Version: 1.5.0.40 (2021-04-09 10:56)
Testimonianza aziendale:

Rimuovere gli ostacoli: Il vitello olandese ricomincia ad accedere al mercato cinese

Rimuovere gli ostacoli: Il vitello olandese ricomincia ad accedere al mercato cinese

Un accesso equo ai mercati dei paesi terzi è essenziale per noi. Poiché l'Europa è il nostro mercato di vendita più importante, l'accesso ai mercati di esportazione è essenziale per la crescita della nostra impresa. Oggi esportiamo carni di vitello e mangimi in oltre 60 paesi di tutto il mondo, garantendo la massima qualità e sicurezza dei nostri prodotti. Tuttavia, nel 2000 le autorità cinesi avevano introdotto fino ad oggi un divieto di importazione dei prodotti di vitello e di carni bovine originari dell'UE, chiudendo tutto l'accesso della nostra impresa a un mercato molto promettente.

Marijke Everts
direttore affari interni del gruppo VanDrie

Il dirigente: Marijke Everts, direttore per gli affari interni del gruppo VanDrie

La società

Fondato sulle tradizioni familiari, il gruppo VanDrie è un gruppo di proprietà dei Paesi Bassi specializzato in vitello. Dall'inizio degli anni' 1960, quando Jan van Drie ha acquistato il suo primo vitello neonato da ingrasso, il gruppo è diventato il più grande produttore integrato di vitello al mondo e il più grande produttore di latte di vitello, con oltre 25 imprese.

Un accesso equo ai mercati dei paesi terzi è essenziale per noi

"Poiché l'Europa è il nostro mercato di vendita più importante, l'accesso ai mercati di esportazione è essenziale per la crescita della nostra impresa. Oggi esportiamo carni di vitello e mangimi in oltre 60 paesi di tutto il mondo, garantendo la massima qualità e sicurezza dei nostri prodotti. Tuttavia, nel 2000 le autorità cinesi avevano introdotto fino ad oggi un divieto di importazione dei prodotti di vitello e di carni bovine originari dell'UE, chiudendo tutto l'accesso della nostra impresa a un mercato molto promettente."

Questionedell'accesso al mercato: divieto di importazione di carni bovine e di prodotti a base di carni bovine a causa della BSE

"La Cina ha mantenuto in vigore un divieto di importazione di carni bovine e bovine provenienti dall'UE introdotto nel 2000, che fa riferimento a un rischio di encefalopatia spongiforme bovina (BSE). Tuttavia, questa lunga restrizione commerciale legata alla BSE è ormai ingiustificata e ha creato un ostacolo significativo e iniquo agli scambi commerciali dell'UE con la Cina, impedendo alle imprese dei Paesi Bassi di accedere equamente a questo nuovo mercato in cui la cucina occidentale è sempre più popolare."

Il partenariato dell'UE per l'accesso ai mercati ottiene l'abolizione del divieto di importazione

"Sarebbe stato impossibile per la nostra impresa affrontare da sola questo problema. Per questo motivo abbiamo unito gli sforzi con la Commissione europea e il governo dei Paesi Bassi, collaborando con altri Stati membri e imprese interessati nell'ambito del partenariato per l'accesso ai mercati dell'UE. Portare la questione all'attenzione della Commissione ci ha posto in una posizione più forte in quanto l'UE ha avviato immediatamente la sua strategia di rimozione degli ostacoli e ha continuato a sollevare la questione per tutto il tempo necessario, utilizzando tutte le sedi possibili per trasmettere le nostre preoccupazioni alle autorità cinesi. Tra le numerose iniziative, abbiamo persino accompagnato Phil Hogan, commissario europeo per l'Agricoltura e lo sviluppo rurale, e una delegazione commerciale dell'UE in Cina per esprimere le nostre preoccupazioni in merito all'imposizione di tale divieto in vista di condizioni commerciali sicure accettate a livello internazionale per i prodotti europei di vitello e di carni bovine. I nostri sforzi congiunti hanno infine consentito alla nostra società di accedere al mercato cinese il ottobre 2018."

Generare benefici concreti per la nostra impresa

"Il nostro gruppo sta già beneficiando dell'accesso al mercato concesso ai Paesi Bassi. VanDrie è il primo produttore europeo di carni bovine a ricevere l'autorizzazione ad esportare prodotti del settore della carne di vitello in Cina. I nostri prodotti si trovano nei supermercati di diverse città, come Pechino o Shanghai. Stiamo già sviluppando una strategia per riconoscerci un prodotto olandese di qualità che ha superato tutti i controlli ed è garantito che sia sicuro in Cina e che ci aspettiamo di vendere 15 milioni di EUR di vitelli in Cina nei prossimi tre anni."

Tradurre questo importante successo in un'ulteriore apertura

L'UE si compiace del fatto che nel 2018 la Cina abbia abolito le restrizioni alle importazioni originarie dei Paesi Bassi e dell'Irlanda. A causa della complessità della questione, la soluzione di tale ostacolo richiede tempo, il che tuttavia dimostra anche la perseveranza dell'UE nella difesa degli interessi dei suoi esportatori per tutto il tempo necessario.

L'UE continuerà ora a profondere tutti gli sforzi per garantire che il nostro lavoro in materia di accesso al mercato stia dando risultati anche ad altri Stati membri dell'UE che si sono applicati anche alle esportazioni di carni bovine e di carni bovine e il cui livello altrettanto elevato di sicurezza alimentare è stato riconosciuto a livello internazionale dall'Organizzazione mondiale per la salute animale (OIE).

Questo successo è un segnale essenziale del fatto che il nostro lavoro congiunto nel quadro del partenariato per l'accesso al mercato, insieme alla delegazione dell'UE in Cina, negli Stati membri e alle imprese, è fondamentale per agevolare ulteriormente gli scambi di prodotti di vitello e di carni bovine con la Cina nel prossimo futuro, con una forte determinazione ad assicurare che VanDrie Group sia la prima delle numerose imprese dell'UE e i loro lavoratori a trarre vantaggio da questa apertura.

Vedi di più

Condividi questa pagina:

Link diretti