Version: 1.0.24.26 (2020-11-23 14:15)

Accordo di associazione UE-Cile

In sintesi

Nel 2 002 l'UE e il Cile hanno concluso un accordo di associazione che comprende un accordo globale di libero scambio, entrato in vigore nel febbraio 2003, riguardante le relazioni commerciali UE-Cile.

L'accordo è stato modificato dal protocollo di adesione del 2004.

Segue

Norme di origine

Questa sezione introduce le principali norme di origine e le procedure di origine dell'accordo.

L'origine è la "nazionalità economica" delle merci commercializzate. Se siete nuovi al tema, potete trovare un' introduzione ai concetti principali nella sezione Merci.

Norme di origine

Il prodotto deve essere conforme a determinate norme che ne dimostrano l'origine per poter beneficiare dell'aliquota preferenziale.

Dove posso trovare le norme di origine?

Le norme di origine sono stabilite nell' allegato III dell'accordo di associazione (GU L 352 del 30.12.2002, pag. 935). Il link si riferisce alla versione consolidata quale modificata dal protocollo di adesione del 2004 all'accordo (GU L 38 del 10.2.2005, pag. 3) e alla decisione n. 2/2015 del Comitato di associazione UE-Cile del 30 novembre 2015.

Le note esplicative relative all'allegato III sono state pubblicate nel 2003 (GU C 321 del 31.12.2003, pag. 22) e riviste nel 2005(GU C 56 del 5.3.2005, pag. 36).

Il mio prodotto è originario dell'UE o del Cile?

Affinché il prodotto possa beneficiare della tariffa preferenziale inferiore o pari a zero a norma dell'accordo di associazione UE-Cile, deve essere originario dell'UE o del Cile.

Un prodotto è originario dell'UE o del Cile, se

  • interamente ottenuti nell'UE o in Cile, o
  • Fabbricati nell'UE o in Cile utilizzando materiali non originari, purché tali materiali siano stati sufficientemente lavorati o trasformati conformemente alle norme specifiche per prodotto di cui all' appendice II
    Cfr. anche l' appendice I "Note introduttive" alle norme di origine specifiche per prodotto.
    Per alcuni prodotti esistono norme alternative specifiche per prodotto (cfr. appendice II bis).

 

Esempi di norme specifiche per prodotto negli accordi commerciali dell'UE

  • regola del valore aggiunto — il valore di tutti i materiali non originari di un prodotto non può superare una determinata percentuale del suo prezzo franco fabbrica
  • modifica della classificazione tariffaria — il processo di produzione comporta una modifica della classificazione tariffaria tra i materiali non originari e il prodotto finale — ad esempio la fabbricazione di carta (capitolo 48 del sistema armonizzato) a partire da pasta non originaria (capitolo 47 del sistema armonizzato)
  • operazioni specifiche — è necessario un processo di produzione specifico, ad esempio la filatura di fibre in tali norme è utilizzata principalmente nei settori tessile e dell'abbigliamento e nei settori chimico.

 

Le norme specifiche applicabili al prodotto sono reperibili in My Trade Assistant.

Consigli per aiutarti a rispettare le norme specifiche per prodotto

L'accordo prevede un'ulteriore flessibilità per aiutarvi a rispettare le norme specifiche per prodotto, come la tolleranza o il cumulo.

Tolleranza
Cumulo
  • Cumulo bilaterale— I materiali originari del Cile possono essere considerati originari dell'UE (e viceversa) se utilizzati nella fabbricazione di un prodotto

Altre prescrizioni

Il prodotto deve inoltre soddisfare tutti gli altri requisiti applicabili specificati nel protocollo, quali lavorazioni o trasformazioni insufficienti o la regola del trasporto diretto.

Trasporto attraverso un paese terzo: regola del trasporto diretto

I prodotti originari devono essere trasportati dall'UE al Cile (e viceversa) senza essere ulteriormente trasformati in un paese terzo.

È consentito il trasbordo o il deposito temporaneo in un paese terzo, a condizione che le merci rimangano sotto la sorveglianza delle autorità doganali e non subiscano operazioni diverse

  • aggiunta o apposizione di marchi, etichette o sigilli
  • scarico
  • ricarico
  • frazionamento delle partite
  • qualsiasi operazione destinata a preservarli in buono stato

Dovrai fornire la prova del trasporto diretto alle autorità doganali del paese d'importazione, ad esempio:

  • documenti contrattuali di trasporto (ad esempio polizze di carico)
  • prove fattuali o concrete basate sulla marcatura o sulla numerazione dei colli
  • qualsiasi prova relativa alle merci stesse;
Restituzione dei dazi

Ai sensi dell'accordo di associazione UE-Cile, non è possibile ottenere la restituzione dei dazi precedentemente pagati sui materiali non originari utilizzati per fabbricare un prodotto esportato nell'ambito di una tariffa preferenziale.

Procedure di origine

Sedesideri chiedere una tariffa preferenziale, dovrai seguire le procedure di origine e far verificare la tua richiesta da parte delle autorità doganali del paese in cui importa le merci. Le procedure sono definite nel titolo V sulla prova dell'origine e nel titolo IV sulle modalità di cooperazione amministrativa.

Come richiedere una tariffa agevolata

Per beneficiare di una tariffa preferenziale, gli importatori devono fornire la prova dell'origine.

La prova dell'origine può essere:

Per maggiori informazioni sulla compilazione delle prove dell'origine consultare le note esplicative dell'allegato III e la loro versione riveduta.

Non è richiesta alcuna prova dell'origine se il valore totale della spedizione non supera

  • 500EUR per piccoli imballaggi o
  • 1,200EUR per i bagagli personali

La prova dell'origine rimane valida per 10 mesi dalla data del rilascio.

Certificato di circolazione delle merci EUR.1

I certificati di circolazione EUR.1 sono rilasciati in Cile dalla Dirección General de Relaciones Económicas Internacionales (DIRECON) del ministero degli Affari esteri e dai suoi uffici locali ProCile. La DIRECON è inoltre competente per

  • rilascio, controllo e revoca delle autorizzazioni agli "esportatori autorizzati"
  • controlli a posteriori su richiesta dell'autorità doganale di uno Stato membro dell'UE

L'autorità doganale cilena può chiedere alle autorità doganali degli Stati membri dell'UE di verificare il carattere originario delle merci o l'autenticità della prova dell'origine. L'esportatore che richiede il certificato deve essere pronto a presentare documenti comprovanti il carattere originario dei prodotti in questione.

L'appendice III contiene un modello di certificato EUR.1 e reca indicazioni per la sua compilazione.

Dichiarazione di origine

Gli esportatori possono autodichiararsi che il loro prodotto è originario dell'UE o del Cile presentando una dichiarazione di origine. Può essere effettuata da

  • un esportatore autorizzato, o
  • da qualsiasi esportatore, purché il valore totale della spedizione non superi 6 000 EUR

Per diventare esportatore autorizzato occorre essere in grado di dimostrare alle autorità doganali competenti il carattere originario dei vostri prodotti e qualsiasi altra condizione da esse imposta. Le autorità competenti possono revocare lo status riconosciuto in caso di abuso. Per saperne di più sulle procedure, contattare le autorità doganali competenti (DIRECON per la parte cilena).

Come presentare una dichiarazione di origine?

L'esportatore deve stampare, stampare o stampare la seguente dichiarazione (nella lingua appropriata) sulla fattura, sulla bolla di consegna o su altro documento commerciale che descriva i prodotti in questione in modo sufficientemente dettagliato da consentirne l'identificazione:

"L'esportatore delle merci contemplate dal presente documento (autorizzazione doganale n....) dichiara che, salvo indicazione contraria, tali prodotti sono di origine preferenziale...".

Il testo della dichiarazione di origine può essere redatto in una qualsiasi delle lingue ufficiali dell'UE e figura nell' appendice IV. Informatevi presso le vostre autorità doganali di eventuali requisiti supplementari.

La dichiarazione di origine deve essere firmata a mano. Gli esportatori autorizzati sono esonerati da tale obbligo a condizione che si impegnino per iscritto alle autorità doganali ad accettare la piena responsabilità di qualsiasi dichiarazione che La identifichi.

Nel compilare una dichiarazione di origine, dovreste essere pronti a presentare documenti comprovanti il carattere originario dei vostri prodotti.

La dichiarazione di origine può essere compilata dall'esportatore al momento dell'esportazione dei prodotti cui si riferisce o successivamente, a condizione che sia presentata alle autorità doganali del paese d'importazione entro due anni dall'importazione dei prodotti cui si riferisce.

Verifica dell'origine

Le autorità doganali possono verificare se un prodotto importato sia effettivamente originario o soddisfi altri requisiti in materia di origine. La verifica si basa su:

  • cooperazione amministrativa tra le autorità doganali delle parti importatrici e delle parti esportatrici
  • controlli effettuati dalle autorità doganali locali — non sono consentite visite della parte importatrice all'esportatore

Le autorità della parte esportatrice determinano l'origine e informano le autorità della parte importatrice dei risultati.

Link e contatti utili

Delegazione dell' Unione europea in Cile

AV Ricardo Lyon 222 Torre Paris, 3º piso. Providencia. Santiago

Codice postale: 10093 Correo Central, Santiago

Tel.: (56) (2) 24286800

E-mail: delegation-chile@eeas.europa.eu

Sito web: eeas.europa.eu/delegations/chile_en

Link diretti