Version: 1.5.0.40 (2021-04-09 10:56)
Testimonianza aziendale:

Rimuovere gli ostacoli: La PMI italiana nel settore dei cosmetici mantiene l'accesso alla Cina

Rimuovere gli ostacoli: La PMI italiana nel settore dei cosmetici mantiene l'accesso alla Cina

Grazie al partenariato dell'UE per l'accesso ai mercati siamo riusciti a segnalare rapidamente l'ostacolo, consentendo all'UE di avviare immediatamente la propria strategia di rimozione degli ostacoli.

Fabio Franchina
proprietaria di Framesi S.p.A

La società

Il mio nome è Fabio Franchina e sono proprietaria di Framesi S.p.A., impresa cosmetica di medie dimensioni, ubicata nella città di Paderno Dugnano, nella periferia di Milano in Italia. Mio padre ha fondato la società nel 1945.

La nostra impresa è specializzata in prodotti professionali per la cura dei capelli, come shampoo, tinture per capelli, stiratura dei capelli: interamente concepita, creata e formulata in Italia.

 

Accesso ai mercati esteri: il nucleo della nostra strategia

Ora dipendiamo in larga misura dal commercio internazionale.

  • esportiamo il 75 % dei nostri prodotti "Made in Italy"
  • esportiamo in oltre 70 paesi in tutto il mondo.

Tuttavia, gli ostacoli nei paesi terzi rappresentano un grave problema per le nostre opportunità di esportazione. Semplicemente non possiamo permetterci di impedire l'accesso ai nostri mercati di destinazione. Una volta che si verificheranno tali ostacoli, dobbiamo agire rapidamente per porvi rimedio. È esattamente ciò che la Commissione europea ha fatto quando si è venuta a creare un ostacolo in Cina.

La nostra crescita proverrà dalla Cina.

Oggi i nostri scambi commerciali in Cina rappresentano solo il 5 % delle nostre attività, ma ci aspettiamo che cresca fino al 20 % nei prossimi cinque anni. È pertanto essenziale mantenere l'accesso a questo grande mercato.
L'ostacolo all'accesso al
mercato ci ha quasi spinto fuori dalla Cina. In


Cina è obbligatorio prevedere requisiti specifici in cinese sull'imballaggio esterno.Una prassi consolidata in tutto il mondo è quella di apporre un adesivo in una lingua locale sull'imballaggio originale, quello che chiamiamo l'adesivo nel nostro gergo.

Questa soluzione semplice consente l'esportazione senza costi eccessivi, un aspetto molto importante per le imprese più piccole.

Ma abbiamo dovuto affrontare un grave problema quando siamo stati informati di una legislazione cinese che vietava tali adesivi. Tale divieto avrebbe effettivamente chiuso il mercato cinese per la nostra società.

Potremmo aver perso il 7-8 % del fatturato totale con conseguenze negative sia sulla produzione che sull'occupazione. Questa situazione rappresenta una minaccia reale per il futuro della nostra impresa.

Grazie all'intervento dell'UE, il problema è stato risolto,

ma grazie al partenariato dell'UE per l'accesso ai mercati siamo riusciti a segnalare rapidamente l'ostacolo, consentendo all'UE di avviare immediatamente la sua strategia di rimozione degli ostacoli.

Mi risulta che la Commissione e gli Stati membri abbiano utilizzato tutte le sedi possibili per trasmettere le nostre preoccupazioni alle autorità cinesi, il che ha portato all'interruzione della misura, consentendo così di evitare i danni e di continuare la nostra crescita in Cina.

 

Il punto di vista dell'industria

Secondo Cosmetics Europe, l'associazione europea di categoria per il settore dei cosmetici e dell'igiene personale, il settore dei cosmetici impiega circa 1.8 milioni di lavoratori in Europa e apporta ogni anno all'economia europea almeno 29 miliardi di euro di valore aggiunto. Nel complesso il settore conta circa 4,600 PMI. L'associazione ha commentato la storia:

Quando il nostro membro dell'associazione italiana Cosmetica Italia ci ha informato in merito a tale ostacolo all'accesso al mercato originariamente segnalato da Framesi S.p.A., non abbiamo esitato a utilizzare il quadro del partenariato per l'accesso al mercato per segnalare la questione alla Commissione. In seguito all'aumento del protezionismo, è essenziale continuare a utilizzare in futuro il quadro del partenariato per l'accesso ai mercati.


Vedi di più

Condividi questa pagina:

Link diretti