Version: 1.0.24.26 (2020-11-23 14:15)

Diritti di proprietà intellettuale e indicazioni geografiche

Se tu o la vostra impresa avete una proprietà intellettuale basata su idee, innovazioni o marchi unici, è necessario proteggerla. Ecco una guida alle varie possibilità esistenti per proteggere i diversi tipi di proprietà intellettuale e informazioni su come far valere i tuoi diritti. Per saperne di più sulla politica dell'UE in materia di diritti di proprietà intellettuale e sugli accordi conclusi dall'UE con altri paesi per proteggere le imprese dell'UE.

La politica commerciale dell'UE e la proprietà intellettuale

L'UE sostiene solide norme in materia di diritti di proprietà intellettuale (DPI) che hanno un impatto sulle imprese e sui consumatori nell'UE e all'estero. L'UE cerca un quadro giuridico solido e prevedibile in materia di DPI per il commercio internazionale, tra cui:

  • Diritti di PI che promuovono l'innovazione, garantiscono l'origine di un prodotto e garantiscono il carattere autentico, accompagnati dal divieto di adottare misure contro qualsiasi violazione di tali diritti;
  • Diritti di PI che proteggono i consumatori dai prodotti contraffatti che non rispettano le norme dell'UE in materia di salute e sicurezza

Per prevenire le violazioni dei DPI, l'UE ha adottato una strategia riveduta per il rispetto dei diritti di proprietà intellettuale nei paesi terzi, incentrata sui seguenti aspetti:

  • risposta ai recenti cambiamenti nel contesto internazionale della PI, compresa la digitalizzazione in tutti gli ambiti economici, nonché alle nuove lacune riscontrate nella legislazione e nell'applicazione dei DPI
  • fornire alla Commissione europea gli strumenti necessari per affrontare più efficacemente le sfide attuali

In quanto membro dell'Organizzazione mondiale del commercio (OMC) e dell' Organizzazione mondiale della proprietà intellettuale (OMPI), l'UE è firmataria di accordi internazionali in materia di DPI, come l' accordo sugli aspetti dei diritti di proprietà intellettuale attinenti al commercio (TRIPS). L'accordo TRIPS stabilisce gli standard minimi di protezione dei DPI che ciascun paese deve fornire e le procedure per la risoluzione delle controversie in materia di DPI.

 

I DPI contenuti nell'accordo TRIPS comprendono:

Diritti di proprietà intellettuale negli accordi commerciali dell'UE

L'UE negozia capitoli sui DPI nei suoi accordi commerciali con altri paesi e regioni.L'obiettivo è garantire che entrambi i partner commerciali dispongano degli stessi standard di protezione della proprietà intellettuale.

  • Gli accordi commerciali dell'UE vanno al di là degli accordi TRIPS dell'OMC e affrontano specifiche preoccupazioni in materia di DPI con questi paesi
  • per saperne di più sulle norme in materia di DPI negli accordi commerciali dell'UE cliccare qui

Politica dell'UE in materia di DPI nei confronti dei paesi in via di sviluppo

L'UE promuove il rafforzamento e il rispetto delle norme in materia di DPI nei paesi in via di sviluppo. Se da un lato una migliore protezione dei DPI è importante per le imprese dell'UE, dall'altro attira anche trasferimenti di tecnologia, investimenti esteri, ricerca e innovazione a vantaggio dei paesi in via di sviluppo.

L'UE sta mettendo a disposizione una serie di strumenti e programmi di assistenza tecnica per aiutare i paesi in via di sviluppo a rafforzare i diritti di proprietà intellettuale.

L'UE è inoltre impegnata in un dialogo rafforzato sulla proprietà intellettuale con 14 paesi prioritari (Cina, Argentina, India, Indonesia, Russia, Turchia, Ucraina, Brasile, Ecuador, Malaysia, Messico, Filippine, Thailandia e USA).

Per contribuire all'elaborazione di strategie e operazioni volte a tutelare il valore delle tue idee e creazioni, la relazione dell'UE sulla tutela e il rispetto dei diritti di proprietà intellettuale offre informazioni alle imprese, in particolare alle piccole imprese, sui potenziali rischi per la loro proprietà intellettuale quando svolgono attività commerciali in o con determinati paesi all'estero.

Trasferimento tecnologico

L'UE, compresi i suoi Stati membri, si adopera per promuovere il trasferimento di tecnologie, in particolare verso i paesi meno sviluppati (PMS).

  • l'UE ritiene che le politiche adottate per sviluppare un solido regime di DPI possano aiutare i paesi in via di sviluppo a trarre vantaggio da un maggiore accesso alle tecnologie straniere.
  • le imprese straniere avranno maggiori probabilità di concedere licenze di conoscenza e collaborare a progetti comuni se in un paese esiste un sistema efficace di DPI.

Trova informazioni utili per le imprese in materia di trasferimento di tecnologia e di proprietà intellettuale.

Politica dell'UE in materia di accesso ai medicinali

L'UE si adopera per facilitare l'accesso ai medicinali nei paesi in via di sviluppo e mira a trovare il giusto equilibrio tra la tutela dei diritti di proprietà intellettuale delle aziende farmaceutiche che guidano la ricerca sui nuovi medicinali e la necessità di garantire che tali medicinali siano disponibili per i cittadini di tutto il mondo. L'UE adatta pertanto il suo approccio in materia di diritti di proprietà intellettuale connessi alla droga alle esigenze e al livello di sviluppo dei suoi partner commerciali.

L'UE affronta varie questioni relative all'accessibilità economica, alla disponibilità, all'accessibilità, all'accettabilità, alla qualità e all'uso dei medicinali nei paesi a basso e medio reddito sostenendo

  • organizzazioni e iniziative mondiali nel settore della sanità
  • sistemi sanitari pubblici dei paesi a basso e medio reddito
  • ricerca e sviluppo (R & S) di medicinali necessari ai paesi a basso e medio reddito
  • norme commerciali che agevolano l'accesso ai medicinali

Maggiori informazioni sulle azioni sanitarie globali dell'UE per i paesi a basso e medio reddito.

Link diretti