una differenza tra l'assicurazione per il trasporto di merci e l'assicurazione responsabilità del vettore. Per l'assicurazione dei trasporti, i rischi contemplati, le compensazioni fisse e l'indennità (protezione) del contratto sono alla società o persona esportatrice.

Per contro, l'assicurazione responsabilità del vettore è determinata da regolamenti diversi. A seconda del mezzo di trasporto, l'indennità è limitata dal peso e dal valore delle merci. È indicato solo nel caso in cui il trasportatore non sia stato in grado di sottrarsi alle proprie responsabilità.

La portata standard della responsabilità del trasportatore è prevista dalle seguenti convenzioni internazionali.

Trasporto stradale di merci

Il trasporto internazionale di merci su strada è disciplinato dalla convenzione per il contratto di trasporto internazionale di merci su strada (CMR) firmato a Ginevra nel 1956.

Ai sensi della presente convenzione, il trasportatore su strada non è responsabile delle perdite delle merci o del loro risarcimento qualora dimostri di avere origine

  • difetto o difetti della merce
  • Forza maggiore (circostanze impreviste)
  • addebito del caricatore o del destinatario

Non esiste una normativa dell'Unione europea sugli indennizzi per il trasporto di merci su strada.

Vettori ferroviari

Il trasporto ferroviario internazionale di merci per ferrovia è disciplinato dalla Convenzione relativa al trasporto internazionale ferroviario (CIM), firmata a Berna nel 1980.

I vettori ferroviari non sono responsabili delle perdite o dei danni alle merci se possono dimostrare di aver ottenuto

  • difetto o difetti della merce
  • forza maggiore
  • addebito del caricatore o del destinatario

Attualmente non esiste una normativa dell'Unione europea in materia di compensazione. L'indennizzo è di norma limitato ad un importo massimo per kg di kg lordi persi o danneggiati. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, è improbabile che le imprese ricevano tutto ciò che si avvicini al valore dei loro beni.

La società di navigazione

La convenzione internazionale del 1968 sulla polizza di carico, meglio nota come "La Convenzione dell'Aia" o la "Convenzione di Bruxelles", determina le responsabilità dei vettori marittimi in caso di trasporto internazionale di merci.

La società di navigazione non è responsabile delle perdite o dei danni alle merci se prova che sono state prodotte

  • difetti della merce e perdite di peso durante il trasporto
  • errore nautico da parte dell'equipaggio
  • incendio
  • nave non idonea alla navigazione
  • forza maggiore
  • scioperi o serrata
  • un errore del caricatore
  • difetti nascosti a bordo della nave, passati inosservati durante l'ispezione rigorosa
  • tentativi di salvare vite umane o merci in mare

Attualmente non vi è alcuna armonizzazione a livello dell'Unione europea in materia di compensazione, che di norma è limitata a una certa somma per chilogrammo di merce persa o danneggiata. Questo sistema causa gli stessi problemi degli incidenti ferroviari; l'esportatore rischia probabilmente di perdere gran parte del valore delle merci.

Il vettore aereo

La convenzione di Varsavia del 1929 e il progetto di trattato di Montreal del 1975 stabiliscono che i vettori aerei non sono responsabili dei danni o della perdita di merci se si può dimostrare che

  • Il vettore e i soci hanno adottato tutte le misure necessarie per evitare il danno o che era impossibile adottare le precauzioni (forza maggiore).
  • le perdite derivanti da un errore di pilotaggio o di navigazione
  • la parte lesa è stata la causa del danno o vi ha contribuito

Non esiste una norma dell'Unione europea riguardante l'indennizzo della parte lesa. La compensazione è di norma limitata a un importo fisso per chilogrammo lordo di beni danneggiati o persi.

I vettori aerei possono esprimere riserve specifiche al momento della ricezione del carico. Tali riserve saranno formulate sul contratto di trasporto aereo denominato ACN e saranno utilizzate come prove. Tuttavia, le compagnie aeree di norma rifiuteranno i pacchetti di dubbia natura o quelli che non corrispondono all'ACN.

Link diretti