Version: 1.5.0.40 (2021-04-09 10:56)
Testimonianza aziendale:

Rimuovere gli ostacoli: L'impresa europea di bevande gode di un'adeguata protezione per i prodotti contrassegnati da un marchio commerciale

Rimuovere gli ostacoli: L'impresa europea di bevande gode di un'adeguata protezione per i prodotti contrassegnati da un marchio commerciale

Negli ultimi anni la nostra società ha tratto notevoli benefici dalla rimozione delle barriere commerciali nei nostri mercati di esportazione.

Christian Porta,
presidente & amministratore delegato
Pernod Ricard EMEA

La nostra impresa

Creato nel 1975 con la fusione di Ricard e Pernod, il gruppo Pernod Ricard è gradualmente diventato il leader mondiale nel settore dei vini e degli alcolici.Attualmente comprende il portafoglio più completo di marchi premium del settore.

La nostra impresa ha più di 18,000 dipendenti in tutto il mondo e opera attraverso più di 85 affiliate e 100 siti di produzione. Pernod Ricard è fortemente impegnato a favore di una politica di sviluppo sostenibile e promuove un consumo responsabile di alcol.

Il commercio in un ambiente globale libero ed equo è essenziale per la crescita della nostra impresa

Essere in grado di commerciare in un ambiente globale libero ed equo è essenziale per la crescita della nostra impresa.Contribuisce a creare posti di lavoro in Europa, ad ampliare la nostra impronta in tutto il mondo e a stimolare gli investimenti, anche aprendo nuovi impianti di produzione e distribuzione nei paesi dell'UE.

La maggior parte dei nostri marchi chiave è protetta da indicazioni geografiche, il che significa che non possiamo, e non vogliamo, trasferire la nostra produzione in paesi terzi.Ciò significa anche che ci affidiamo alla politica commerciale dell'UE per aprire i mercati e affrontare le barriere all'accesso al mercato.Grazie all'elemento sempre più importante della politica commerciale dell'UE, il partenariato per l'accesso ai mercati, che riunisce la Commissione europea e gli Stati membri insieme alla nostra associazione europea — spirituaEUROPE — siamo in grado di segnalare rapidamente gli ostacoli che ci troviamo ad affrontare. Negli ultimi anni la nostra società ha tratto notevoli benefici dalla rimozione delle barriere commerciali nei nostri mercati di esportazione.

Studio di un caso sull'accesso almercato: Un nuovo ostacolo in Kazakistan

La protezione della proprietà intellettuale è fondamentale affinché i nostri vini e le nostre bevande alcoliche possano effettivamente commercializzarli nei paesi terzi. Il Kazakhstan dispone di un regime di protezione dei marchi che vieta l'introduzione di merci sul mercato senza il consenso del titolare del diritto di marchio. Si tratta del cosiddetto principio dell'esaurimento regionale ed è simile a quello applicabile nell'UE. Purtroppo, per diversi anni, il Kazakistan non l'ha applicata correttamente.

Si è trattato di un ostacolo significativo allo sviluppo della nostra attività in Kazakhstan, un mercato in rapida crescita per Pernod Ricard. Non abbiamo potuto contare sulla certezza del diritto e sulla prevedibilità, che sono molto importanti per le imprese.

Ora risolto nell'ambito del partenariato per l'accesso ai mercati dell'UE

Abbiamo sottoposto la questione al comitato consultivo per l'accesso ai mercati dell'UE, che ha avviato un'azione rapida da parte della Commissione europea e degli Stati membri. A seguito dell'azione dell'UE che ha innalzato tale ostacolo con il Kazakhstan in diverse occasioni nel quadro della strategia di accesso al mercato e a seguito dell'adozione dell'accordo rafforzato di partenariato e di cooperazione (EPCA), il Kazakhstan ha corretto l'interpretazione. Di conseguenza, abbiamo ora il diritto di impedire le importazioni non autorizzate di prodotti protetti in Kazakhstan. La corretta applicazione del principio dell'esaurimento regionale contribuisce a contrastare la concorrenza sleale, garantisce che la qualità dei prodotti importati non si deteriori e riduce la possibilità che i prodotti contraffatti entrino nel mercato. Ciò garantisce anche che i consumatori ottengano ciò che pagano.

 

Il punto di vista dell'industria

Secondo le stime dellaEuropean Spirits Association, il settore occupa direttamente e indirettamente 1 milioni di lavoratori in Europa e contribuisce con un saldo commerciale netto positivo di 9 miliardi di EUR all'anno all'economia dell'UE. Il settore europeo dell'alimentazione e delle bevande conta 289,000 imprese. Nove su dieci sono piccole imprese e 18,000 esportano i loro prodotti in 130 mercati mondiali. I loro livelli di crescita e di occupazione sono tutti sostenuti dai risultati positivi della strategia dell'UE per l'accesso ai mercati.

Abbiamo inoltre ottenuto certezza giuridica quando la Corte suprema kazaka ha confermato l'interpretazione della legge, la prima sentenza in base alla quale un'azione civile contro un importatore non autorizzato aveva avuto esito positivo. Ciò costituisce effettivamente un precedente forte per ulteriori azioni nei confronti degli importatori non autorizzati e ha ripristinato la nostra fiducia nella protezione dei marchi in Kazakhstan.

Ci auguriamo che la Commissione continui a sostenerci in Kazakistan, in particolare tenendo conto delle preoccupanti discussioni sulla legalizzazione del commercio parallelo nell'unione doganale eurasiatica.

Paul Skehan, direttore generale degli spiritualiEUROPE, ha commentato: Il caso di cui sopra in Kazakhstan è un buon esempio dell'impatto pratico del partenariato per l'accesso ai mercati. Questo risultato andrà a vantaggio di tutte le imprese — piccole e grandi — che operano su questo mercato e contribuirà a creare un contesto favorevole all'aumento delle esportazioni.

Negli ultimi anniil partenariato per l'accesso ai mercati ci ha aiutato ad affrontare questioni in Colombia, Brasile, Cina e Russia. In seguito all'aumento del protezionismo, è essenziale che, in quanto settore di esportazione leader, possiamo continuare a fare affidamento sul quadro del partenariato per l'accesso ai mercati per far rispettare le norme commerciali internazionali e aiutare le imprese a cogliere le opportunità sui mercati mondiali.

 

Condividi questa pagina:

Link diretti