Version: 1.0.24.26 (2020-11-23 14:15)

Guida all'esportazione di merci

La vostra impresa prevede di esportare merci al di fuori dell'UE? Questa sezione aiuta a capire se l'impresa è pronta per l'esportazione e illustra le diverse fasi del processo di esportazione.

5 Tappe verso l'esportazionedi un prodotto

 
 

Prima di iniziare l'attività: la vostra impresa è pronta a commerciare?

Intendete esportare un prodotto per la prima volta?

Prima di procedere, verifica se la vostra impresa è pronta:

  • Il vostro prodotto ha già successo sul mercato nazionale o in altri paesi dell'UE?
  • La vostra impresa ha la capacità di vendere il prodotto in mercati esteri al di fuori dell'UE? Dispone di personale, tempo, risorse finanziarie e giuridiche sufficienti?
  • I dirigenti della vostra società si sono impegnati ad espandersi verso mercati di esportazione al di fuori dell'UE?
  • La vostra impresa dispone di un piano finanziario/commerciale completo con obiettivi chiaramente definiti a sostegno dell'esportazione verso mercati al di fuori dell'UE?
  • La vostra impresa dispone di una strategia concreta per esportare il prodotto nel mercato di esportazione? Ad esempio, puoi esportare il prodotto direttamente all'acquirente sul mercato di esportazione, ad esempio un'altra impresa o un consumatore, o indirettamente impiegando un terzo, come un agente o un distributore. Sia le esportazioni dirette che quelle indirette possono essere sostenute anche da piattaforme di commercio elettronico.
  • Se del caso, la proprietà intellettuale relativa al vostro prodotto è protetta nel vostro mercato di esportazione?
  • La vostra impresa ha la capacità e le competenze per adattare il suo prodotto alle preferenze culturali o alle diverse norme tecniche nei paesi al di fuori dell'UE?

Prima di continuare, esaminare attentamente le domande di cui sopra e discuterle all'interno della vostra azienda per decidere se sei disposto a commerciare con paesi terzi o quali misure occorre adottare per prepararsi a farlo.

 

1

Trova un mercato e un acquirente

Per esportare merci al di fuori dell'UE, dovreste innanzitutto individuare un mercato e trovare un acquirente per il prodotto. Le informazioni fornite nell'ambito di My Trade Assistantvi aiuteranno a individuare mercati adeguati per il vostro prodotto. Vi aiuterà anche a determinare i requisiti per il vostro acquirente, come ad esempio i requisiti in materia di registrazione o di licenza per trattare merci specifiche o partecipare a un determinato settore dell'economia. Poiché l'acquirente è di norma l'importatore e si assume la responsabilità dell'introduzione del prodotto nel paese di destinazione e sul suo mercato, la sua qualifica per questo ruolo è di fondamentale importanza.

Le istituzioni o gli operatori seguenti possono essere d'aiuto nell'individuazione delle opportunità del mercato delle esportazioni e nella ricerca di acquirenti qualificati.

  • Le camere di commercio possono fornire informazioni sui diversi mercati e partner commerciali e indirizzarvi alle pertinenti relazioni.
  • Possono essere utilii fornitori di notizie specifiche per il commercio o le agenzie di promozione commerciale nel vostro paese o nel mercato di esportazione selezionato, che comprendono l'analisi di mercato e la valutazione delle opportunità commerciali. Tali organismi spesso forniscono studi sui principali settori di esportazione.
  • Anche iconsulenti per l'esportazione e le banche competenti possono fornire consulenza.

Come selezionare i vostri mercati di riferimento?

Esaminare i potenziali mercati di esportazione per valutare se esiste una domanda per il prodotto e valutare se il prodotto sarebbe competitivo sul mercato di esportazione.

Verificate le statistiche commerciali del vostro potenziale mercato di riferimento.

Le statistiche sulle importazioni possono indicare se il paese destinatario sta già importando il tipo di prodotto, da dove provengono le importazioni e se esiste già un'offerta elevata sul mercato. Cifre basse possono mostrare un'opportunità, ma anche scoprire ostacoli all'accesso al mercato o addirittura barriere, che potete consultare con My Trade Assistant.

Come trovare potenziali acquirenti?

Una volta selezionati uno o più mercati target, la fase successiva consiste nell'individuare potenziali partner commerciali e contatti commerciali.

I partner e i contatti possono essere consultati al seguente indirizzo:

Tali eventi sono sempre più offerti online e potrebbe essere opportuno esaminare le opzioni corrispondenti.

A differenza delle transazioni nazionali, occorre verificare attentamente la qualifica dell'acquirente per l'operazione di importazione e l'effettivo utilizzo o commercializzazione del prodotto nel paese di destinazione.

Potete anche verificare se siete autorizzati a vendere al governo nel vostro potenziale mercato di esportazione.

Cosa sono gli appalti pubblici?

 

2

Verifica le condizioni di esportazione nell'UE e le condizioni di importazione nel mercato di destinazione

Per esportare il prodotto al di fuori dell'UE devi soddisfare determinati requisiti di base.

Come si può esportare?

Vi sono diversi modi in cui si può esportare un prodotto.

  • Ad esempio, puoi esportare direttamente a un acquirente sul mercato di esportazione. Può trattarsi di un'altra impresa o di un consumatore.
  • In alternativa, soprattutto le imprese molto piccole spesso esportano indirettamente attraverso piattaforme di commercio elettronico.

 

Che cos'è il commercio elettronico?

Chi può esportare?

  • Di norma devi essere stabilito nell'UE come impresa o stabile organizzazione. Ciò include l'iscrizione ai fini dell'IVA.
  • In generale, dovete anche iscriverti al registro nazionale delle imprese. Per maggiori informazioni, consulta la camera di commercio locale.
  • Se sei un cittadino di un paese terzo, hai bisogno di un permesso di lavoro per svolgere un'attività commerciale indipendente; inoltre, devi trovare una persona stabilita nell'UE che sia disposta ad agire per vostro conto in qualità di esportatore (ad esempio, un fornitore di servizi logistici o un agente doganale).

Come registrarsi come esportatore?

In quanto esportatore dell'UE occorre richiedere all'amministrazione doganale competente un numero di registrazione e identificazione degli operatori economici (Economic Operators Registration and Identification — EORI).

L' EORI è un numero di identificazione valido in tutta l'UE, necessario per tutte le dichiarazioni doganali di esportazione.

Suggerimento: Questo processo può richiedere un certo tempo per poter essere applicato con largo anticipo.

Accordi commerciali preferenziali:

Se desideri esportare in un paese con cui l'UE ha concluso un accordo commerciale preferenziale e beneficiare di tariffe più basse, potresti anche dover richiedere lo status di esportatore autorizzato (EA) o, a seconda dell'accordo, chiedere di diventare un esportatore registrato (REX). L'EA è applicato presso la sezione REX e presso l'amministrazione doganale nazionale.

Come autorizzato, è possibile compilare "dichiarazioni di origine", in qualità di esportatore registrato, "attestazioni di origine" anche al di là delle soglie di valore per le spedizioni definite nell'accordo pertinente. Tali dichiarazioni o dichiarazioni attestano che i prodotti da esportare sono conformi alle norme di origine stabilite in un determinato accordo commerciale.

Possibili semplificazioni

Se spesso esporta e dispone di personale competente e di un'organizzazione affidabile delle procedure doganali, puoi richiedere dichiarazioni doganali semplificate, come previsto dal codice doganale dell'Unione (CDU). A tale riguardo, gli operatori più esperti possono anche considerare lo status di operatore economico autorizzato (AEO).

L'esportazione del vostro prodotto nell'UE è soggetta a restrizioni?

L'esportazione di merci specifiche o l'esportazione di un prodotto verso un determinato paese di destinazione possono essere vietate o limitate. Potresti aver bisogno di una licenza o di un'autorizzazione.

  • Verificate nella TARIC se avete bisogno di una licenza di esportazione per il vostro prodotto;
  • Controllare le restrizioni all'esportazione sulla mappa delle sanzioni dell'UE.
  • Per alcuni prodotti possono essere previste, in via eccezionale, restrizioni nazionali del vostro Stato membro che dovete verificare presso le autorità competenti.

I principali tipi di prodotti soggetti a restrizioni o vietati sono:

  • alcuni animali vivi, carne e piante.
  • specie a rischio di estinzione
  • alcuni prodotti alimentari
  • sostanze chimiche pericolose
  • farmaci e medicinali
  • armi
  • beni a duplice uso
  • rifiuti
  • beni culturali (oggetti d'antiquariato e opere d'arte di valore)
  • merci contraffatte o usurpative
  • articoli indecenti, pubblicazioni e registrazioni video

Per tali prodotti verificare quali norme si applicano.

Esistono restrizioni sul vostro mercato di esportazione?

Devi inoltre garantire che il paese in cui desideri esportare non applichi ai tuoi prodotti divieti o restrizioni che ne vietino l'ingresso nel paese o l'immissione sul mercato. Sebbene l'acquirente si assuma di norma la responsabilità dell'importazione e dell'utilizzo o della commercializzazione del prodotto, per le transazioni efficaci e sostenibili dovresti essere a conoscenza dei divieti di importazione e delle restrizioni all'importazione nel paese d'importazione.

Per una descrizione esauriente delle restrizioni nei vari paesi di destinazione, visitare My Trade Assistant.

Inoltre, è possibile trovare spiegazioni generali sui diversi tipi di restrizioni nella sezione Merci.

Quali tariffe si applicano al vostro prodotto?

Potrebbe essere necessario pagare letariffeper il prodotto immesso sul mercato di esportazione. Troverete le tariffe applicate nei vari paesi di destinazione in My Trade Assistant

Dipende dall'accordo e dal contratto con l'acquirente, ma nella maggior parte dei casi è consigliabile lasciare lo sdoganamento all'acquirente che paga i dazi doganali nonché le imposte e i dazi addizionali dovuti all'importazione. Tenete presente che questi ultimi aggiungeranno il prezzo del vostro prodotto sul mercato di esportazione. I cosiddetti costi di sbarco dovrebbero rimanere competitivi.

 

Cos'è una tariffa all'importazione?

La mia impresa può beneficiare di un accordo commerciale preferenziale tra l'UE e il paese di destinazione?

Se l'UE ha concluso un accordo commerciale preferenziale con il paese di destinazione, il tuo prodotto può essere ridotto o addirittura completamente eliminato. Tali dazi doganali sono denominati aliquote tariffarie preferenziali.

In My Trade Assistantsaranno applicate le aliquote tariffarie preferenziali applicabili ai prodotti originari dell'UE in vari paesi di destinazione.

Tuttavia, tali aliquote tariffarie preferenziali sono subordinate alla condizione che il vostro prodotto sia fabbricato nel territorio dei partner dell'accordo commerciale preferenziale e in linea con le norme di origine di tale accordo.

Pertanto, occorre innanzitutto verificare l'esistenza di un'aliquota preferenziale e di un cosiddetto margine preferenziale tra l'aliquota normale della tariffa NPF e l'aliquota preferenziale dell'UE.

In tal caso, e si desidera presentare una prova dell'origine preferenziale per consentire l'applicazione del tasso preferenziale, dovrai rispettare le norme di origine.

A tal fine, avrai bisogno di prove adeguate del carattere originario dei materiali provenienti da terzi. All'interno dell'UE ciò avviene mediante le cosiddette dichiarazioni dei fornitori che dovrai raccogliere a tal fine.

Per saperne di più sulle norme specifiche in vigore per il prodotto e il paese di destinazione potete consultare My Trade Assistant.

Accordi commerciali dell'UE:

  • Fornire una serie di norme più stabili e prevedibili per le negoziazioni con i mercati esteri.
  • Garantire che la legislazione del paese terzo non discrimini i prodotti dell'UE.
  • Creare nuove e migliori opportunità di esportazione per la vostra impresa e facilitare gli investimenti all'estero.

Al vostro prodotto si applicano misure di difesa commerciale?

Lemisure di difesa commerciale potrebbero essere applicate al vostro prodotto dal paese di importazione. Tali misure possono rappresentare un costo significativo da prendere in considerazione nella pianificazione delle vostre esportazioni. Le misure più pertinenti sono le misure antidumping, ma possono esistere anche misure compensative o di salvaguardia. Sebbene il vostro acquirente, in base all'accordo contrattuale, agisca di norma come importatore e sostenga tali costi aggiuntivi, questi possono costituire un ostacolo al successo e alla sostenibilità delle transazioni.

Le misure correlate, a seconda dei casi, applicate da uno specifico paese di importazione, sono riprese in My Trade Assistant.

Quali sono le tasse e i dazi supplementari pertinenti nel vostro mercato di esportazione?

Verificare anche quali imposte e, se del caso, dazi addizionali devono essere pagati al momento dell'importazione del prodotto. Le tasse e i dazi addizionali dovuti all'importazione in vari paesi di destinazione possono essere consultati anche in My Trade Assistant.

Questi saranno di norma a carico dell'acquirente nel suo ruolo presso l'importatore, ma aumenteranno i costi sbarcati e quindi la competitività del vostro prodotto sul mercato di esportazione. Per quanto riguarda quest'ultimo, valutare l'opportunità di allinearsi con il vostro importatore.

Quando vendete direttamente ai consumatori, indagate sulla necessità di registrarsi presso le autorità fiscali del vostro mercato di esportazione.

Quali sono i requisiti tecnici, di salute e di sicurezza del vostro prodotto?

I requisiti dipenderanno dal mercato di esportazione. Il rispetto di tali norme è di norma responsabilità dell'acquirente in quanto importatore, che tuttavia ha bisogno della vostra assistenza per dimostrare tale conformità. Poiché ciò è stabilito dall'accordo contrattuale, dovete prestare attenzione ad assumersi solo la responsabilità dei requisiti che potreste soddisfare nel vostro ruolo di esportatore. L'allineamento con l'importatore è non solo consigliabile, ma di solito necessario. Le informazioni contenute in My Trade Assistantvi aiuteranno a differenziare i requisiti oggettivi dagli interessi individuali dell'acquirente.

I requisiti dipenderanno dal mercato di esportazione.

Per esempio:

Potrebbe essere necessario presentare certificati attestanti che il prodotto è conforme ai requisiti di salute e sicurezza del paese. Questi possono essere diversi da quelli dell'UE.

La maggior parte dei prodotti deve soddisfare i requisiti tecnici, sanitari e igienici (spesso definiti requisiti sanitari e fitosanitari) sul mercato di esportazione. Che possono richiedere diversi tipi di prove e certificazioni.

Ciò vale spesso per i requisiti tecnici per i prodotti industriali e per i requisiti sanitari e igienici per i prodotti alimentari e agricoli.

La maggior parte dei paesi richiede certificati sanitari per:

  • vegetali
  • animali vivi
  • prodotti di origine animale
  • materiale genetico

Anche i dispositivi medici, ad esempio, devono di norma essere accompagnati da un certificato.

Come certificare il vostro prodotto?

Si prega di verificare nella sezione Procedure e formalità di My Trade Assistant e, se del caso, di chiarire con il cliente quanto segue:

  • Quali sono i requisiti di certificazione nel vostro mercato di esportazione.
  • Quali certificati sono accettati dalle autorità competenti.
  • Se le prove possono essere effettuate da un laboratorio o da un'istituzione accreditati nell'UE?
  • o se la certificazione deve essere effettuata nel paese di destinazione.

Quali sono i requisiti in materia di imballaggio ed etichettatura del prodotto?

Spesso i paesi hanno requisiti dettagliati per l'imballaggio e l'etichettatura dei prodotti.

Tali requisiti possono essere obbligatori o facoltativi.

  • I marchi e le etichette obbligatori sui prodotti di consumo e sui loro imballaggi sono generalmente connessi a problemi di sicurezza pubblica, salute e/o ambiente. Possono fornire informazioni quali gli ingredienti o la data di scadenza.

Di solito esistono diverse agenzie responsabili di diverse industrie, ad esempio l'industria medica, elettrica, alimentare e chimica, che hanno tutte esigenze molto diverse.

Per una panoramica dei relativi requisiti applicati da uno specifico paese di importazione, consultare la sezione Procedure e formalità del My Trade Assistant.

Il vostro prodotto deve essere protetto dalla proprietà intellettuale?

È importante verificare in che modo la proprietà intellettuale del tuo prodotto è protetta nel paese in cui intendi esportare.

 

  • Verifica se devi richiedere nuovi brevetti o in che modo il tuo disegno o modello, il tuo diritto d'autore o la tua indicazione geografica sono protetti nel tuo mercato di esportazione

Se l'UE ha concluso un accordo commerciale con il paese in cui intendi esportare, l'accordo può offrire una protezione supplementare.

 

3

Preparare la vendita e organizzare il trasporto

In che modo le passività sono ripartite tra voi e il vostro acquirente?

Come già accennato, la responsabilità delle parti di un'operazione di esportazione/importazione è stabilita nell'accordo contrattuale. A meno che non sussistano motivi particolari, la responsabilità dell'importazione, dell'usabilità o della commercializzazione del prodotto dovrebbe essere assunta dall'acquirente in qualità di importatore. Solo i commercianti esperti dovrebbero discostarsi da questa regola. A seconda della normativa vigente nel paese di importazione, potreste non essere in grado di soddisfare determinati requisiti in tale paese, per cui questi ultimi dovrebbero rimanere all'acquirente.

È possibile utilizzare Incoterms ® per definire le responsabilità contrattuali delle parti.

Incoterms ® stabilisce le responsabilità dei venditori e degli acquirenti per la consegna, l'assicurazione e il trasporto di merci nell'ambito di contratti di vendita e stabilisce chi è responsabile delle formalità doganali di esportazione nell'UE e delle formalità di importazione nel paese di destinazione.

Esempi:

  • "Libero a bordo" (FOB): significa che spetta all'esportatore o al venditore sostenere tutte le spese locali:
  • trasporto delle merci al porto di spedizione
  • spese di carico
  • procedure di sdoganamento nel paese di esportazione.

 

Il vostro cliente è responsabile dei costi di:

  • trasporto dal porto di spedizione in poi
  • assicurazione
  • scarico
  • trasporto dal porto di arrivo alla destinazione finale.
  • "Costo, assicurazione e nolo" (CIF): l'esportatore è responsabile delle spese locali in fob, più:
  • freightcharges
  • assicurazione

A norma del CIF l'esportatore è responsabile di tutte le spese fino all'arrivo dei prodotti al porto di destinazione.

Va ricordato che l'Incoterm ® EXW non può modificare la Sua responsabilità di esportatore nei confronti delle autorità del Suo paese, mentre DDP comporta il rischio di assumere nel paese di importazione responsabilità che non possono essere assolte dall'esportatore.

Chi può aiutarti nel processo di esportazione e trasporto?

Uno spedizioniere può aiutare:

  • provvedere alla raccolta e alla consegna delle merci
  • negoziare le tariffe di nolo con i vettori
  • prenotazione dello spazio merci
  • imballaggio
  • assicurazione
  • preparare i documenti doganali per vostro conto

Cercare finanziamenti all'esportazione e programmi di sostegno alle esportazioni che i governi spesso forniscono in cooperazione con banche o compagnie di assicurazione.

  • Prendere in considerazione l' assicurazione per le esportazioni offerta da privati o da istituzioni finanziarie nazionali per le importazioni all'esportazione.

 

4

Preparare i documenti per lo sdoganamento delle esportazioni nell'UE

I documenti preparati per l'esportazione servono, almeno in parte, anche all'importazione nel paese di destinazione. Pertanto, la loro preparazione dovrebbe tener conto dei requisiti corrispondenti e, se del caso, dovrebbe essere allineata con l'acquirente in qualità di importatore.

Quali documenti preparare per le dogane?

 

Occorre innanzitutto presentare una dichiarazione di esportazione elettronica presso le autorità doganali nazionali.

Ogni paese dell'UE dispone di un proprio sistema di trattamento elettronico. Per le piccole spedizioni di valore inferiore a 1,000 EUR può essere sufficiente una dichiarazione orale corroborata da un documento di trasporto o da una fattura.

La dichiarazione di esportazione fornisce le informazioni necessarie sulle merci stesse e sul trasporto. Comprende:

  • origine delle merci,
  • il paese di destinazione;
  • codici delle merci,
  • codici del regime doganale, e
  • valore delle merci.

I documenti da preparare comprendono:

  • Fattura e documenti di trasporto e bolla di accompagnamento del carico: I documenti devono essere conservati per almeno tre anni in caso di controlli successivi all'autorizzazione all'esportazione (la legislazione commerciale e fiscale nazionale prevede spesso periodi più lunghi).
  • Registri IVA ed esportazione: Quando esporta al di fuori dell'UE, il tuo prodotto è esente dall'imposta sul valore aggiunto (IVA) nell'UE, indipendentemente dal fatto che si venda a un'impresa o a un singolo consumatore, a condizione di conservare la documentazione relativa all'esportazione e la prova dell'esportazione rilasciata dall'autorità doganale.
  • Certificati o licenze: possono essere necessari anche certificati fitosanitari o licenze di esportazione a fini di esportazione.

Chi presenta la dichiarazione in dogana?

È possibile presentare la dichiarazione in dogana direttamente o da un prestatore di servizi che è il vostro rappresentante doganale. Se ci si avvale di una società di spedizione o di un intermediario doganale, questi possono agire per vostro conto.

Come presentare la dichiarazione di esportazione e le merci per l'esportazione?

La procedura di esportazione si articola in due fasi:

  • La presentazione della dichiarazione di esportazione e la presentazione delle merci all' ufficio doganale di esportazione, e
  • La presentazione delle merci e l'indicazione del numero di riferimento principale (MRN) della dichiarazione di esportazione presso l' ufficio doganale di uscita, seguita da uno svincolo per l'uscita.

 

La dichiarazione di esportazione è presentata utilizzando il sistema elettronico della vostra autorità doganale.

In generale, dovete presentare la dichiarazione di esportazione all'ufficio doganale competente per il luogo in cui ha sede la vostra società o, a seconda dei casi, all'ufficio doganale in cui le merci sono imballate o caricate per essere esportate dall'UE.

Se il valore delle merci contenute in una spedizione di esportazione non supera 3,000 EUR e le merci non sono soggette a divieti o restrizioni, la dichiarazione di esportazione può essere presentata all'ufficio doganale del luogo di uscita.

 

Tenere presente che una dichiarazione di esportazione deve essere presentata prima del momento effettivo in cui le merci escono dall'UE. Concedere all'ufficio doganale di esportazione tempo sufficiente per effettuare le necessarie analisi dei rischi prima di concedere lo svincolo degli egoismi.

Cosa succede dopo la presentazione della dichiarazione di esportazione?

Vi sono tre possibili casi:

  • Le merci possono essere svincolate per l'esportazione sulla base della dichiarazione di esportazione presentata, oppure
  • Le merci possono essere selezionate per un controllo documentale e potresti essere invitato a presentare ulteriori documenti prima che le merci possano essere sdoganate, oppure
  • L'esportazione può essere selezionata per un documento e per un controllo fisico.

Per le esportazioni più regolari dovrebbero essere prese in considerazione dichiarazioni doganali semplificate, come previsto dal codice doganale dell'Unione (CDU).

Per ulteriori dettagli si rinvia a:

https://ec.europa.eu/taxation_customs/siti/fiscalità/files/resource/documents/customs/custs_code/guidance_export_it.pdf

 

5

Preparare i documenti per lo sdoganamento all'importazione nel paese di destinazione.

Quando le merci raggiungono il paese di destinazione, i requisiti e le procedure locali di importazione si applicheranno alle vostre esportazioni. Utilizzare il mio assistente commerciale per stabilire tali requisiti e per essere in grado di allinearli con l'acquirente.

Suggerimento:

  • Talvolta il trattamento prima dell'arrivo è possibile, vale a dire che puoi presentare i documenti pertinenti prima dell'arrivo delle merci nel paese in cui si sta esportando.
  • Dovete concordare con l'acquirente quali documenti devono essere preparati dall'esportatore e quale compratore, che in qualità di importatore è di norma responsabile dello sdoganamento e dei dazi doganali, nonché delle imposte e dei dazi addizionali. I ruoli e le responsabilità dell'esportatore e dell'importatore sono definiti dall'accordo contrattuale che dovrebbe essere attentamente negoziato al riguardo.

Documenti che le autorità competenti del paese di destinazione possono richiedere

  • Fattura commerciale (con requisiti specifici relativi alla forma e al contenuto).
  • Distinta di carico
  • Licenze d'importazione (automatiche o non automatiche) per determinate merci.
  • Certificati attestanti che il prodotto è conforme alle norme obbligatorie in materia di prodotti, quali le prescrizioni in materia di salute e sicurezza, l'etichettatura e l'imballaggio.
  • Prova dell'origine preferenziale (ad esempio EUR.1, EUR-MED, dichiarazione di origine o dichiarazione di origine), a condizione che sia applicato un accordo commerciale preferenziale tra l'UE e il paese di destinazione e che i prodotti soddisfino le pertinenti norme di origine.
  • Certificato di origine comprovante l'origine non preferenziale del prodotto:
    • Può essere richiesto un certificato di origine (non preferenziale) in caso di restrizioni all'importazione di (taluni) prodotti provenienti da determinati paesi, di applicazione di misure di difesa commerciale o di monitoraggio di importazioni specifiche. Tuttavia, anche l'importatore può richiedere tale certificato per i propri fini.
    • I certificati di origine sono generalmente rilasciati dalla camera di commercio locale. In alcuni paesi tale responsabilità può essere attribuita anche ai ministeri o alle autorità doganali.

Dove trovare maggiori informazioni?

 

Il vostro elenco di controllo: 5 Fasi per esportare un prodotto

Prima di iniziare

  • Consulta la lista di controllo delle domande per valutare il grado di preparazione all'esportazione della vostra società.
  • Discutete e decidete se la vostra impresa è pronta a commerciare con paesi terzi o quali misure devono essere adottate in preparazione di future attività commerciali al di fuori dell'UE.

Fase 1: Trova un mercato e un acquirente

  • Seleziona il tuo nuovo mercato di esportazione.
  • Valutare il potenziale delle imprese e la competitività del vostro prodotto.
  • Includere i costi connessi all'esportazione nei calcoli dei prezzi, quali tariffe, costi di trasporto, costi per gli agenti, ecc.
  • Individuare i potenziali acquirenti.
  • Individuare un'agenzia/un'istituzione/un partner per il sostegno alle formalità delle procedure di esportazione. Ad esempio, la preparazione dei contratti, la definizione di condizioni di pagamento, la verifica del merito di credito dell'acquirente e l'eventuale presenza di restrizioni al trasferimento di denaro nel paese di importazione.
  • Definire con attenzione e condividere le responsabilità tra il venditore/esportatore e l'acquirente/importatore, in modo che si assumano solo quelle che possono essere effettivamente soddisfatte.

Fase 2: Verifica le condizioni di esportazione nell'UE e valuta i requisiti nel tuo mercato di esportazione

  • Individuare i requisiti giuridici per un'impresa di esportazione.
  • Ottenere un numero EORI (registrazione e identificazione degli operatori economici) (presentare domanda con largo anticipo).
  • Se l'UE ha concluso un accordo commerciale con il paese in cui intendi esportare, verifica i dazi normali e preferenziali per stabilire il margine preferenziale. A seconda dei casi, valuta se il prodotto è conforme alle pertinenti norme di origine e identifica l'aliquota tariffaria (preferenziale) applicabile.
  • Chiedere l'autorizzazione di un esportatore autorizzato o registrarsi con il sistema REX se intendi esportare in un paese con il quale l'UE ha concluso un accordo commerciale e desideri chiedere tariffe preferenziali.
  • Valutare se nell'UE si applicano restrizioni o divieti all'esportazione per le esportazioni verso il vostro paese di destinazione o per le esportazioni del vostro prodotto.
  • Verificare quali tasse e dazi supplementari si applicano nel vostro mercato di esportazione.
  • Verificare se al vostro prodotto possono applicarsi eventuali misure di difesa commerciale.
  • Verifica se devi ottenere un codice fiscale per vendere il prodotto sul mercato di esportazione (se vendi direttamente ai consumatori).
  • Indicare le prescrizioni tecniche, sanitarie e di sicurezza applicabili nel mercato di esportazione.
  • Valutare il processo di certificazione e la documentazione richiesti nel paese di destinazione (compresa la verifica dei laboratori necessari per le prove e le certificazioni).
  • Controllare le norme in materia di imballaggio ed etichettatura nel mercato di esportazione.
  • Verifica se hai bisogno di proteggere la proprietà intellettuale del tuo prodotto sul mercato di esportazione.

Fase 3: Preparare la vendita e organizzare il trasporto

  • Preparare e firmare il contratto con l'acquirente, compreso un accordo su chi è responsabile di cosa e l'organizzazione del processo di trasporto.
  • Prendere in considerazione l'assicurazione sulle esportazioni
  • Individuare le istituzioni che possono aiutarvi a organizzare il processo di esportazione e gli eventuali programmi di sostegno all'esportazione (se necessario).

Fase 4: Preparare i documenti per lo sdoganamento delle esportazioni nell'UE

  • Compilare e presentare la dichiarazione di esportazione.
  • Individuare eventuali documenti supplementari eventualmente necessari e prevedere la possibilità che le autorità doganali richiedano ulteriori documenti o effettuino controlli fisici.
  • Presentare le merci per l'esportazione presso gli uffici doganali per l'esportazione e l'uscita.

Fase 5: Preparare i documenti per lo sdoganamento all'importazione nel paese di destinazione

  • Coordinare con l'acquirente quali documenti sono richiesti dalle autorità competenti del paese di destinazione.

Concorda con l'acquirente chi è tenuto a fornire i documenti e chi è incaricato dello sdoganamento all'importazione e paga i dazi doganali nonché le imposte e i dazi addizionali. Assumerti solo le responsabilità che è in grado di adempiere.

Link diretti