Accordo di partenariato economico interinale UE-Stati del Pacifico

L'accordo di partenariato economico (APE) UE-Pacifico rende più facile per i cittadini e le imprese delle due regioni investire e commerciare tra loro e stimolare lo sviluppo in tutto il Pacifico. Scopri in che modo l'APE dell'UE con quattro Stati del Pacifico può apportare benefici al tuo commercio.

L'accordo in sintesi

L'APE UE-Pacifico è stato ratificato dal Parlamento europeo nel gennaio 2011 e dalla Papua Nuova Guinea nel maggio 2011. Il governo delle Figi ha iniziato ad applicare l'accordo nel luglio 2014. Samoa ha aderito all'accordo nel dicembre 2018 e da allora lo applica. Anche le Isole Salomone hanno aderito all'accordo nel maggio 2020 e da allora lo applicano.

Tonga e Timor Leste hanno informato la Commissione europea della loro intenzione di aderire all'APE.

L'APE UE-Pacifico apre gli scambi di merci con l'UE. L'accordo comprende:

  • accesso al mercato dell'UE in esenzione da dazi e contingenti per tutte le merci provenienti dagli Stati del Pacifico aderenti all'APE
  • apertura asimmetrica e graduale dei loro mercati ai beni dell'UE, tenendo pienamente conto delle differenze nei livelli di sviluppo e nei settori sensibili
  • esclusione di alcuni settori e prodotti sensibili dalla liberalizzazione per il Pacifico
  • la possibilità per gli Stati del Pacifico di reintrodurre dazi e contingenti se le importazioni dall'UE perturbano o minacciano di perturbare le loro economie locali
  • norme sugli ostacoli tecnici agli scambi e misure sanitarie e fitosanitarie per aiutare gli esportatori del Pacifico a rispettare le norme dell'UE in materia di importazioni
  • procedure doganali efficienti e maggiore cooperazione tra amministrazioni
  • miglioramento delle norme di origine per i prodotti della pesca trasformati provenienti dal Pacifico — la cosiddetta disposizione di "approvvigionamento globale", intesa a stimolare la creazione di posti di lavoro e lo sviluppo nella regione.

Paesi a favore dei paesi

  • Figi
  • Papua Nuova Guinea
  • Samoa
  • Isole Salomone

Possibili paesi che beneficeranno in futuro

  • Tonga ha espresso l'intenzione di aderire all'APE
  • Timor Leste ha espresso l'intenzione di aderire all'APE
  • L'accordo rimane aperto all'adesione degli altri paesi ACP del Pacifico

Disposizioni asimmetriche a favore dei paesi del Pacifico

L'APE UE-Pacifico prevede disposizioni asimmetriche a favore dei paesi del Pacifico, quali l'esclusione dei prodotti sensibili dalla liberalizzazione, lunghi periodi di liberalizzazione, norme di origine flessibili, oltre a speciali misure di salvaguardia e misure per l'agricoltura, la sicurezza alimentare e le industrie nascenti.

 

Mentre i mercati dell'UE sono stati immediatamente e completamente aperti, gli Stati aderenti all'APE del Pacifico aprono i loro mercati parzialmente e gradualmente alle importazioni dall'UE, tenendo pienamente conto delle differenze nei livelli di sviluppo.

Tariffe

  • L'UE concede un accesso del 100 % in esenzione da dazi e contingenti a tutte le importazioni provenienti dai paesi APE del Pacifico. L'accesso al mercato dell'UE è permanente, pieno e gratuito per tutti i prodotti.
  • I paesi APE del Pacifico eliminano gradualmente i dazi parzialmente e gradualmente come segue:
    • La Papua Nuova Guinea ha aperto volontariamente il suo mercato all'88 % delle importazioni dell'UE fin dal primo giorno (anche se avrebbe beneficiato di un periodo di transizione di 15 anni)
    • Le Figi stanno aprendo il loro mercato all'87 % delle importazioni dall'UE nell'arco di 15 anni
    • Samoa apre il suo mercato all'80 % delle importazioni dall'UE nell'arco di 20 anni
    • Le Isole Salomone aprono il loro mercato all'83 % delle importazioni dall'UE nell'arco di 15 anni
  • In caso di improvviso aumento delle importazioni di alcune merci dell'UE nei paesi APE del Pacifico, i paesi APE del Pacifico possono applicare misure di salvaguardia quali i contingenti di importazione e la reintroduzione dei dazi in circostanze irrisorie.

 

Utilizzare l'opzione di ricerca del mio assistente commerciale per trovare le informazioni esatte sui dazi e sulle tariffe per il tuo prodotto specifico, tenendo conto del paese di origine e di destinazione. In caso di dubbio, contattate le vostre autorità doganali.

 

Norme di origine

Per poter beneficiare del trattamento preferenziale, il prodotto dovrà soddisfare le norme di origine previste dall'accordo. Consulta lostrumento interattivo di autovalutazione delle regole di origine (ROSA) nel mio assistente commerciale per valutare se il tuo prodotto rispetta le norme di origine e scoprire come preparare i documenti corretti.

Informazioni generali sullenorme di originee sulle procedure di origine sono disponibili in questa sezione.

L'origine è la "nazionalità economica" dei beni oggetto di scambio. Se sei nuovo all'argomento, puoi trovare un'introduzione ai concetti principali nella sezione "Merci".

Norme di origine

Per beneficiare dell'aliquota preferenziale, il prodotto deve rispettare determinate norme che ne dimostrino l'origine.

Dove posso trovare le norme di origine?

Le norme di origine sono stabilite nel protocollo II relativo alla definizione della nozione di "prodotti originari" e ai metodi di cooperazione amministrativa dell'accordo di partenariato economico UE-Pacifico.

Il mio prodotto è originario dell'UE o di uno Stato APE del Pacifico?

Per poter beneficiare di una tariffa preferenziale inferiore o pari a zero ai sensi dell'accordo di partenariato economico UE-Pacifico, il prodotto deve essere originario dell'UE o di uno Stato APE del Pacifico. Un prodotto è considerato originario dell'UE o di uno Stato APE del Pacifico se è:

Il prodotto deve inoltre soddisfare tutti gli altri requisiti applicabili specificati nel capitolo (ad esempio lavorazioni o trasformazioni insufficienti, regola del trasporto diretto). Vi sono anche alcune flessibilità aggiuntive per aiutarvi a rispettare le norme specifiche per prodotto (ad esempio tolleranza o cumulo).

 

Esempi di norme specifiche per prodotto negli accordi commerciali dell'UE

  • regola del valore aggiunto — il valore di tutti i materiali non originari utilizzati non può superare una determinata percentuale del prezzo franco fabbrica del prodotto.
  • la modifica della classificazione tariffaria — il processo di produzione comporta una modifica della classificazione tariffaria tra i materiali non originari e il prodotto finale, ad esempio la produzione di carta (capitolo 48 del sistema armonizzato) a partire da pasta non originaria (capitolo 47 del sistema armonizzato);
  • operazionispecifiche — è necessario un processo di produzione specifico, ad esempio la filatura di fibre per filati. Tali norme sono utilizzate principalmente nei settori tessile, dell'abbigliamento e chimico.
  • una combinazione di queste diverse norme è possibile se le diverse norme sono rispettate in alternativa o in combinazione.

Consigli per aiutarti a rispettare le norme specifiche per prodotto

L'accordo offre ulteriore flessibilità per aiutarvi a rispettare le norme specifiche per prodotto, come la tolleranza o il cumulo.

Tolleranza
  • la regola di tolleranza consente al produttore di utilizzare materiali non originari normalmente vietati dalla norma specifica per prodotto fino al 15 % del prezzo franco fabbrica del prodotto
  • questa tolleranza non può essere utilizzata per superare una qualsiasi soglia di materiali non originari massimi espressi in valore elencato nelle norme specifiche per prodotto.
  • tolleranze specifiche si applicano ai tessili e all'abbigliamento classificati nei capitoli da 50 a 63 del sistema armonizzato, che sono inclusi nelle note da 5 a 6 dell'allegato 1 "Note introduttive".
Cumulo

L'accordo prevede i seguenti tipi di cumulo dell'origine

  • cumulo bilaterale, che consente di considerare i materiali originari di uno Stato aderente all'APE del Pacifico come originari dell'UE (e viceversa) se utilizzati nella fabbricazione di un prodotto
  • cumulo integrale, che consente di considerare i materiali non originari originari dell'UE o degli Stati aderenti all'APE del Pacifico, se lavorati o trasformati in tali paesi o in altri Stati ACP o paesi e territori d'oltremare dell'UE
  • ilcumulo diagonale, che consente di considerare i materiali originari di qualsiasi Stato aderente all'APE del Pacifico, di un altro Stato ACP o di un paese o territorio d'oltremare dell'UE come se fossero originari di uno Stato APE del Pacifico o dell'UE se utilizzati nella produzione di un prodotto a determinate condizioni. Questo tipo di cumulo richiede l'esistenza di un accordo di cooperazione amministrativa tra i due paesi da cui l'origine è cumulata.

A decorrere dal 22 febbraio 2019, l'UE può applicare il cumulo diagonale con alcuni Stati ACP e con i paesi e territori d'oltremare dell'UE (GU C 69 del 22.2.2019, pag. 2).

  • cumulo con paesi in via di sviluppo vicini, che consente di considerare i materiali originari di tali paesi come originari di uno Stato del Pacifico quando sono utilizzati nella fabbricazione di un prodotto, purché siano soddisfatte determinate condizioni

Altri requisiti

Il prodotto deve inoltre soddisfare tutti gli altri requisiti applicabili specificati nel protocollo, quali lavorazioni o trasformazioni insufficienti o la regola del trasporto diretto:

Trasporto attraverso un paese terzo: regola del trasporto diretto

I prodotti originari devono essere trasportati dall'UE a uno Stato APE del Pacifico (e viceversa) senza essere ulteriormente trasformati in un paese terzo.

Il trasbordo o il deposito temporaneo in un paese terzo sono consentiti se i prodotti rimangono sotto la sorveglianza delle autorità doganali e non subiscono operazioni diverse da quelle

  • scarico
  • nuovo carico
  • qualsiasi operazione destinata a conservarli in buone condizioni

I prodotti originari possono essere trasportati mediante condutture attraverso un territorio diverso da quello degli Stati del Pacifico aderenti all'APE o dell'UE.

La prova del trasporto diretto dovrà essere fornita alle autorità doganali del paese importatore.

Restituzione dei dazi

L'accordo di partenariato economico UE-Pacifico consente il rimborso dei dazi precedentemente pagati sui materiali non originari utilizzati per fabbricare un prodotto esportato nell'ambito di una tariffa preferenziale.

Procedure di origine

Gli esportatori e gli importatori devono seguire le procedure di origine. Le procedure di origine relative alle richieste di una tariffa preferenziale e al controllo da parte delle autorità doganali sono definite nel titolo IV sulla prova dell'origine e nel titolo V relativo ai regimi di cooperazione amministrativa. Chiariscono, ad esempio, in che modo:

  • dichiarare l'origine di un prodotto
  • per chiedere preferenze
  • le autorità doganali possono verificare l'origine di un prodotto.

Come chiedere una tariffa preferenziale?

Per beneficiare del trattamento preferenziale occorre fornire la prova dell'origine.

  • avrai bisogno di:
    • un certificato di circolazione delle merci EUR.1 o
    • una dichiarazione di origine
  • la prova dell'origine è valida per un periodo di 10 mesi dalla data del rilascio.
  • non è richiesta alcuna prova dell'origine se il valore totale dei prodotti non supera
    • 500 EUR per piccoli imballaggi
    • 1,200 EUR per i bagagli personali

Prova dell'origine

Certificato di circolazione delle merci EUR.1

  • I certificati di circolazione EUR.1 sono rilasciati dalle autorità doganali del paese di esportazione
  • L'allegato III contiene un modello di certificato EUR.1 e ne dà istruzioni per la compilazione.
  • l'esportatore che richiede il certificato deve essere pronto a presentare documenti comprovanti il carattere originario dei prodotti in questione.

Dichiarazione di origine (autodichiarazione dell'esportatore)

  • gli esportatori possono autodichiarare che il loro prodotto è originario dell'UE o di uno Stato APE del Pacifico fornendo una dichiarazione di origine. La dichiarazione di origine può essere presentata da:
    • un esportatore autorizzato, oppure
    • qualsiasi esportatore, se il valore totale dei prodotti non supera 6,000 EUR

 

Esportatori autorizzati

Gli esportatori ai sensi del presente accordo possono chiedere alle loro autorità doganali l'autorizzazione a compilare dichiarazioni di origine per prodotti di qualsiasi valore.

L'esportatore deve fornire alle autorità doganali garanzie sufficienti circa la possibilità di verificare il carattere originario dei prodotti e il rispetto di tutti gli altri requisiti dell'accordo (protocollo).

Le autorità doganali possono revocare lo status di esportatore autorizzato in caso di abuso.

Che cosa dovrebbe contenere la dichiarazione di origine?

  • l'esportatore deve stampare, timbrare o stampare la seguente dichiarazione sulla fattura, sulla bolletta di consegna o su altro documento commerciale che identifichi il prodotto (allegato IV): "L'esportatore dei prodotti contemplati dal presente documento (autorizzazione doganale n.... ) dichiara che, salvo indicazione contraria, tali prodotti sono di... origine preferenziale."
  • la dichiarazione di origine può essere redatta in una qualsiasi delle lingue ufficiali dell'UE
  • la dichiarazione di origine deve essere firmata a mano. Se sei un esportatore autorizzato, sei esonerato da questo requisito purché consegni alle autorità doganali un impegno scritto che accetti la piena responsabilità di qualsiasi dichiarazione che ti identifichi.

Presentazione della domanda

  • la dichiarazione di origine può essere compilata dall'esportatore al momento dell'esportazione dei prodotti cui si riferisce o dopo l'esportazione, a condizione che sia presentata nel paese d'importazione entro due anni dall'importazione dei prodotti cui si riferisce.
  • quando compila una dichiarazione di origine, l'offerente deve essere pronto a presentare documenti comprovanti il carattere originario dei suoi prodotti

Verifica dell'origine

Le autorità doganali possono verificare se un prodotto importato sia effettivamente originario o soddisfi altri requisiti in materia di origine. La verifica si basa su:

  • cooperazione amministrativa tra le autorità doganali della parte importatrice e della parte esportatrice
  • controlli effettuati dalle autorità doganali locali — non sono consentite visite della parte importatrice presso l'esportatore

Le autorità della parte esportatrice determinano l'origine e ne informano le autorità della parte importatrice.

Requisiti del prodotto

Norme e requisiti tecnici

  • scopri i requisiti tecnici, le norme e le procedure che le merci devono soddisfare per essere importate nell'Unione europea
  • cerca le norme e i regolamenti specifici applicabili al tuo prodotto e al suo paese di origine nel mio assistente al commercio

Requisiti sanitari e di sicurezza SPS

Documenti e procedure di sdoganamento

Per una descrizione di come dimostrare l'origine dei prodotti per chiedere tariffe preferenziali e delle norme relative al controllo dell'origine da parte delle autorità doganali, si rimanda alla sezione relativa alle norme di origine.

Scopri altri documenti e procedure di sdoganamento necessari per importare nell'Unione europea.

Per informazioni sulle procedure doganali per l'importazione e l'esportazione in generale, consultare il sito web della DG Fiscalità e unione doganale.

Proprietà intellettuale e indicazioni geografiche

Scambi di servizi

Appalti pubblici

Investimenti

Altre zone

Concorrenza

  • dal 2 014 l'UE ha interrotto le sovvenzioni all'esportazione per tutti i prodotti esportati nei paesi APE
  • l'UE ha ridotto al minimo le misure con effetti distorsivi sulla produzione e sugli scambi
  • se l'industria locale è minacciata dall'impennata delle importazioni dall'Europa, l'APE del Pacifico consente di attivare misure per proteggere i settori industriali e l'industria nascente

Sviluppo sostenibile e diritti umani

L'APE UE-Pacifico si basa esplicitamente sugli elementi "essenziali e fondamentali" stabiliti nell' accordo di Cotonou, vale a dire i diritti umani, i principi democratici, lo Stato di diritto e il buon governo.

  • la "clausola di non esecuzione" significa che possono essere adottate "misure appropriate" (come stabilito dall'accordo di Cotonou) se una delle parti non adempie ai propri obblighi in relazione agli elementi essenziali. Ciò può includere la sospensione dei vantaggi commerciali.
  • le istituzioni congiunte APE hanno il compito di monitorare e valutare l'impatto dell'attuazione dell'APE sullo sviluppo sostenibile delle parti. In linea con l'accordo di Cotonou, la società civile e i parlamentari svolgono un ruolo chiaro.

Potenziamento delle capacità e assistenza tecnica

L'UE fornisce assistenza tecnica in materia di aiuti al commercio. Ciò aiuta i paesi ad adeguare le loro procedure doganali e a ridurre le formalità burocratiche. Per voi, ciò significa meno intrusione nel trattare con le dogane.

Link e documenti utili

Condividi questa pagina:

Link diretti