Imposta sul valore aggiunto

La vostra impresa vende beni o servizi? Questa sezione aiuta a comprendere alcune delle imposte che possono essere applicate nell'UE.

Una percentuale del gettito dell'imposta sul valore aggiunto (IVA), calcolata su base unificata, è destinata al finanziamento del bilancio dell'UE. L'IVA si applica al valore aggiunto in ogni fase della catena di produzione di qualsiasi prodotto o servizio, riscossa sul consumo finale e riscossa in modo frazionato

  • su tutte le attività commerciali, in particolare: cessioni di beni e prestazioni di servizi, importazioni e operazioni intracomunitarie (beni introdotti in un paese dell'UE da un altro paese dell'UE)
  • in ogni fase della produzione e della distribuzione di un bene o servizio applicando una percentuale sul prezzo di ogni operazione. Tuttavia, l'IVA è in definitiva a carico del consumatore finale.
  • attraverso un regime in cui determinati soggetti passivi (registrati ai fini dell'IVA) addebitano l'IVA sulle loro vendite (imposta a valle) e recuperano l'IVA applicata sui loro acquisti di beni o servizi utilizzati nella loro attività professionale (imposta a monte). La differenza tra l'imposta a valle e l'imposta a monte è l'IVA definitivamente riscossa

Legislazione applicabile

Ladirettiva 2006/112/of del Consiglio, del 28 novembre 2013, relativa al sistema comune d'imposta sul valore aggiunto, è la legislazione europea di base relativa al sistema comune d'imposta sul valore aggiunto (IVA). LaDG Fiscalità e unione doganale è responsabile dell'attuazione delle norme in materia di IVA.

Operazioni imponibili

Le principali attività soggette all'IVA sono:

  • Cessione di beni a fini commerciali, all'interno del territorio di un paese dell'UE, effettuata da un soggetto passivo
  • Prestazioni di servizi: L'IVA è esigibile nel paese dell'UE in cui il destinatario del servizio è stabilito
  • Operazioni intracomunitarie: gli acquisti tra operatori residenti in diversi paesi dell'UE non sono considerati importazioni ed esportazioni, bensì operazioni intracomunitarie. Gli acquisti intracomunitari e le cessioni di beni effettuati tra operatori registrati ai fini dell'IVA saranno addebitati nel paese dell'UE verso il quale i beni sono spediti.
  • Importazioni: L'IVA viene riscossa sull'importazione delle merci e viene generalmente riscossa al momento dell'espletamento delle procedure di sdoganamento ai fini dell'immissione in circolazione. Tuttavia, quando i beni sono importati in un paese dell'UE ma sono destinati ad essere utilizzati o consumati in un altro, possono essere vincolati a un regime sospensivo dell'IVA. In base a tale regime, l'IVA sarà applicata nel paese dell'UE di destinazione e non nel paese dell'UE di ingresso nell'UE.

Pagamento dell'IVA (importazioni)

I pagamenti dell'IVA all'importazione sono trattati allo stesso modo dei dazi doganali.

I soggetti passivi devono compilare e presentare alla dogana il documento amministrativo unico, che deve includere il valore delle merci, il luogo di origine, il destinatario, la destinazione, il prezzo, il peso, ecc.

Le informazioni relative all'IVA, alle accise e ai dazi doganali devono essere compilate nella casella n. 47 del modulo.

Base imponibile

La base imponibile è costituita dall'importo totale effettivamente pagato o dovuto dall'acquirente, dal destinatario o da un terzo. In generale, la base imponibile è costituita dal prezzo fatturato, comprendente:

  • imposte, dazi, prelievi e tasse, esclusa l'IVA stessa
  • le spese accessorie, quali le spese di commissione, di imballaggio, di trasporto e di assicurazione chieste dal fornitore all'acquirente o al destinatario della prestazione.

All'atto dell'importazione di beni, la base imponibile comprende anche le spese accessorie sostenute fino al luogo di destinazione:

"Base imponibile = Valore in dogana + dazi doganali e altre imposte dovute a motivo dell'importazione + spese supplementari fino al luogo di destinazione."

Aliquote IVA minime

Le operazioni imponibili sono soggette alle aliquote e ai regolamenti approvati dallo Stato dell'UE in cui i beni o i servizi sono forniti. Ciascun paese dell'UE può fissare le aliquote in base ai seguenti limiti:

  • l' aliquota normale non può essere inferiore al 15 %. I paesidell'UE possono inoltre applicare una o due aliquote ridotte che non dovrebbero essere inferiori al 5 % e saranno applicate solo a cessioni di beni molto specifiche.
  • la direttiva consente l'applicazione di un'aliquota ridotta non inferiore al 12 % ("aliquota di parcheggio") per alcuni beni o servizi.
  • essa consente inoltre ad alcuni paesi dell'UE di mantenere aliquote ridotte inferiori al minimo del 5 % (aliquote superridotte).

Beni soggetti ad aliquote IVA ridotte

L'allegato III della direttiva sull'IVA consente ai paesi dell'UE di applicare aliquote ridotte alle seguenti categorie:

  1. prodotti alimentari (comprese le bevande ma escluso l'alcol) destinati al consumo umano e animale. Sono compresi gli animali vivi, le sementi, le piante, gli ingredienti normalmente destinati ad essere utilizzati nella preparazione di prodotti alimentari e i prodotti normalmente destinati ad essere integrati o sostituiti dai prodotti alimentari.
  2. approvvigionamento idrico
  3. prodotti farmaceutici ed articoli simili normalmente utilizzati per cure mediche e per la prevenzione delle malattie o per un trattamento medico o veterinario, inclusi i prodotti utilizzati per fini di contraccezione e protezione dell'igiene femminile.
  4. attrezzature mediche, ausili e altri apparecchi, normalmente destinati ad alleviare o curare disabilità, destinati esclusivamente all'uso personale degli invalidi. Ciò comprende la riparazione di tali merci e dei sedili per bambini in auto.
  5. trasporto di persone e dei rispettivi bagagli al seguito.
  6. fornitura di libri (anche in prestito da parte di biblioteche). Si tratta di opuscoli, pieghevoli, immagini per bambini, libri da disegno o da colorare, musica stampata o manoscritta, mappe, carte idrografiche, giornali e periodici. È escluso il materiale interamente o essenzialmente destinato alla pubblicità.
  7. ammissioni a spettacoli, teatri, circhi, fiere, parchi di divertimento, concerti, musei, giardini zoologici, cinema, mostre, eventi e strutture culturali simili e, infine, ricezione di servizi di radiodiffusione
  8. servizi prestati da scrittori, compositori e artisti interpreti o esecutori (sono inclusi i diritti d'autore)
  9. cessione, costruzione, ristrutturazione e trasformazione di alloggi forniti nell'ambito di una politica sociale
  10. cessioni di beni e prestazioni di servizi del tipo normalmente destinato ad essere utilizzato nella produzione agricola, esclusi i beni d'investimento quali macchinari o fabbricati
  11. alloggi forniti da alberghi e strutture simili, compresa la messa a disposizione di alloggi per vacanze e la locazione di campeggi e di parcheggi per roulotte
  12. ingresso agli eventi sportivi
  13. diritto di uso di impianti sportivi.
  14. cessioni di beni e prestazioni di servizi da parte di organismi riconosciuti dai paesi dell'UE come enti di beneficenza e impegnati in attività di assistenza o di sicurezza sociale
  15. servizi prestati da imprese di pompe funebri e servizi di cremazione, nonché cessioni di beni connessi
  16. prestazione di cure mediche e odontoiatriche nonché di cure termiche
  17. servizi prestati nell'ambito della pulizia delle strade pubbliche, della raccolta dei rifiuti e del trattamento dei rifiuti

Regimi sospensivi e zone franche

Le merci importate possono essere vincolate a uno dei regimi doganali elencati di seguito:

  • merci poste in custodia temporanea
  • merci in regime di perfezionamento attivo (sistema di sospensione dei dazi)
  • merci vincolate al deposito doganale o alle zone franche
  • importazione temporanea
  • regimi di transito
  • Zone franche in cui le merci sono esenti da IVA e dazi e oneri all'importazione

Tuttavia, l'IVA non sarà esigibile finché i beni non entreranno nel mercato per la vendita al pubblico.

Aliquote IVA nei paesi dell'UE

Le attuali aliquote IVA (%) nei paesi dell'UE sono:

 

(+) Alcuni Stati membri dell'UE hanno temporaneamente ridotto le aliquote IVA per beni specifici a sostegno della lotta contro la COVID-19 conformemente alle disposizioni stabilite nella loro legislazione nazionale.

Territori speciali

Alcuni territori dei paesi dell'UE possono essere esclusi dal campo di applicazione dell'IVA o applicare aliquote speciali.

Territori dei paesi dell'UE esclusi dall'applicazione dell'IVA
  • Germania: l'isola di Helgoland e il territorio di Büsingen
  • Italia: Livigno, Campione d'Italia e acque italiane del Lago di Lugano
  • Francia: Guadalupe, Guyana, Martinica, Riunione, Mayotte
  • Spagna: Ceuta, Melilla e Isole Canarie
  • Grecia: Montante Athos
  • Austria: Jungholz e Mittelberg
  • Danimarca: Groenlandia e Isole Fær Øer
  • Finlandia: le isole Åland
Territori con aliquote speciali
  • Portogallo: Azzorre e Madera
  • Grecia: diverse isole del Mar Egeo
  • Francia: Corsica
Territori terzi trattati come paesi dell'UE

Le operazioni effettuate in provenienza o a destinazione del Principato di Monaco sono trattate come operazioni in provenienza o a destinazione della Francia.

Dettagli dell'IVA per paese

Austria

 

Belgio

 

Bulgaria

 

Croazia

 

Cipro

 

Repubblica ceca

 

Danimarca

 

Estonia

 

Finlandia

 

Francia

 

Germania

 

Grecia

 

Ungheria

 

Irlanda

 

Italia

 

Lettonia

 

Lituania

 

Lussemburgo

 

Malta

 

Paesi Bassi

 

Polonia

 

Portogallo

 

Romania

 

Repubblica slovacca

 

Slovenia

 

Spagna

 

Svezia

 
Condividi questa pagina:

Link diretti